Frittatine di pasta napoletane

PRESENTAZIONE

Siete in giro per strada e avvertite un leggero languorino? Se vi trovaste a Napoli potreste fermarvi alla prima pizzeria o rosticceria per chiedere una di quelle frittatine di pasta napoletane esposte in vetrina! Davvero non le conoscete? Nulla a che vedere con la frittata di spaghetti in versione mignon, bensì si tratta di medaglioni di pasta impastati con la besciamella e farciti con un delizioso ripieno a base di prosciutto cotto e piselli. Le frittatine di pasta napoletane si mangiano mentre si passeggia per i vicoli di Napoli o mentre si attende il proprio turno fuori la pizzeria pronti per gustare una bella Margherita! Una prelibatezza napoletana in pieno stile street food a cui è davvero difficile resistere. Noi vi invitiamo a far visita nella bella città che porta il nome della sirena Partenope ma nel frattempo, visto che sicuramente vi sarà venuta una gran fame, potete correre a preparare le frittatine di pasta napoletane e farvi tentare. Scoprirete così quanto sono buone e che ripieno cremoso vi aspetta!

INGREDIENTI

671
CALORIE PER PORZIONE
Ingredienti per 15 frittatine
Bucatini 500 g
Prosciutto cotto da fare a cubetti 150 g
Piselli surgelati 75 g
Aglio 1 spicchio
Olio extravergine d'oliva q.b.
Olio di semi di arachide 1,5 l
Sale fino q.b.
per la besciamella
Farina 00 200 g
Burro 130 g
Latte intero 1 l
Sale fino q.b.
Noce moscata q.b.
Per la pastella
Acqua 325 g
Farina 00 200 g
Preparazione

Come preparare le Frittatine di pasta napoletane

Per preparare le frittatine di pasta napoletane cominciate dalla besciamella. Mettete a scaldare il latte in un pentolino 1 mentre in una casseruola lasciate sciogliere il burro. Non appena il burro è fuso aggiungete la farina tutto in un colpo 2 e mescolate con una frusta finché il tutto non si compatta 3. Se dovesse coagulare in fretta non preoccupatevi.

Stemperate poi con il latte caldo versandolo un po’ alla volta e facendo attenzione che non si creino grumi 4. Una volta stemperato bene il composto aggiungete sale e noce moscata 5 e proseguite la cottura finché non otterrete una crema bella soda. Trasferitela in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e lasciate raffreddare a temperatura ambiente 6.

Passate al ripieno. Tagliate il prosciutto a fette, listarelle e infine cubetti di 0,5 cm 7. Nel frattempo schiacciate uno spicchio d’aglio in camicia 8 e mettete in una padella insieme ad un filo d’olio. Fate insaporire per qualche istante a fuoco medio e poi unite i cubetti di cotto e i piselli 9

Saltate pochi istanti, regolate di sale, togliete l’aglio e mettete da parte 10. A questo punto potete cuocere la pasta in acqua bollente e salata 11, abbiate cura di scolarla quando mancano 2-3 minuti dalla cottura. Versatela sul piano da lavoro leggermente unto 12,

poi aggiungete un goccio d’olio 13 e mescolate velocemente per non bruciarvi 14. Sminuzzate grossolanamente con il coltello e lasciate raffreddare 15.

Quando tutti gli ingredienti saranno a temperatura ambiente, versate la besciamella sulla pasta 16. Impastate bene con le mani 17 e poi prendetene un pugnetto. Scavate un po’ di spazio al centro 18

e inserite una manciata di piselli e prosciutto 19. Richiudete 20 e schiacciate bene bene all’interno di un coppa pasta da 8 cm. In alternativa potete anche modellare a mano. 21.

Man mano sollevate i medaglioni aiutandovi con una palettina e poi disponete su un vassoio con carta forno 22. Staccate l’anello 23 e ricominciate ottenendo circa 15 pezzi. Quando saranno tutti pronti lasciateli raffreddare in frigorifero per almeno un’oretta o finché non risulteranno ben rassodati 24.

Mettete a scaldare l’olio per friggere e preparate la pastella. In una bacinella versate la farina e stemperate versando l’acqua a filo mentre mescolate con le fruste 25. Regolate di sale e continuate a mescolare finché non avrete ottenuto una pastella liscia senza grumi 26 e immergete la prima frittatina 27.

Scolate la pastella in eccesso e immergete nell’olio bollente 28 potete aggiungerne delle altre, ma non più di 2 – 3 frittatine per volta. In questo modo la temperatura dell’olio resterà costantemente calda a 180°-190°. Dopo 3-4 minuti dovrebbero essere ben dorate 29, quindi scolate su carta assorbente e continuate a cuocere tutte le altre. Ecco pronte le vostre frittatine di pasta napoletane: buon appetito 30!

Conservazione

Le frittatine di pasta si conservano in frigorifero per 2-3 giorni, meglio scaldarle prima di consumarle.
Se preferite potete anche congelarle, meglio da crude, così potrete lasciarle scongelare in frigo e poi procedere come da ricetta. Le frittatine possono essere congelate anche da cotte all’occorrenza.
Organizzate bene i tempi preparando in anticipo la besciamella o le frittatine già pronte per la pastella. In questo caso basterà tenere il tutto in frigorifero fino a 12 ore.

Consiglio

Nella versione tradizionale non è previsto il pangrattato ma se preferite potete provare a passare le vostre frittatine di pasta napoletane prima nella pastella e poi nel pangrattato, risulteranno più dorate una volta cotte.
Volete delle golose varianti? Quella più tradizionale con carne macinata scottata in padella con i piselli, simil ragù bolognese ma veloce. E poi le più new age come parmigiana di melanzane, di soli formaggi e persino di tonno in scatola con piselli!

Per questa ricetta, ti consigliamo di provare i Bucatini n° 6 Rummo.

Pasta Rummo, eccezionale tenuta alla cottura.
Grazie alla qualità delle semole utilizzate, alla cura dei maestri pastai e al Metodo Lenta Lavorazione®, la pasta Rummo è l’unica certificata per la tenuta alla cottura. Gli oltre 170 anni di esperienza e la trafilatura al bronzo rendono Pasta Rummo eccezionale. Scopri di più

15 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • ginetta. 1987
    sabato 16 maggio 2020
    Sto provando a fare queste frittelline, ma se provassi a mettere anche il pangrattato? Secondo voi come vengono?
    Redazione Giallozafferano
    sabato 16 maggio 2020
    @ginetta. 1987: Ciao, puoi usarlo dopo aver pastellato le frittatine
  • Francesca98
    martedì 12 maggio 2020
    Salve, una domanda Se le volessi congelare crude, le posso impanare per poi congelarle?
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 13 maggio 2020
    @Francesca98:Ciao, puoi congelarle dopo il passaggio 24.