Gelato di uva fragola in cialda

PRESENTAZIONE

Gelato di uva fragola in cialda

Il gelato di uva fragola in cialda è un fresco dessert da preparare tra fine settembre e inizio ottobre, quando l'uva fragola si trova sul mercato. Il gusto dolce dell'uva fragola la rende un frutto ideale per la preparazione del gelato. Per rendere ancora più invitante questo dolce, abbiamo realizzato delle croccanti cialde, un involucro goloso perfetto per servire le palline di gelato all'uva fragola.

Leggi anche: Sorbetto di uva fragola

INGREDIENTI

Ingredienti per il gelato
Succo di limone ½
Panna fresca liquida 200 ml
Uva fragola 500 g
Zucchero 165 g
per 8 cialde
Burro 40 g
Albumi 1
Sale fino q.b.
Farina 00 40 g
Zucchero 40 g
Preparazione

Come preparare il Gelato di uva fragola in cialda

Per preparare il gelato di uva fragola in cialda iniziate con la realizzazione del gelato: prendete l’uva fragola, lavatela, sgocciolatela e staccatene tutti gli acini, che riporrete interi (bucce e semi compresi) all’interno di un frullatore; avviate l’apparecchio fino ad ottenere una purea omogenea 1. Ora separate la polpa dai semi e dalle bucce, passandola in un colino posto all’interno di una terrina 2. Spremete mezzo limone 3

e aggiungete il succo ottenuto alla polpa di uva 4, quindi mescolate bene con un cucchiaio, coprite con la pellicola 5 e mettete il tutto in freezer a raffreddare (deve diventare ben freddo ma non duro). Nel frattempo mettete a cuocere la panna e lo zucchero in un pentolino, a fuoco basso, finché lo zucchero non si sarà sciolto completamente 6 e avrà raggiunto gli 83° di temperatura (potete verificarla con un termometro per alimenti).

Quando il composto avrà raggiunto la temperatura indicata, raffreddatelo velocemente in un abbattitore oppure trasferitelo in una caraffa 7 e ponetela in una terrina piena di ghiaccio per farla raffreddare rapidamente, poi coprite con la pellicola e ponete la caraffa in freezer: il composto deve diventare ben freddo. Quando sia l’uva, sia il composto con la panna si saranno raffreddati a sufficienza amalgamateli insieme aiutandovi con una frusta 8, quindi trasferite il tutto in una gelatiera 9 (il cestello della gelatiera deve essere ben freddo, consigliamo di metterlo in freezer almeno la sera prima).

Fate mantecare per circa 30-35 minuti, o fino a quando il composto avrà raggiunto la cremosità adeguata 10. A questo punto occupatevi della realizzazione delle cialde: montate a neve un albume con un pizzico di sale e mettetelo da parte 11. Sciogliete a fuoco basso 40 gr di burro, che poi verserete in una terrina 12.

Aggiungete al burro lo zucchero 13 e mescolate con una frusta per amalgamare gli ingredienti, dovrete ottenere un composto omogeneo e senza grumi). Continuando a mescolare, incorporate l’albume 14 e la farina setacciata 15: dovrete ottenere un composto omogeneo e senza grumi.

Disponete su una leccarda quattro quadrati di carta da forno di circa 17 cm, su ognuno dei quali verserete un cucchiaio di impasto che andrà steso, con il dorso del cucchiaio, fino a formare un disco del diametro di circa 12 cm, abbastanza sottile 16. Fate cuocere le cialde in forno statico, preriscaldato, a 180°, per 5 -10 minuti 17 ( dovrete toglierle quando vedrete che i bordi cominceranno a diventare colorati). Per dare alle cialde la tipica forma a "ciotolina" occorre lavorare con attenzione: si tratta di un passaggio abbastanza delicato, in quanto le cialde sono sottili e rischiano facilmente di spezzarsi; è fondamentale che vengano lavorate quando sono ancora calde e malleabili. Prendete un disco con la sua carta da forno e sistematelo all’interno di una ciotolina (del tipo di quelle usate per servire la macedonia), poi modellatelo velocemente con le mani 18 fino ad ottenere la forma desiderata e lasciatelo raffreddare. A questo punto potete estrarre con delicatezza la cialda dalla sua carta da forno e metterla da parte. Seguite lo stesso procedimento anche per gli altri dischi. Se lo desiderate potete dare forme diverse alle vostre cialde usando ad esempio una ciotolina capovolta, per ottenere una cialda piuttosto bassa e ampia, o ancora un bicchiere capovolto, per ottenere invece una forma più stretta e allungata. Una volta tolto il gelato dalla gelatiera consigliamo di tenerlo in freezer almeno 4 ore, meglio se tutta la notte, poi, al momento di servirlo, disponete una pallina di gelato di uva fragola su ogni cialda e, se lo desiderate, decorate con un ciuffo di panna montata.

Conservazione

Il gelato di uva fragola si conserva in freezer, chiuso in un contenitore ermetico, per 4- 5 giorni.
Le cialde si possono conservare per 2 giorni al massimo, chiuse in un contenitore di alluminio.

Consiglio

Se non avete una gelatiera ponete il composto in una terrina, coperta con la pellicola, e mettetelo in freezer ricordandovi di romperlo con i rebbi di una forchetta ogni mezz’ora, finché non otterrete la cremosità e la giusta consistenza del vostro gelato. Occorreranno circa 3 ore. Utilizzando la gelatiera, durante il processo di mantecatura il composto di uva fragola incamera molta aria: ciò permette di ottenere la consistenza ideale del gelato. Se, invece, non utilizzate la gelatiera, il gelato che otterrete risulterà meno denso e cremoso.

25 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Giusy
    venerdì 02 settembre 2016
    Si può non mettere il succo di limone?
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 12 settembre 2016
    @Giusy:Ciao, prova ad ometterlo.
  • Veronica
    mercoledì 14 ottobre 2015
    Ciao!Vorrei fare queste cialde, ma nella versione per celiaci...con la farina senza glutine...mi puoi dare le dosi?Grazie!
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo