Maltagliati con barba di frate

PRESENTAZIONE

Vi piacciono i maltagliati? Questo formato di pasta tipico dell’Emilia Romagna è ottimo da gustare davvero in tutte le salse: con un buon ragù di pesce, con spinaci e ricotta, con fave e crudo, oppure sotto forma di un originale sformato. In questa ricetta abbiamo realizzato un buon condimento preparato con la barba di frate, caratterizzata da un sapore leggermente agro, a cui abbiamo aggiunto pancetta affumicata croccante e della ricotta grattugiata come tocco finale. Portando in tavola i maltagliati con barba di frate, unirete tutta la bontà delle verdure ad un gusto rustico e deciso: un piatto da provare!

Leggi anche: Sformato di maltagliati

INGREDIENTI

Ingredienti per la pasta
Farina 00 300 g
Uova medie 3
per il condimento
Barba di frate (agretti) 400 g
Pancetta affumicata 100 g
Ricotta affumicata 50 g
Brodo vegetale 100 g
Scalogno 45 g
Olio extravergine d'oliva 30 g
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare i Maltagliati con barba di frate

Per realizzare i maltagliati con barba di frate ponete sul fuoco una pentola che vi servirà per il brodo vegetale. Proseguite con la preparazione della pasta fresca all'uovo: in una ciotola ponete la farina setacciata, create una conca al centro e versate le uova 1. Quindi iniziate a lavorare gli ingredienti con la forchetta direttamente nella ciotola 2 (tenete a portata di mano dell'acqua tiepida che potrete eventualmente aggiungere per rendere la pasta all'uovo più morbida e della consistenza ideale per tirarla con il mattarello).Poi proseguite impastando a mano 3, dovete otenere un panetto il più compatto possibile.

Terminate di impastare su un piano di lavoro per ottenere una consistenza liscia e omogenea 4; formate una pallina e avvolgetela con pellicola trasparente 5: il composto dovrà riposare almeno 30 minuti in un luogo fresco, al riparo da correnti d'aria. Trascorso il tempo necessario, riprendete la pasta all'uovo e dividetela in due panetti; mentre stendete il primo lasciate l'altro avvolto nella pellicola. Stendete con il mattarello una sfoglia di 1-2 mm 6.

Ricavate poi delle strisce 7 e tagliate la pasta in rombi o in qualsiasi forma 8. Ponete i maltagliati a mano a mano su un vassoio leggermente infarinato e infarinateli nuovamente 9. Poi stendete anche l'altro panetto e ripetete le stesse operazioni.

Proseguite pulendo la barba di frate: eliminate l'estremità finale rossastra 10, poi lavatela con cura sotto abbondante acqua corrente 11. Cuocete la barba di frate al vapore per circa 3 minuti 12,

lasciandola piuttosto croccante 13. Tagliate a rondelle lo scalogno 14 poi anche la pancetta affumicata a striscioline sottili 15.

Fate rosolare la pancetta in una padella antiaderente 16 fino a quando diventerà croccante e dorata 17. Fate appassire lo scalogno a rondelle in una padella con un filo di olio per 10 minuti 18,

aggiungendo il brodo vegetale poco alla volta 19. Unite la barba di frate 20, regolate di sale e di pepe 21,

e aggiungete la pancetta croccante, mescolando con una spatola 22. Spegnete il fuoco e tenete da parte. Trascorso il tempo necessario, portate a bollore una pentola con abbondante acqua salata e cuocete poco alla volta i maltagliati per pochissimi minuti 23, quindi scolateli con una schiumarola. Versateli direttamente nel condimento che avete preparato 24

e mescolate bene per insaporire, facendo saltare per qualche secondo in padella 25. Impiattate i maltagliati con barba di frate e terminate con la ricotta grattugiata 26, quindi serviteli ben caldi 27.

Conservazione

Potete conservare i maltagliati con barba di frate per 1-2 giorni in frigorifero in un contenitore ermetico. E' possibile congelare i maltagliati da crudi.  Per la congelazione potete procedere riponendo il vassoio con i maltagliati già porzionati, e riponeteli nuovamente in congelatore. Quando li dovrete utilizzare lessateli direttamente da congelati in acqua bollente e procedete come da ricetta.

Consiglio

Se preferite, al posto della ricotta affumicata, potete utilizzare del pecorino sardo.

8 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • cinzia
    domenica 01 giugno 2014
    Semplice e squisita!
  • Silvy
    venerdì 21 marzo 2014
    In diretta da parma: i migliori maltagliati? quelli fatti in casa coi ritagli della sfoglia usata per preparare gli anolini, spesso con qualche residuo di ripieno "intrappolato" dentro... La morte loro? Cotti nel minestrone al posto della pastina!!!! smiley
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo