Gnocco fritto

/5

PRESENTAZIONE

Gnocco fritto
Ricetta Podcast
Durata 2:58 - Passaggi 5
Ascolta

Tra le nostre ricette tipiche di cibo da strada non poteva certamente mancare lo gnocco fritto che appartiene alla gastronomia tradizionale emiliana. Si tratta di una ricetta antica le cui origini pare risalgano addirittura alla dominazione dei Longobardi, che usavano moltissimo lo strutto nelle loro pietanze, in particolar modo per friggere. La ricetta originale dello gnocco fritto richiede appunto la frittura nello strutto ma ai giorni nostri si predilige l'utilizzo dell'olio come alternativa. Lo gnocco fritto è una ricetta molto facile da preparare, dovrete solo avere un po' di pazienza per impastare insieme gli ingredienti: farina, acqua, latte, strutto e lievito. Si gusta ben caldo, una volta fritto e fatto leggermente intiepidire, accompagnato con dei salumi e, magari, un buon bicchiere di Lambrusco. Nonostante la ricetta sia una sola, lo gnocco fritto ha assunto, in Emilia, nomi diversi a seconda delle varie zone: nella provincia di Bologna lo gnocco fritto viene chiamato "crescentina", nella provincia di Parma "torta fritta", nella provincia di Reggio Emilia e Modena "il gnocco fritto", mentre nella provincia di Piacenza è più in auge la dizione dialettale chisulèn. Seppur con il passar del tempo lo gnocco fritto abbia assunto nomi diversi, la sua bontà è rimasta intatta!

INGREDIENTI

Ingredienti per 50 pezzi
Strutto 35 g
Farina 0 500 g
Zucchero 5 g
Sale fino 15 g
Acqua circa 125 g
Latte intero 100 g
Lievito istantaneo per preparazioni salate 12 g
per friggere
Olio di semi q.b.
Preparazione

Come preparare lo Gnocco fritto

Per preparare lo gnocco fritto per prima cosa miscelate l’acqua con il latte 1. In una ciotola versate la farina, il lievito in polvere per preparazioni salate 2, lo zucchero e il sale 3.

Mescolate le polveri e poi incorporate lo strutto 4. Impastate con le mani e versate a filo la miscela di latte e acqua 5. Una volta che le polveri avranno assorbito i liquidi, trasferite l’impasto su una spianatoia infarinata 6.

Formate un panetto compatto e asciutto, ponetelo all’interno di una ciotola, coprite con pellicola per alimenti 7, fate riposare l’impasto per almeno un’ora fino ad un massimo di 12 ore, in un luogo fresco. Trascorso il tempo riprendete l’impasto 8, spolverizzate leggermente la spianatoia e dividete in panetti con un tarocco o un coltello 9.

Prendete un panetto (coprite il resto con la ciotola), tirate il panetto con il mattarello fino a ottenere una sfoglia sottilissima, non più di un paio di millimetri 10. Pareggiate il bordo della sfoglia con un taglia pasta ondulato 11. Ritagliate quindi dei parallelogrammi da 8x7 cm 12. Così facendo dovreste ottenere all’incirca 50 pezzi. Non buttate via i ritagli, ma impastateli nuovamente.

Una volta ritagliati, cuoceteli in olio bollente a 170° per circa 1 minuto, non più di 3-4 pezzi per volta 13. Una volta dorata la prima parte girate e proseguite dall’altra 14. Scolate su carta assorbente 15 e continuate così con tutti gli altri. Il vostro gnocco fritto è pronto, gustatelo caldo!

Conservazione

Una volta pronto l’impasto dello gnocco fritto potete conservarlo fino a 12 ore dopodiché dovrete scegliere se cucinarlo o congelarlo. Potete congelare l'impasto da crudo, fatelo poi scongelare in frigorifero dopodiché lasciatelo acclimatare a temperatura ambiente per un paio d'ore prima di stendere la pasta e cuocere.

Consiglio

Nella ricetta tradizionale dello gnocco fritto la frittura avveniva nello strutto e non nell’olio, quindi se volete rispettare la tradizione utilizzatelo pure! La nostra quantità di strutto è davvero molto bassa, perciò abbiamo scelto di compensare la mancanza di grassi utilizzando del latte intero, se non volete utilizzarlo vi suggeriamo di aumentare un po’ la quantità di strutto.

SPECIALE: Le migliori friggitrici ad aria in commercio

ASCOLTA
STAMPA
/5
RICETTE CORRELATE
COMMENTI379
  • Matalfa
    martedì 23 febbraio 2021
    Salve questa sera ho fatto la vostra ricetta, volevo sapere come mai alcquni si sono gonfiati e altri no? E che lievito specifico viene usato nella rivetta del video grazie mille
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 24 febbraio 2021
    @Matalfa: Ciao, magari ne hai fritti molti alla volta e se è abbassata la temperatura dell'olio.
  • Baiofra
    martedì 29 dicembre 2020
    Potrei sapere le dosi per due persone ?
    Redazione Giallozafferano
    martedì 29 dicembre 2020
    @Baiofra: Ciao, considerando che queste dosi sono per 50 pezzi puoi calcolarne solo un terzo oppure un quarto smiley