Insalata di rinforzo

/5
Insalata di rinforzo
11
  • Difficoltà: molto bassa
  • Preparazione: 10 min
  • Cottura: 5 min
  • Dosi per: 6 persone
  • Costo: molto basso

Presentazione

L’insalata di rinforzo è un piatto tipico della tradizione natalizia napoletana. che non manca mai nelle case campane nelle tavole imbandite per il cenone della Vigilia di Natale. Come ogni ricetta tradizionale che si rispetti anche per l'insalata di rinforzo esistono diverse varianti e ogni famiglia ha la propria. Per rispettare la tradizione napoletana bisogna preparare l'insalata di rinforzo con le "papaccelle", i tipici peperoni campani rossi e tondi: noi però oggi vi proponiamo una versione che potrete preparare anche se… non siete a Napoli! Anche per quanto riguarda l'origine di questa preparazione esistono diverse versioni che spiegano da dove deriva la definizione "insalata di rinforzo". Una di esse vuole che questa insalata preparata per il cenone della Vigilia di Natale venga di giorno in giorno “rinforzata” per integrare quello che viene consumato, fino alla Vigilia di Capodanno. Altri invece indicano che la definizione “di rinforzo” sia dovuta al fatto che uno degli ingredienti fondamentali della ricetta sia l’aceto che appunto rafforza il sapore del piatto. Un’ulteriore versione è che questa saporita insalata venisse usata per rinforzare la cena della Vigilia che secondo la tradizione popolare doveva essere di magro e per questo tutta a base di pesce. Vi abbiamo incuriositi con queste perle di storia popolare? Allora basta chiacchiere: si prepara l’insalata di rinforzo!

Ingredienti

Cavolfiore (circa 1 medio) 800 g
Peperoni sott'aceto (o papaccelle) 100 g
Olive verdi in salamoia 100 g
Olive nere 100 g
Capperi sott'aceto 50 g
Cetrioli 50 g
Acciughe (alici) sott'olio 60 g
Olio extravergine d'oliva 30 g
Aceto di vino rosso q.b.
Sale q.b.
Preparazione

Come preparare l'Insalata di rinforzo

Insalata di rinforzo

Per preparare l’insalata di rinforzo iniziate prendendo le olive: denocciolatele una ad una (1): eliminate i semini e tenete le olive da parte (2). Ripetete l’operazione anche per le olive verdi. Poi prendete i cetriolini e tagliateli a listarelle sottili (3) che terrete da parte.

Insalata di rinforzo

Procedete con la pulizia del cavolfiore (per un maggiore dettaglio potete consultare la nostra scuola di cucina su come pulire il cavolfiore). Prendete il cavolfiore, sfogliatelo (4) ed eliminate le parti finali più dure. Ottenetene le cimette (5) che sbollenterete in abbondante acqua salata (6).

Insalata di rinforzo

Quando saranno cotte ma ancora croccanti scolatele (7) in una ciotola riempita con ghiaccio per bloccarne la cottura (8). Lasciate così per alcuni minuti fino a che non saranno tiepide, poi scolatele (9).

Insalata di rinforzo

Versate i cavolfiori in una ciotola capiente a cui aggiungerete l’olio (10), i capperi (11) e le olive verdi (12), entrambi scolati dell'olio in eccesso.

Insalata di rinforzo

Unite le olive nere (13), i peperoni sotto aceto scaiacquati brevemente sotto acqua corrente e già tagliati a striscioline sottili (14). Infine unite le acciughe (15).

Insalata di rinforzo

Poi versate i cetriolini (16) e cospargete con aceto (17). Mescolate bene gli ingredienti e servite la vostra insalata di rinforzo (18).

Conservazione

L’insalata di rinforzo va consumata appena pronta. Tuttavia potete conservarla in contenitore chiuso ermeticamente riposto in frigorifero per al massimo 2-3 giorni.

Sconsigliamo di congelare.

Consiglio

Di famiglia in famiglia questa ricetta viene modificata e “rinforzata” con svariati ingredienti. Alcuni aggiungono la giardiniera di verdure e/o le cipolline: perché non provate anche voi queste deliziose varianti? E per chi deve preparare il cenone sappiate che l'insalata di rinforzo si può preparare anche con un giorno di anticipo in modo da far amalgamare per bene tutti i sapori.

Leggi tutti i commenti ( 11 )

I commenti (11)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Francesca ha scritto: giovedì 14 dicembre 2017

    La tradizione napoletana vuole che il cavolo sia cotto in acqua e aceto in proporzione 60/40

  • Teresa ha scritto: venerdì 19 dicembre 2014

    Ciao Sonia, sono una ragazza della Campania, noi in famiglia aggiungiamo, oltre a questi ingredienti, anche il baccalà! Ti assicuro che è sublime!

Leggi tutti i commenti ( 11 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato