Maiale in agrodolce

/5

PRESENTAZIONE

Maiale in agrodolce

Uno dei criteri fondamentali della cucina cinese è l’equilibrio armonioso di colori, sapori e consistenze. Il maiale in agrodolce è una ricetta della tradizione che rappresenta perfettamente questa caratteristica, a partire dalla scelta degli ingredienti: il verde dei peperoni, il rosso del pomodoro e il giallo dell’ananas, un mix dalle tinte vivaci che, insieme alla salsa agrodolce, conferisce al piatto il suo gusto inconfondibile. Dopo aver fritto i bocconcini di carne, inoltre è molto importante che mantenerne la croccantezza anche durante la fase finale di cottura insieme alle verdure e alla salsa… volete sapere come si fa? Scoprite tutti i segreti del maiale in agrodolce con la ricetta di Chef Mulan!

Ecco altre specialità della cucina cinese per arricchire il vostro menù:

INGREDIENTI

Maiale lombo 250 g
Peperoni verdi 120 g
Pomodori ramati 120 g
Ananas sciroppato 4 fette
Olio di semi di girasole 1 cucchiaio
Per la marinatura
Vino di riso 1 cucchiaio
Uova ½
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
per la pastella
Acqua 100 g
Farina 00 100 g
Fecola di patate 20 g
Lievito istantaneo per preparazioni salate 8 g
per la salsa agrodolce
Concentrato di pomodoro 130 g
Zucchero 125 g
Aceto di vino bianco 125 g
Acqua 500 g
Per addensare la salsa
Fecola di patate 35 g
Acqua 4 cucchiai
Preparazione

Come preparare il Maiale in agrodolce

Per realizzare il maiale in agrodolce per prima cosa tagliate la carne a cubetti di circa 1,5 cm 1. Sciacquatela sotto l’acqua corrente 2 e trasferitela in una ciotola, poi condite con sale 3 e pepe.

Aggiungete il vino di riso 4 e mezzo uovo sbattuto 5, mescolate bene e lasciate marinare mentre proseguite con la ricetta 6.

Passate alla preparazione della pastella: in una ciotola unite la farina con la fecola 7 e il lievito 8, poi versate gradualmente l’acqua mentre mescolate con le bacchette 9.

Continuate a mescolare fino ad ottenere una consistenza omogenea 10, poi lasciate riposare per 10 minuti. Nel frattempo mondate e tagliate a cubetti della stessa dimensione sia il peperone verde 11 che il pomodoro 12.

Fate la stessa cosa anche con le fette di ananas sciroppato 13. Trascorso il tempo di riposo, versate la pastella nella ciotola con la carne marinata 14 e mescolate bene così da ricoprire i cubetti in modo uniforme 15.

Scaldate il wok per circa un minuto prima di aggiungere l’olio di semi per portarlo alla temperatura di 180°. Friggete i cubetti di carne pastellati per circa 5-7 minuti, muovendoli delicatamente per evitare che si attacchino fra loro 16. Una volta dorati 17, scolate e trasferite su carta assorbente 18.

A questo punto preparate la salsa agrodolce: portate a bollore l’acqua in un wok o pentolino, poi aggiungete lo zucchero 19, il concentrato di pomodoro 20 e l’aceto 21. Mescolate e riportate a bollore.

Nel frattempo versate la fecola e l’acqua in una ciotolina a parte 22, mescolate bene e versate il composto ottenuto nella salsa, poco per volta 23. Continuate a mescolare con la frusta per qualche minuto 24.

Riprendete il wok in cui avete cotto il maiale, lavato e asciugato, e scaldate un cucchiaio di olio di semi. Aggiungete il peperone 25 e il pomodoro 26 e fateli saltare per un minuto, poi unite anche l’ananas 27.

Versate la salsa agrodolce 28 e mescolate bene 29, poi aggiungete i cubetti di carne fritti 30.

Saltate il tutto per circa 30 secondi 31 e infine condite con un cucchiaio di olio di semi 32. Il vostro maiale in agrodolce è pronto per essere servito 33!

Conservazione

Si consiglia di consumare il maiale in agrodolce appena pronto, per evitare che la frittura perda la sua fragranza.

La salsa agrodolce si può conservare in frigorifero per circa 3 giorni, all’interno di un barattolo di vetro chiuso ermeticamente.

Consiglio

Per una versione più leggera potete sostituire il maiale con il pollo e saltarlo in una padella a parte con un filo di olio di semi prima di aggiungerlo al resto degli ingredienti!

CHEF MULAN: TRADIZIONE AUTENTICA

Le Chef Mulan di Mulan Group, l'azienda della famiglia Zhang che da più di vent’anni opera nella gastronomia cinese: piatti iconici e tante prelibatezze fatte come si farebbero in casa. Questo li rende unici: una produzione artigianale che unisce la genuinità di un pasto homemade e l’autenticità della tradizione. L’attenzione dedicata alla lavorazione manuale si percepisce nel gusto naturale e nella qualità dei dettagli. Dal metodo di chiusura dei ravioli cinesi, ai meticolosi processi di cottura degli ingredienti tradizionali, tutto realizzato secondo l’antica arte culinaria orientale.

RICETTE CORRELATE
COMMENTI67
  • thomas-turbato
    venerdì 08 maggio 2020
    ma la pastella deve essere lasciata a lievitare o la uso immediatame te?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 08 maggio 2020
    @thomas-turbato: ciao! essendoci il lievito istantaneo puoi utilizzarla subito! 
  • evelin72
    giovedì 23 aprile 2020
    Buonasera. Ho seguito alla lettera la ricetta ma il sugo è in quantità enorme rispetto al resto degli ingredienti. Magari la prossima volta metto un po’ più di carne e dimezzo il concentrato di pomodoro perché è troppo sugoso..che ne dite?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 24 aprile 2020
    @evelin72:Certo, puoi regolarti in questo modo.