Mostarda mantovana

/5

PRESENTAZIONE

La mostarda mantovana è una specialità tipica della gastronomia mantovana e rappresenta la sorella d'oltralpe della famosa senape di Digione della tradizione Francese.
Nella tradizione mantovana, la mostarda, che è molto semplice da preparare, viene utilizzata in particolar modo per condire i famosi "tortelli di zucca".
Per quanto riguarda le origini della mostarsa mantovana, le prime notizie storiche si hanno nei primi decenni del XV secolo nel "De arte coquinaria" di Maestro Martino.
Nel '600, quando la mostarda diventa accessibile anche alla popolazione, era tradizione contadina prepararla per la vigilia di natale e farne una conserva per il resto dell'anno.

INGREDIENTI
Essenza di senape 12 gocce
Zucchero 500 g
Mele Cotogne 1 kg
Preparazione

Come preparare la Mostarda mantovana

Iniziate sbucciando le mele cotogne, successivamente togliete il torsolo e tagliatele a fettine.
Mettete le mele in un contenitore e aggiungete lo zucchero, mescolate e lasciate riposare per 24 ore.
Scolate in una pentola il succo che si è formato, fatelo addensare a fuoco basso per almeno un ora e poi versatelo caldo sulle mele.
Fate riposare per altre 24 ore e ancora una volta scolate il succo in una pentola, fatelo addensare per un ora e versatelo sulle mele.
Lasciate riposare ancora per 24 ore e fate bollire insieme il succo e le fettine di mela per almeno 10 minuti.
Fate quindi raffreddare il tutto e aggiungete l'essenza di senape.
Amalgamate con dolcezza e versate il tutto in vasetti di vetro puliti e sterilizzati.
Conservate i vasetti in un luogo asciutto e buio.

Curiosità

C'è da precisare che la mostarda mantovana non ha niente a che vedere con quella francese, infatti, quella francese ha un sapore molto forte in cui si impone la senape, mentre la mostarda mantovana ha un sapore
molto più delicato tendente all'agrodolce dovuto al fatto che la senape è utilizzata in misura nettamente inferiore.

Consiglio

Nella ricetta vi ho proposto una mostarda "media", ma se volete potete dosare l'essenza di senape per ottenere quella che vi piace di più: con più di 12 gocce la mostarda sarà molto piccante, con meno più blanda. Altra cosa: le mele cotogne. Non è detto che riusciate a trovarle, nel qual caso procuratevi le renette o le campanine, sempre un po' acerbe, mi raccomando!

RICETTE CORRELATE
COMMENTI77
  • LARA29
    giovedì 26 agosto 2021
    Ciao, ma posso usare l'anguria bianca per mostarda al posto delle mele? Oppure c'è un'altra ricetta?grazie
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 26 agosto 2021
    @LARA29:Ciao, non avendo provato questa variante non possiamo garantirti una buona resa.
  • alesssssssssssssssssia
    lunedì 26 ottobre 2020
    @Mantua quanto limone metto e quando? E quante gocce metto per renderla piccante? perché non devo bollire i vasetti? vanno bene sterilizzati nel forno? grazie