Gazpacho andaluso

/5

PRESENTAZIONE

Gazpacho andaluso

Il gazpacho andaluso è uno di quei piatti freddi estivi che fanno subito venire in mente la Spagna. Il gazpacho è una zuppa fredda originaria dell’Andalusia, la regione a sud della Spagna, famosa per essere anche la patria del Flamenco. Questo piatto ha origini contadine: grazie alla sua freschezza i braccianti lo portavano nei campi roventi e lo consumavano come spuntino gustoso e rinfrescante. Questa caratteristica è talmente ricercata che, a volte, viene accentuata dall’aggiunta di cubetti di ghiaccio durante la preparazione. Il gazpacho è uno di quei piatti estivi che, grazie al turismo di massa, hanno oltrepassato la fama regionale e  superato i confini nazionali per diventare simbolo di profumi e sapori di un paese che vanta una tradizione culinaria intrigante. Il gazpacho conta molteplici varianti e può essere servito anche come cocktail o come zuppa accompagnata da cubetti di cipolla, pane tostato, uovo sodo, cetrioli e pomodori, come proposto da questa ricetta. Non vi resta che provarlo!
Scoprite anche la tortilla de patatas, una frittata di patate buonissima!

INGREDIENTI

Ingredienti per il Gazpacho
Aceto di vino bianco 110 ml
Aglio 1 spicchio
Cetrioli 200 g
Olio extravergine d'oliva 50 ml
Pane raffermo mollica 100 g
Peperoni verdi 250 g
Peperoni rossi 200 g
Pepe q.b.
Sale q.b.
Cipolle rosse 65 g
Pomodori ramati 600 g
Acqua q.b.
per l'accompagnamento
Cetrioli 300 g
Cipolle rosse 200 g
Pomodori ramati 300 g
Uova (sode) 3
Pane crosta 40 g
Preparazione

Come preparare il Gazpacho andaluso

Per preparare il gazpacho andaluso, iniziate tagliando la crosta dal pane 1, che metterete da parte per poi realizzare i crostini di accompagnamento. Ponete la mollica in una ciotola, copirtela con l’acqua e aggiungete l’aceto 2 e lasciate marinare fino a quando la mollica non avrà assorbito gran parte dei liquidi. A questo punto scolatela con un colino e mettetela da parte 3.

Prendete quindi i pomodori, lavateli, tagliateli a metà ed eliminate l’interno con i semini 4, sbucciate poi il cetriolo e tagliatelo a rondelle 5. Continuate tagliando i peperoni verdi e rossi, eliminando l’interno con i semi e tagliandoli a listarelle 6.

Infine sbucciate la cipolla rossa e lo spicchio d’aglio, mondateli e affettateli 7. Versate le verdure mondate a tocchetti nel mixer 8, aggiungete l’olio extravergine di oliva a filo, aggiustando anche di sale e pepe a piacere e azionate il mixer fino ad ottenere un composto denso, liscio ed omogeneo 9.

Prendete una ciotola e sovrapponete un setaccio che sia più o meno proporzionato, versateci il composto frullato e setacciatelo aiutandovi con il dorso di un cucchiaio, in modo da eliminare eventuali residui di bucce o semi 10. Trasferite nuovamente il composto nel mixer e unite la mollica strizzata 11 e aggiustate eventualmente di sale, pepe o aceto (che si deve sentire lievemente) secondo i vostri gusti. Frullate ancora per qualche secondo fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo 12. Mettete ora a riposare il gazpacho in frigo per qualche ora.

Nel frattempo occupatevi dell’accompagnamento: tagliate a cubetti la crosta del pane che avevate messo da parte 13, disponeteli su una teglia rivestita da carta da forno, versate un filo d’olio e infornate per 5 minuti a 200° fino a che non saranno ben dorati 14. Intanto tagliate a cubetti il cetriolo e il pomodoro 15.

Dopo aver bollito le uova, ponetele su un tagliere e dopo averle divise a metà, separate i tuorli e tagliate a cubetti gli albumi 16. Una volta affettata anche la cipolla rossa 17, trasferite tutte le verdure e il pane tostato a cubetti all’interno di ciotoline. A questo punto tirate fuori il gazpacho dal frigorifero e servitelo freddissimo in bicchieri o in un piatto fondo, accompagnato dalle verdure e pane tostato a cubetti 18!

Conservazione

Potete conservare il Gazpacho Andaluso in frigorifero ben coperto da pellicola o in un contenitore ermetico per due o tre giorni. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Se volete servire il Gazpacho alla stregua di un aperitivo, allungatelo con dell’acqua ghiacciata, in modo che acquisisca una consistenza più liquida e fresca. Se invece volete gustarlo come zuppa fredda, non aggiungete ghiaccio, ma lasciatelo riposare in frigo per più tempo.

Curiosità

Oltre che dell’Andalusia, il Gazpacho è originario anche dell’Estremadura meridionale, dove però viene preparato con alcune varianti, come il peperoncino piccante al posto del pepe e il finocchio, che viene aggiunto sotto forma di ciuffi freschi o semi.