Maritozzi golosi

/5

PRESENTAZIONE

Maritozzi golosi

Immaginatevi a passeggio per Roma e di avere un'improvvisa voglia di dolcezza, di ritrovarvi ad ammirare le bellezze della Capitale gustando un morbido dolce ricco di panna. Scopriamo questa meraviglia con lo chef Fabrizio Fiorani che per noi ha preparato dei maritozzi golosi, così soffici che vi sembrerà un sogno gustarli. E quale soddisfazione maggiore se non prepararli in casa con dosi e segreti per una perfetta riuscita? Segreti perchè il maritozzo non conosce ricetta codificata, ognuno ha il suo personale metodo per renderli morbidi e profumati. Ad esempio lo chef Fiorani utilizza il lievitino, aggiunge il miele, arancia e vaniglia per un profumo inebriante e sposa la tradizione di inserire nell'impasto pinoli e uvetta. Non ci soffermiamo sulle differenze tra i maritozzi tipici romani, quelli laziali o abruzzesi perchè sono tutti favolosi. Vi invitiamo a preparare la sua ricetta e farci conoscere le vostre sensazioni, morso dopo morso avvolti in una nuvola di panna montata! 

INGREDIENTI

Ingredienti per il lievitino
Acqua (naturale, in bottiglia) 100 g
Lievito di birra fresco 5 g
Farina 0 (Forza = W 320) 100 g
Per l'impasto (per circa 20 maritozzi)
Farina 0 con W 320 400 g
Zucchero 55 g
Lievito di birra fresco 8 g
Miele 10 g
Latte intero (fresco, freddo di frigo) 175 g
Uova (circa 2 medie, a temperatura ambiente) 125 g
Scorza d'arancia 1
Olio extravergine d'oliva 75 g
Sale fino 10 g
Uvetta 90 g
Pinoli 50 g
Baccello di vaniglia 1
per spennellare
Uova q.b.
Latte intero q.b.
per farcire
Panna fresca liquida 400 g
per decorare
Zucchero a velo q.b.
Preparazione

Come preparare i Maritozzi golosi

Per preparare i maritozzi come prima cosa preparate il lievitino. In una ciotola versate l'acqua 1, aggiungete il lievito 2 e mescolate con una frusta fino a farlo sciogliere 3

Aggiungete poi la farina 4 e mescolate con una spatola 5, giusto il tempo di ottenere un composto omogeneo. Coprite con pellicola 6.

Va lasciato maturare per 2 ore ad una temperatura di circa 30°: forno spento con luce accesa andrà bene 7. Quando il lievitino avrà raddoppiato di volume, versate la farina nella ciotola di una planetaria dotata di gancio 8, aggiungete il lievito sbriciolato 9

lo zucchero e il miele 10. Versate anche il latte freddo 11 e le uova 12

Lavorate il composto fino a che non sarà ben incordato 13. Aggiungete la scorza d'arancia grattugiata, facendo attenzione a prelevare solo la parte arancione 14 e i semi di un baccello di vaniglia 15.

Continuate a lavorare fino a che non saranno assorbiti, poi aggiungete il lievitino e impastate ancora. Quando sarà incordato unite l'olio extravergine di oliva lentamente, in 2-3 volte. 

Quando sarà ben assorbito aggiungete il sale 19, l'uvetta 20 e i pinoli 21.

Continuate ad impastare fino a che non saranno ben amalgamati 22. Trasferite quindi l'impasto su un piano 23, pirlatelo e trasferitelo in una ciotola 24

Ungete leggermente un pezzo di pellicola 25 e utilizzatelo per sigillare la ciotola 26. Lasciate lievitare per 2 ore a temperatura ambiente, poi riponete in frigo tutta la notte. Il giorno successivo eliminate la pellicola 27.

e trasferite l'impasto sul piano di lavoro infarinato 28. Utilizzando un tarocco ricavate 20 pezzi grandi circa 50 g 29. Fate delle pieghe veloci 30,

poi pirlate le palline 31 e man mano trasferitele su una teglia con un tappetino possibilmente microforato 32. Coprite con la pellicola precedentemente unta 33 e lasciate lievitare ancora per un'ora.

Eliminate poi delicatamente la pellicola 34. In una ciotolina versate pari peso di panna e di uova 35, sbattetele e utilizzatele per spennellare i maritozzi 36.

Cuocete in forno statico preriscaldato a 190° per 7-8 minuti 37, poi sfornate e lasciate raffreddare. Montate la panna (senza aggiungere zuccher)o 38 e trasferitela in un sac-à-poche 39.

Tagliate lateralmente i maritozzi 40 spremete all'interno abbondante panna 41 e con una spatola lisciatela bene 42.

Spolverizzate con zucchero a velo 43 44 e proseguite così con tutti gli altri. Serviteli e gustateli in compagnia 45.

Conservazione

I maritozzi una volta cotti possono essere conservati, senza farcitura, sotto una campana di vetro per un paio di giorni oppure possono essere congelati. Al momento di servirli basterà farcirli con la panna.

Una volta farciti consigliamo di consumarli subito, o comunque entro poche ore. Potete eventualmente conservarli in frigo. 

Consiglio

Se non amate uvetta e pinoli potete ometterli nella preparazione della ricetta. 

Al posto del miele potete utilizzare la stessa dose di malto o di zucchero. 

Se non avete il tappetino microforato potete utilizzare della carta forno. 

Consigliamo di utilizzare un pennello in silicone, quelli con le setole sono un po' rischiosi in cucina perchè potrebbero perdere delle setole che si attaccheranno ai vostri dolci. 

E' importante che la temperatura del latte sia "freddo di frigo" mentre le uova vengano versate a temperatura ambiente.

RICETTE CORRELATE
COMMENTI11
  • boblov79
    martedì 16 febbraio 2021
    ho provato a fare i maritozzi senza planetaria, trovo difficile la legatura dell’impatto, consigli per chi non ha una planetaria?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 19 febbraio 2021
    @boblov79: ciao! dopo che hai ottenuto un composto omogeneo prova a far riposare l'impasto per una decina di minuti sotto una ciotola, poi lavoralo ancora magari dandogli delle pieghe. Puoi ripetere questa operazione per 2-3 volte fino a che non avrai ottenuto un impasto liscio e ben incordato! 
  • Carlaangela
    giovedì 11 febbraio 2021
    Vorrei cimentarmi con questa bellissima ricetta, ho però farina W 350 con 13 di proteine, va bene? Grazie
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 11 febbraio 2021
    @Carlaangela : Ciao, ogni farina ha un diverso grado di assorbimento dei liquidi. Per darti un'indicazione precisa dovremmo provare. Quindi possiamo solo dirti di testare e di controllare la consistenza dell'impasto.