Malloreddus con vongole, pomodorini e bottarga di tonno

PRESENTAZIONE

Facili equazioni in cucina: come le trofie stanno alla Liguria, così i malloreddus stanno alla Sardegna. Questi piccoli gnocchetti rigati infatti sono uno dei capisaldi della cucina sarda. In questa versione i malloreddus sono resi originali da un classico accompagnamento con il profumo delle vongole che evoca la brezza marina degli scenografici lidi sardi. Aggiungeteci poi alcuni pomodorini ed una spolverata di bottarga di tonno ed il gioco è fatto: un primo piatto ricercato con il mix bilanciato di sapore tenue delle vongole e quello intenso e con retrogusto amarognolo della bottarga, anch’essa prelibatezza dal sapore intenso e gusto amarognolo di questa regione a tal punto da essere soprannominata “caviale del Mediterraneo”. Un piatto delicato e raffinato questi malloreddus con vongole, pomodorini e bottarga sono perfetti per catturare l’appetito dei vostri commensali!

Leggi anche: Come pulire le vongole

INGREDIENTI
310
CALORIE PER PORZIONE
Gnocchetti Sardi 400 g
Vongole 1 kg
Pomodori ciliegino 400 g
Vino bianco 50 g
Aglio 4 g
Olio extravergine d'oliva 40 g
Bottarga di tonno grattuggiata 10 g
Scalogno 20 g
Preparazione

Come preparare i Malloreddus con vongole, pomodorini e bottarga di tonno

Per preparare i malloreddus con vongole, pomodorini e bottarga di tonno iniziate con la pulizia delle vongole. Su un tagliere battetele per far uscire eventuale sabbia presente all’interno (se esce sabbia la vongola va scartata, così come quelle con guscio rotto) 1. Quindi prendete un colapasta poggiato sopra una ciotola e sciacquatele abbondantemente sotto acqua corrente 2 per eliminare eventuali impurità. Continuate a fare questa operazione fino a quando nella ciotola non vedrete più sabbia. Poi prendete una padella antiaderente dai bordi ampi, versatevi un filo di olio e ponete a rosolare due spicchi di aglio 3.

Quando l’aglio sarà rosolato toglietelo 4 ed unite le vongole e lasciatele cuocere a fuoco basso. Coprite la padella con coperchio 5. Quando le vongole cominciano a schiudersi unite il vino bianco 6.

Quando sarà completamente schiuse ed il vino sfumato 7 prendete una ciotola ed appoggiatevi sopra il colino. Quindi scolate le vongole e filtrate il liquido di cottura 8. Tenete da parte alcuni mestoli del liquido di cottura. Quindi prendete le vongole, sgusciatele e tenetele da parte in una ciotolina. Lasciatene da parte alcune non sgusciate che vi serviranno per decorazione 9. Tenetele da parte.

A questo punto procedete con la preparazione dei pomodorini. Lavateli e tagliateli in quarti 10. Quindi tritate finemente lo scalogno 11. Prendete una padella antiaderente, versate un filo di olio e fatelo rosolare, quindi unite i pomodorini 12. Aggiustate di sale e pepe facendo attenzione a non abbondare poiché le vongole risulteranno già abbastanza saporite.

Quindi fate passire i pomodorini a fuoco lento per 3 minuti aggiungendo qualche cucchiaio del liquido di cottura delle vongole affinchè si insaporiscano 13. Quando il liquido delle vongole è sfumato, aggiungete le vongole sgusciate 14 e lasciate cuocere per 1 minuto avendo cura di mescolare bene gli ingredienti. Ora prendete un tegame, riempitelo d’acqua e portate a bollore. Poi aggiungete gli gnocchetti sardi 15 e fateli cuocere. Quando mancano due minuti scolateli.

Unite gli gnochetti nella padella con pomodorini e vongole ed ultimate la cottura mescolando bene gli ingredienti affinchè si amalgamino 16. Quindi impiattate, decorate con le restanti vongole non sgusciate e grattuggiate la bottarga di tonno 17. I vostri malloreddus con vongole, pomodorini e bottarga di tonno sono quindi pronti da gustare 18!

Conservazione

E' consigliabile consumare i malloreddus con vongole, pomodorini e bottarga di tonno appena pronti.

Tuttavia possono essere conservati in frigorifero in contenitore ermetico per 2 giorni.

Consiglio

Perchè non provate a dare un otcco di freschezza a questo piatto aggiungendo una spolverata di prezzemolo tritato? Il tocco finale ideale anche per decorare prima di servire ai vostir ospiti!

Curiosità

I termine malloreddus è un termine dialettale che significa “vitellini” anche se nell’uso comune fa riferimento ai cosiddetti gnocchetti sardi. Anche se la tradizione prevede che vengano prodotti a mano con farina di semola, acqua e zafferano oggi la loro produzione si è estesa divenendo anche industriale.

I malloreddus vengono chiamati più comunemente gnocchetti sardi anche se ulteriori nomi per indicarli sono “ciciones”, “aidos” o “cravaos”.

18 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Lau82ra
    giovedì 25 gennaio 2018
    posso fare la stessa ricetta con la bottarga di muggine? o il sapore è troppo diverso?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 26 gennaio 2018
    @Lau82ra: Ciao, bottarga di tonno e bottarga di muggine sono entrambi due ottimi prodotti. Le differenze a livello di gusto ci sono, la bottarga di tonno ha un gusto più deciso!smiley
  • orietta
    venerdì 08 gennaio 2016
    OTTIMA, personalizzata con un pizzico di peperoncino ed una spolverata di prezzemolo...............
RICETTE CORRELATE