'Mpanatigghi

PRESENTAZIONE

L’ultima cosa che vi aspettereste di trovare entrando in una pasticceria probabilmente è la carne, eppure in Sicilia esistono dei dolci tradizionali che nascondono al loro interno un ripieno di manzo e cioccolato e prendono il nome di ‘mpanatigghi! Tipici di Modica, questi biscotti a forma di mezzaluna hanno un gusto intenso che al palato non rivela assolutamente l’utilizzo di un ingrediente tanto insolito: l’aroma della farina di mandorle, il profumo delle spezie e lo spiccato sapore di cacao che caratterizza il cioccolato di Modica si fondono armoniosamente e bilanciano la dolcezza della frolla a base di strutto. Un aneddoto racconta che furono inventati dalle suore di un monastero che nei giorni di Quaresima avevano camuffato della carne tritata all’interno di un dolce al cioccolato per aiutare i confratelli durante i periodi di magro. Tuttavia sembra più probabile che l’origine di questi dolcetti sia da attribuire agli spagnoli, come dimostrerebbe anche l’etimologia del nome che ricorda le empanadas. In ogni caso, gli ‘mpanatigghi sono diventati una ricetta unica nel suo genere e solo per questo motivo meritano un assaggio… vedrete che basterà a fugare qualsiasi dubbio rimasto!

Leggi anche: Pastieri ragusani

INGREDIENTI

Ingredienti per l’impasto (per circa 25 biscotti)
Farina 00 500 g
Strutto 180 g
Zucchero 180 g
Uova (circa 1) 55 g
Tuorli (circa 1) 15 g
Marsala 70 g
Ammoniaca per dolci 3 g
Sale fino 3 g
per il ripieno
Manzo macinato 200 g
Cioccolato di Modica 150 g
Farina di mandorle 200 g
Zucchero 60 g
Cannella in polvere 1 pizzico
Chiodi di garofano macinati 1 pizzico
Preparazione

Come preparare gli 'Mpanatigghi

Per realizzare gli ‘mpanatigghi, iniziate dalla preparazione dell’impasto: versate la farina e lo strutto in una ciotola 1 e cominciate a lavorare con le mani per amalgamarli, poi unite il tuorlo, l’uovo intero 2 e lo zucchero 3.

Impastate con le mani fino a che le uova non saranno state completamente assorbite 4, poi aggiungete l’ammoniaca per dolci 5 e il Marsala 6.

Unite anche il sale 7 e impastate il tutto per ottenere un composto liscio e uniforme 8. Avvolgete l’impasto nella pellicola 9 e lasciate riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Nel frattempo grattugiate finemente il cioccolato di Modica 10. Verso la fine del tempo di riposo della frolla, preparate il  ripieno: versate in una ciotola la carne trita di manzo 11 e il cioccolato grattugiato 12.

Aggiungete lo zucchero 13 e la farina di mandorle 14 e mescolate per amalgamare gli ingredienti 15.

Unite anche la cannella 16 e la polvere di chiodi di garofano 17 e finite di impastare con le mani per ottenere un composto omogeneo 18

Trascorso il tempo di riposo dell’impasto, stendetelo con il mattarello fino a uno spessore di 2-3 mm 19; per facilitarvi potete dividere l'impasto in due parti. Ritagliate dei cerchi con un coppapasta dentellato del diametro di 10 cm 20 e posizionate un cucchiaio di ripieno nel centro (circa 20 g) 21.

Bagnate leggermente i bordi con l’acqua e ripiegate il cerchio a metà 22 per formare una mezzaluna, richiudendo il ripieno all’interno 23. Trasferite i biscotti su una leccarda foderata con carta forno e premete i bordi con i rebbi di una forchetta per decorarli e sigillarli ulteriormente 24.

Con il coltello praticate una piccola incisione sulla sommità di ciascun biscotto 25, poi cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per circa 20 minuti. Una volta cotti, sfornate i vostri ‘mpanatigghi 26 e lasciateli intiepidire prima di gustarli 27!

Conservazione

Gli ‘mpanatigghi si possono conservare in un luogo fresco per una settimana circa. Potete congelarli prima della cottura se avete utilizzato ingredienti freschi, non decongelati; in questo caso consigliamo di lasciarli in frigorifero per un'oretta prima di infornarli.

Consiglio

Se desiderate potete spolverizzare gli ‘mpanatigghi di zucchero a velo prima di servirli. Lo strutto si può sostituire con la stessa dose di burro.

1 FATTA DA VOI
azzarelli rita
mpanatigghi modicani😋una delizia per il palato👍🤗
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo