Ghirlanda dolce

/5

PRESENTAZIONE

Il Natale è senza dubbio la festività preferita da grandi e piccini. La maggior parte delle volte ci concentriamo su cosa preparare per il pranzo o per il cenonce della Vigilia, ma oggi vogliamo proporvi un'idea per una colazione in compagnia di tutta la famiglia! Le lucine dell'albero lampeggiano, i regali sono pronti da scartare e il profumo di questa ghirlanda dolce ha già invaso tutte le stanze e svegliato anche i più dormiglioni! Soffice, scenografica e golosa è perfetta anche da preparare come centro tavola e da gustare dopo pranzo. All'interno scoprirete tanti chicchi di uvetta sultanina e un abbondante strato di confettura, ma potrete personalizzare questa ghirlanda con gli ingredienti che più amate! 

INGREDIENTI

Ingredienti per il lievitino
Farina Manitoba 150 g
Lievito di birra secco 4 g
Zucchero 5 g
Acqua 80 g
per l'impasto
Farina Manitoba 400 g
Zucchero 90 g
Latte intero 150 g
Tuorli (circa 3) 65 g
Scorza d'arancia 1
Sale fino 5 g
Burro morbido 120 g
per il ripieno
Confettura d'arance 200 g
Uvetta 200 g
Rum 100 g
per decorare
Miele q.b.
Mandorle in scaglie 20 g
Preparazione

Come preparare la Ghirlanda dolce

Per prima cosa realizzate il lievitino: sciogliete il lievito secco nell’acqua 1, aggiungete lo zucchero 2, e la farina a pioggia 3.

Mescolate bene, prima con un mestolo poi con le mani fino a formare un impasto omogeneo 4. Trasferitelo su un piano lavorate per pochi minuti 5 e quando sarà liscio ed omogeneo formate una palla e adagiatela all'interno di una ciotola 6.

Coprite con pellicola 7 e fate lievitare 30 minuti nel forno spento con la luce accesa. Non appena il lievitino sarà raddoppiato iniziate a preparare l'impasto. Mettete i tuorli in una ciotola capiente, aggiungete lo zucchero 8, la scorza grattugiata dell’arancia 9 e mescolate.

In seguito, aggiungete un po' di farina 10 e un po’ di latte, alternandoli tra di loro 12 e impastando fino ad ottenere un composto morbido e omogeneo. 

Aggiungete anche il burro morbido tagliato a pezzi 13. Poi versate il sale 14 e impastate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete ora il lievitino preparato in precedenza 15

e impastate con le mani 16. Quando avrete ottenuto un composto omogeneo traferite il tutto su una spianatoia infarinata 17. Impastate ancora fino a formare un panetto morbido, poi trasferitelo di nuovo nella ciotola, coprite con pellicola 18 e lasciate lievitare per circa 3 ore sempre nel forno spento con la luce accesa. 

Quando l'impasto sarà raddoppiato di volume 19, versate l'uvetta in una ciotola e aggiungete il rum 20. Lasciatela ammorbidire e nel frattempo trasferite l'impasto su un piano leggermente infarinato 21

Stendete l'impasto con il mattarello 22, ottenendo uno spessore sottile di circa 3 o 4 mm, formando un rettangolo 23. Spennellate tutta la superfice con la confettura 24 

e aggiungete l’uvetta ben strizzata 25. Quindi arrotolate stretto partendo dal lato più lungo 26. Al termine otterrete un salsicciotto 27

Con un coltello infarinato a lama liscia e grande, effettuate un taglio a partire da 3-4 cm dall'inizio e proseguite su tutta la lunghezza 28. A questo punto intrecciate le due metà 29, sigillando bene i due lembi. Trasferite molto delicatamente su una teglia ricoperta con carta forno e unite le due estremità in modo da creare una ciambella 30. Lasciate lievitare la ghirlanda ancora per circa 20 minuti al caldo, nel forno spento con la luce accesa. 

Cuocete in forno statico a 180°C per circa 30 minuti. Sfornate 31 e lasciate intiepidire poi spennellatela con il miele 32 e decorate con mandorle a lamelle 33.

Conservazione

La ghirlanda dolce si può conservare sotto una campana di vetro per un paio di giorni. Si può congelare, una volta cotta e fatta raffreddare completamente.

Consiglio

Se non vi piacciono le mandorle per decorare potete utilizzare altra frutta secca, tipo pinoli o scorzette d’arancia candita. 

 

RICETTE CORRELATE
COMMENTO1
  • Graziagrazia
    lunedì 23 dicembre 2019
    Buongiorno volevo sapere se questo dolce è simile alla torta angelica come gusto,cose rimane bella morbida perché volevo farla per la vigilia di Natale, dopo cena al posto del panettone. Grazie e complimenti. Grazia
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 23 dicembre 2019
    @Graziagrazia: Ciao, si è tipo l'angelica! smiley