Maltagliati al ragu' di pesce

PRESENTAZIONE

Il ragù piace proprio a tutti ma quando si veste del sapore di mare acquista un fascino irresistibile: saporito e delicato è perfetto con la pasta fresca che ne esalta il sapore. Oggi vi proponiamo questo primo piatto: maltagliati al ragù di pesce. Una generosa dadolata di platessa, gamberi e trote dalle carni sode e gustose, incontra un ever green della cucina italiana: la passata di pomodoro. Un mix di sapori di mare ed un ricco condimento perfetto per questi maltagliati fatti a mano che con la loro porosità sono perfetti per raccogliere il ragù di pesce. Noi vi immaginiamo già portare questa meraviglia di piatto in tavola davanti ai vostri ospiti: il successo è assicurato!

Leggi anche: Sformato di maltagliati

INGREDIENTI

Ingredienti per la pasta fresca
Farina 00 400 g
Uova (circa 4 medie intere) 210 g
Sale fino 1 pizzico
Semola di grano duro rimacinata spolverizzare q.b.
Per il ragù
Gamberetti 200 g
Trota salmonata 150 g
Platessa 150 g
Olio extravergine d'oliva 50 g
Cipolle bianche 30 g
Carote 30 g
Sedano 30 g
Aglio 1 spicchio
Passata di pomodoro 400 g
Vino bianco secco 50 g
Timo 1 rametto
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Zucchero ¼ cucchiaino
Preparazione

Come preparare i Maltagliati al ragu' di pesce

Per realizzare i maltagliati al ragù di pesce iniziate dalla preparazione dell’impasto per la pasta fresca all'uovo. Prendete una ciotola capiente in cui verserete la farina 1, le uova e il pizzico di sale 2. Impastate gli ingredienti a mano 3 fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico. Se l'impasto risultasse troppo appiccicoso, potete aggiungere poca farina, non troppa per non renderlo eccessivamente asciutto e duro. Se invece risultasse troppo asciutto, potete aggiungere poca acqua tiepida per rendere l’impasto più morbido e facilmente lavorabile.

Date all’impasto forma sferica 4 e avvolgetelo in pellicola alimentare trasparente; fate riposare almeno 30 minuti in luogo fresco e asciutto. Trascorso il tempo necessario prendete l’impasto e togliete la pellicola. Stendete l’impasto aiutandovi con un mattarello fino a ottenere una sfoglia dello spessore di 1-2 mm 5. Ricavate poi delle strisce 6

e tagliatele in maniera irregolare per realizzare i maltagliati 7. Cercate però di dare a tutti circa della stessa dimensione. Mano a mano che producete i maltagliati disponeteli su un vassoio leggermente infarinato con semola rimacinata, con cui potete anche spolverizzarli per non farli attaccare. Usando la semola rimacinata eviterete che la pasta fresca assorba la farina 8: teneteli da parte. Procedete poi con la pulizia dei pesci: prendete la trota ed eliminate le lische aiutandovi con una pinzetta da cucina 9.

Poi fate scorrere la lama di un coltello tra la polpa del pesce e la pelle in modo tale da sfilettarne il trancio 10. Quindi tagliatelo a cubetti 11 che terrete da parte. Riducete anche la platessa in cubetti della medesima dimensione 12 e tenete anch’essi da parte.

Dedicatevi ora ai gamberetti: tirate via la testa e le zampette; procedete allo stesso modo per il carapace, eliminando anche coda 13. Incidete il dorso del gambero con un coltellino ed eliminate l’intestino facendo attenzione a non romperlo per estrarlo tutto 14: tagliate anche i gamberetti a pezzetti 15 e teneteli da parte.

Prendete le carote, pelatele e riducetele a tocchetti, mondate la cipolla e riducete anch’essa a pezzetti, fate lo stesso anche con il sedano. Unite le verdure in un mixer 16. Versate anche l’aglio 17 e riducete gli ingredienti ad un trito molto fine che verserete in una padella antiaderente dal fondo largo irrorata con olio 18: fate stufare a fuoco molto basso per circa 10-12 minuti.

Aggiungete in padella ora i gamberetti 19. Unite anche la platessa 20 e la trota 21: e fateli scottare in padella a fuoco vivace per circa 5-6 minuti, mescolando continuamente con un mestolo per evitare che attacchino al fondo della padella.

Sfumate con il vino bianco 22 e lasciate evaporare. Versate ora la salsa di pomodoro 23 e lo zucchero 24: mescolate bene gli ingredienti per amalgamarli.

Regolate di sale 25 e pepe, mescolando bene gli ingredienti 26. Quindi abbassate la fiamma: lasciate cuocere così per circa 10-15 minuti. Quando mancheranno pochi minuti al termine della cottura, lessate i maltagliati in un tegame con abbondante acqua salata per circa 3 minuti 27.

Quando saranno al dente, trasferiteli nella padella con il ragù 28 e amalgamateli con il condimento. Profumate con delle foglioline di timo precedentemente lavate ed asciugate 29 ed infine impiattate i vostri maltagliati al ragù di pesce 30!

Conservazione

Consigliamo di consumare i maltagliati al ragù di pesce appena pronti. Potete nel caso conservarli in frigorifero in contenitore chiuso ermeticamente per al massimo 1 giorno.

Potete anche conservare sottovuoto la pasta fresca per 2 giorni al massimo.

Potete congelare i malgatliati su un vassoio spolverizzati con poca semola rimacinata in modo e una volta irrigiditi potete trasferirli in un sacchetto gelo.

Consiglio

Qualche spunto per rendere la preparazione più intrigante? Con un nota piccante di peperoncino e fresca di basilico non si sbaglia mai. Perché non provare anche ad aggiungere più sapore grazie a dei pomodori datterino o cilieigino velocemente scottati in padella? Vedrete che figurone farete con i vostri amici!

28 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • fabynico
    domenica 09 giugno 2019
    è possibile congelare solo il ragù di pesce una volta cotto?
    Redazione Giallozafferano
    domenica 09 giugno 2019
    @fabynico: Ciao, se preferisci va bene!
  • AnaBanana
    venerdì 26 gennaio 2018
    Complimenti per la ricetta! L'ho usato il ragù di pesce con linguini - il piatto mi e venuto squisito!
1 FATTA DA VOI
vane0987
Vi siete al ragù di pesce con l'aggiunta di mollica "atturrata",ovvero cotta in padella!!
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo