Flan di zucca

/5

PRESENTAZIONE

Flan di zucca

I flan di zucca sono piccole delizie dal sapore dolce e delicato, ideali come aperitivo sfizioso. In contrasto con il gusto della polpa di zucca, abbiamo guarnito i flan con una crema al caprino un formaggio dal sapore deciso e piacevolmente acidulo. Questa ricetta si presta per numerose varianti: ad esempio potete arricchire il ripieno del flan di zucca con della pancetta a cubetti oppure sostituire mezza dose di Parmigiano con del pecorino. Se invece preferite rimanere più leggeri, potreste realizzare la crema al caprino con del latte invece della panna. Colorate la vostra tavola preparando tante diverse ricette di flan!

INGREDIENTI

Ingredienti per 5 flan
Zucca polpa 500 g
Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare 100 g
Latte intero 1 cucchiaio
Olio extravergine d'oliva q.b.
Pepe nero q.b.
Sale fino q.b.
Rosmarino q.b.
Noce moscata q.b.
Uova medie 4
Per la crema al caprino
Caprino 240 g
Panna fresca liquida 100 ml
Pepe nero q.b.
Sale fino 1 pizzico
per ungere gli stampini
Burro q.b.
Preparazione

Come preparare il Flan di zucca

Per preparare i flan di zucca, affettate la zucca, eliminate la buccia con un coltello affilato 1 e i semini interni. Disponete le fette su una leccarda foderata con carta da forno, poi irroratele con un filo d'olio 2, sale e pepe a piacere e rametti di rosmarino 3. Coprite la teglia con carta alluminio perchè in cottura non si secchi e infornate in forno statico preriscaldato a 200° per circa 15 minuti (180° per circa 10 minuti se forno ventilato).

Una volta cotta, sfornate e fate intiepidire leggermente la zucca; poi versatela in un mixer 4 e aggiungete le uova 5 con il Parmigiano grattugiato 6.

Grattate la noce moscata 7, salate a piacere e versate anche il latte 8. Frullate fino ad ottenere una crema omogenea 9.

A questo punto imburrate gli stampini della capacità di 125 ml 10 e foderateli con ritagli di carta da forno 11 avendo cura di far uscire dei lembi di carta dagli stampini così potrete sformare più facilmente i flan (potete imburrare accuratamente gli stampini ed evitare di foderarli con carta da forno, mentre se non dovete sformarli potete utilizzare delle coppette di ceramica o gli stampini in alluminio usa e getta). Versate il composto ricoprendo i 2/3 dello stampino aiutandovi con un mestolo 12.

Ponete i flan ravvicinati in una teglia dai bordi alti e aggiungete acqua calda (non bollente) per la cottura a bagno maria 13; l'acqua dovrà arrivare ai 2/3 degli stampini. Cuocete i flan di zucca in forno statico preriscaldato a 180° per circa 45 minuti (a 160° per circa 35-40 minuti se forno ventilato). Una volta cotti, sfornateli 14 e fateli raffreddare completamente. Mentre i flan cuocriono, dedicatevi alla crema al caprino: in una ciotola versate il formaggio caprino e la panna 15 o il latte;

aggiustate con un pizzico di sale 16 e mescolate gli ingredienti con un cucchiaio di legno o una frusta 17 per creare un composto cremoso. Sfornate i flan, impiattateli facendo colare su ciascuno la crema al caprino 18. Potete decorare i flan di zucca con erba cipollina tritata!

Conservazione

Potete conservare i flan di zucca in frigorifero per 2-3 giorni al massimo in un contenitore chiuso ermeticamente o coperti con pellicola trasparente.
E' possiible congelare i flan se sono stati utilizzati ingredienti freschi.

Consiglio

Colorate la vostra tavola con flan di colori diversi, variando il ripieno alle barbabietole, pomodori, spinaci per creare un aperitivo sfizioso! Se preferite un sapore ancora più spiccato, sostituite metà dose di Parmigiano per il ripieno con del pecorino!

RICETTE CORRELATE
COMMENTI202
  • simosimoops
    martedì 30 marzo 2021
    Vorrei sapere le quantità per fare 8 flan, grazie
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 31 marzo 2021
    @simosimoops: Ciao, tieni conto che queste dosi sono per 5 persone quindi puoi fare un po' meno di doppia dose smiley
  • mariadaria
    venerdì 26 febbraio 2021
    Salve, posso usare lo stampino dei muffin in silicone?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 26 febbraio 2021
    @mariadaria: Ciao, meglio di no