Per noi
la tua opinione
è importante!
Partecipa al
sondaggio

PRESENTAZIONE

Cosa si cucina a Santo Stefano? Se siete dei tradizionalisti non può mancare un piatto in brodo, come la minestra verde! Con questa pietanza voliamo in Puglia, dove nelle case delle nonne e delle zie ancora si prepara questa semplice bontà fatta di un buon brodo di carne e tante verdure di stagione, simile alla minestra maritata campana: cicoria, cardi, cavoli, finocchi... quello che c'è nell'orto invernale. C'è chi aggiunge la pasta, chi invece sceglie di servirla con crostini o fette di pane pugliese. Dopo le tante ricette di Natale, in attesa del menù di Capodanno, non perdetevi questa bontà che scalda il cuore!

Scoprite altri piatti della tradizione di Santo Stefano:

 

INGREDIENTI

Per il brodo
Biancostato di manzo 500 g
Carne bovina polpa di spalla 500 g
Sedano 3 coste
Carote 1
Cipolle ½
Pomodorini 4
Acqua 3 l
Per la minestra
Finocchi 400 g
Cardi 400 g
Cavolfiore 350 g
Cime di rapa 300 g
Bietole (coste) 300 g
Cicoria 300 g
Parmigiano Reggiano DOP 100 g
Per completare
Pane pugliese q.b.
Preparazione

Come preparare la Minestra verde

Per preparare la minestra verde pugliese iniziate dal brodo di carne: in una pentola capiente inserite i vari pezzi di carne, poi versate l'acqua 1 e accendete la fiamma medio-alta. Coprite con coperchio 2 e lasciate che arrivi a bollore. A quel punto potete abbassare la fiamma assicurandovi però che continuino a sobbollire. Schiumate di tanto in tanto durante la fase di cottura iniziale, circa 15-20 minuti 3.

Potete poi aggiungere la carota mondata e tagliata in pezzi grossi 4, le coste di sedano 5 e i pomodorini 6.

Coprite di nuovo con coperchio 7 e lasciate cuocere per almeno 2 ore a fuoco medio. Mentre il brodo di carne cuoce, occupatevi delle verdure: eliminate la parte finale del cardo 8, poi pelatelo per rimuovere la parte più esterna coriacea e filamentosa 8

Tagliate a fettine i cardi 10. Rimuovete via la parte verde del finocchio 11, poi tagliatelo a fette 12.

Ricavate le cimette dal cavolfiore 13. Eliminate la parte finale dei gambi della cicoria 14, lavate accuratamente le foglie più volte in ammollo, cambiando spesso l'acqua e poi scolate bene. Fate la stessa cosa con le coste private della parte finale e tagliate in pezzi grossolani 15.

Procedete nello stesso modo anche con le cime di rapa: togliete la parte finale del gambo, tagliatele grossolanemente e lavate bene in ammollo cambiando spesso l'acqua, poi scolatele bene. In un altro tegame, con acqua bollente leggermente salata, versate il cavolfiore e i finocchi 18.

Aggiungete anche il cardo 19, le coste (biete) e le cime di rapa. Lasciate cuocere per un paio di minuti, poi unite la cicoria 21. Cuocete il tutto per almeno 20 minuti 22.

Scolate le verdure 22 e tenete da parte 23. Prelevate anche la carne dal brodo 24, mentre quest'ultimo lasciatelo in tegame.

Sfilacciate la carne 25, salate a piacere il brodo 26 e lasciate sul fuoco a sobbollire per tenerlo in caldo 27.

Svuotate la pentola dove avete cotto le verdure, versate un po' di brodo, fate uno strato di verdure cotte 28, poi aggiungete un po' di carne 29 e una bella spolverata di formaggio 30.

Continuate così fino ad esaurire le verdure e la carne, quindi coprite il tutto con altro brodo 31 e in ultimo ancora del formaggio grattugiato 32. Alla fine mescolate e lasciate cuocere per altri 20 minuti tutto insieme 33.

Preparate i crostini di pane, scaldando un filo d'olio in una padella. Tostate i crostini fino a doratura 34. La minestra verde è pronta 35, servitela fumante completa di crostini 36!

Conservazione

La minestra verde pugliese si conserva in frigorifero per 1-2 giorni, in un contenitore ermetico.

Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Si può utilizzare un mix di formaggi, Pecorino e Parmigiano Reggiano DOP.

Si possono usare delle verdure come la verza, la scarola, le erbette.

Durante la prova puoi interrompere quando vuoi, senza alcun addebito. Dopo la prova GZ Club si rinnova in automatico a € 29,99/anno invece di € 49,99
Aggiornamento Termini e Condizioni

Gentile Utente,
le nostre Condizioni e Termini d'Uso del sito sono state modificate. Le nuove Condizioni e Termini d'Uso sono entrate in vigore dal 6 Giugno 2022. Ti preghiamo di prenderne visione a questo link ed accettarle per potere proseguire con l'utilizzo del sito e ad usufruire dei servizi offerti.

Newsletter