Funghi trifolati

/5

PRESENTAZIONE

Funghi trifolati

I funghi trifolati sono un contorno molto semplice da preparare: i protagonisti sono proprio loro, principi di fine estate e della stagione autunnale. Basta un po' di burro e prezzemolo, alla maniera piemontese, per gustare in pochi minuti un piatto che già da solo è prelibato. I funghi trifolati sono perfetti per accompagnare a robusti piatti di carne, ottimi con la polenta oppure sul pane, per deliziose bruschette anche realizzate con pane alle noci senza glutine!
In ogni caso, la ricetta dei funghi trifolati è quella che dona maggior risalto al sapore e al gusto dei funghi ed è per questo che viene così tanto proposta e utilizzata nella preparazione di numerosi altri piatti. Approfittate di questa stagione per provare anche i gustosi funghi champignon ripieni!

INGREDIENTI
Funghi (misti: porcini, champignon, finferli, pleurotus) 800 g
Aglio 1 spicchio
Prezzemolo q.b.
Burro 30 g
Olio extravergine d'oliva 40 g
Preparazione

Come preparare i Funghi trifolati

Per preparare i funghi trifolati, per prima cosa pulite i diversi tipi di funghi. Noi abbiamo usato porcini, champignon, pleurotus e finferli. Iniziate dai porcini: eliminate la parte terrosa con un pennellino 1, potete utilizzare anche un panno asciutto 2. Tagliate via la parte terrosa del gambo con un coltellino 3. Pulite nello stesso modo anche gli altri funghi. Se dovessero risultare molto sporchi potete passarli molto rapidamente sotto l'acqua corrente, ma fate attenzione perchè i funghi assorbono molta acqua.

Tagliate a fette sottili i funghi porcini 4, gli champignon 5, e i finferli 6.

Tagliate a fettine anche i pleurotus 7. Fate scaldare in una padella antiaderente il burro con l'olio 8 e lo spicchio di aglio tagliato a metà 9.

Fate insaporire e versate nella padella prima i funghi porcini più sodi 10, fate saltare a fuoco vivace per un paio di minuti e poi unite gli altri funghi 11. Cuocete ancora qun paio di minuti a fuoco vivace, mescolando sempre molto delicatamente per evitare che i funghi si sfaldino in cottura. Aggiustate di sale 12

e pepe 13 e unite il prezzemolo finemente tritato 14. Togliete dal fuoco e servite i funghi trifolati caldi o freddi a seconda dell’uso che ne dovete fare 15.

Conservazione

Conservate i finghi trifolati in un contenitore ermetico, in frigorifero, per 2-3 giorni al massimo.

Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Contrariamente a quanto si possa pensare, i funghi hanno bisogno di una cottura veloce, altrimenti rischiano di diventare una specie di poltiglia: se vogliamo mantenere la forma, quindi, ricordatevi di utilizzare una fiamma vivace. Se volete conservare i funghi trifolati per altre preparazioni, lasciate la cottura a metà, senza aggiungere prezzemolo e sale: la completerete quando sarà il momento. Se utilizzate i chiodini, ricordatevi di pulirli e sbollentarli per 15 minuti per eliminare le tossine.

Per un consumo sicuro dei funghi

Per una corretta scelta, trattamento e conservazione dei funghi rimandiamo alle linee guida del Ministero della salute.