Giardiniera sott'aceto

PRESENTAZIONE

La giardiniera è sicuramente una delle conserve più conosciute ed allo stesso tempo più classiche della tradizione gastronomica italiana. Questa preparazione sott'aceto è molto ricca e saporita perché raccogli tutta la bontà e i profumi degli ortaggi della nostra terra. A seconda della stagione, si possono infatti trovare giardiniere preparate con verdure diverse ma sempre molto gustose e delicate. Non vi sarà difficile capire il perché del nome giardiniera quando le diverse verdure vi appariranno nel vasetto con un bellissimo effetto cromatico che vi ricorderà la primavera!

Leggi anche: Minestra giardiniera

INGREDIENTI
64
CALORIE PER PORZIONE
Aceto di vino bianco 1,5 l
Carote 300 g
Cipollotto fresco 200 g
Peperoni rossi 300 g
Peperoni verdi 300 g
Peperoni gialli 300 g
Zucchero 30 g
Cavolfiore cimette 300 g
Fagiolini 300 g
Sedano 300 g
Cetrioli 300 g
Acqua 1,5 l
Sale grosso 30 g
Alloro 3 foglie
Pepe nero in grani 10
Bacche di ginepro 4
Preparazione

Come preparare la Giardiniera sott'aceto

Per preparare la giardiniera sott'aceto per prima cosa lavate bene tutte le verdure sotto abbondante acqua fresca corrente e poi pulitele. Con un coltello tagliate il sedano a tocchetti dello spessore di 1 cm 1, dopodiché eliminate le radici dei cipollotti e tagliateli a metà 2; poi pulite i fagiolini, togliendo le estremità 3.

Con un pelapatate spelate le carote e poi con una mandolina con lama zigrinata tagliatele 4 insieme ai cetrioli 5 a rondelle dello spessore di 0,5 cm. Tagliate tutti i peperoni e con un coltello togliete i semi che si trovano all'interno 6.

Riducete i peperoni a listarelle non troppo sottili 7 e poi passate al cavolfiore. Con un coltellino, eliminate le foglie esterne, tagliate il torsolo 8, poi staccate le cime incidendo all'attaccatura con il tronco principale 9.

Quando avrete terminato di pulire e tagliare tutte le verdure 10, mettete sul fuoco una pentola capiente con l'acqua 11 e l'aceto 12.

Aggiungete le foglie d'alloro, il sale, lo zucchero 13 e il pepe nero e il ginepro in grani 14. Quando l'acqua avrà sfiorato il bollore, unite le carote e il cavolfiore 15, facendo bollire per 3 minuti a fuoco moderato.

Successivamente aggiungete i fagiolini, i cipollotti 16, il sedano 17 e i peperoni 18 che avete tagliato.

Terminate con i cetrioli 19 e fate bollire tutto per altri 4 minuti. Una volta che le verdure saranno pronte 20, togliete la pentola dal fuoco e scolatele bene, conservando il liquido di cottura in una ciotola 21.

Lasciate raffreddare le verdure in una teglia d'acciaio 22 e nel frattempo procedete alla sanificazione dei barattoli e dei tappi come indicato nelle linee guida del Ministero della Salute riportate in fondo alla ricetta. Quando le verdure si saranno completamente raffreddate, ponetele nel vasetto 23 cercando di sistemarle ordinatamente ma senza pressarle troppo. A questo punto filtrate il liquido di cottura che avete tenuto da parte e versatelo nei vasetti, coprendo le verdure ma avendo cura di fermarvi a 1 centimetro dal bordo del barattolo 24. Chiudete i barattoli. Se utilizzate vasetti con tappo a vite, avvitate bene i tappi ma senza stringere troppo. Passate quindi alla bollitura dei vasetti, ovvero la pastorizzazione,  seguendo le indicazioni riportate nelle linee guida del Ministero della Salute citate in fondo alla ricetta.   Se utilizzate barattoli con tappi a vite, una volta che i barattoli si saranno raffreddati verificate se il sottovuoto è avvenuto correttamente: potete premere al centro del tappo e, se non sentirete il classico "click-clack", il sottovuoto sarà avvenuto. Se dopo la ribollitura doveste notare la formazione di piccole bollicine d'aria, quando il barattolo è ancora caldo battetelo delicatamente su un piano, in modo da far risalire in superficie le bollicine che poi scompariranno naturalmente. Se utilizzate i barattoli con chiusure a guarnizione in gomma, al momento di consumare la giardiniera potete fare la prova del sottovuoto tirando l'apposita linguetta: se tirandola produce un rumore secco vuol dire che il contenuto si è conservato con il sottovuoto corretto. Al contrario, se tirando la linguetta la guarnizione risulta "molle", significa che non si è creato il sottovuoto correttamente ed è meglio non mangiarne il contenuto. La vostra giardiniera sott'aceto è pronta per essere gustata!

Conservazione

La giardiniera sott'aceto si conserva per 3 mesi, purché il sottovuoto sia avvenuto correttamente e i barattoli siano conservati in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore. Si consiglia di attendere almeno 1 mese prima di consumare la giardiniera. Una volta aperto ogni barattolo, conservare in frigorifero e consumare nel giro di 3-4 giorni al massimo.

Consiglio

Nella nostra ricetta, abbiamo dato delle indicazioni di massima per la scelta degli ortaggi da utilizzare ma potete scegliere il mix di verdure ed ortaggi che più preferite in base al gusto personale ed alla stagione. La giardiniera può essere un ottimo accompagnamento a piatti come la grigliata di carne, oppure messa in mezzo ad un bel piatto di affettati e salumi, per dare una nota di colore alla vostra portata!

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute. Si tratta di un elenco di regole di igiene della cucina, della persona, degli strumenti utilizzati e sul trattamento degli ingredienti, pastorizzazione e conservazione, in modo da non incorrere in rischi per la salute.

35 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • boschetti
    mercoledì 31 luglio 2019
    ciao posso usare aceto di mele al posto di quello di vino? grazie
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 01 agosto 2019
    @boschetti: ciao! nessun problema! 
  • martyjaccopo
    lunedì 25 febbraio 2019
    salve vorrei sapere quanti vasetti verrebbero fuori con questa quantità?
    Redazione Giallozafferano
    martedì 26 febbraio 2019
    @martyjaccopo: Ciao, il numero dipende dalla capienza dei barattoli ma tieni conto che con queste dosi otterrai circa 2,5 kg di giardiniera.
2 FATTE DA VOI
mattia chiaro
confettura di fichi
AmArell@
la mia versione di giardiniera con sole carote, zucchine, finocchi e cimette di cavolfiore rigorosamente sott’olio
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo