Pane pugliese

PRESENTAZIONE

Riuscite a immaginare qualcosa di più buono del profumo di pane appena sfornato che avvolge la vostra casa? Meglio ancora se la ricetta arriva dalla nostra tradizione regionale come i panini di ricotta sardi oppure il pane pugliese che vi proponiamo qui, una specialità intramontabile che ancora oggi mantiene intatte le sue caratteristiche. Crosta croccante dall'inconfondibile color nocciola e dall'alveolatura impeccabile che rende soffice l’interno; un contrasto perfetto che ne determina la sua particolarità. Il pane pugliese porta con sé tutta la bontà dei sapori semplici e genuini che ha reso celebre la nostra cucina italiana in tutto il mondo. Pochi ingredienti sapientemente mescolati in un susseguirsi di gesti antichi che custodiscono tutti i segreti di questa preparazione senza tempo. Abrustolite una fetta di questo pane e servitelo insieme alla nostra peperonata e con quello avanzato potrete realizzare un saporito pancotto!

Leggi anche: Fagiolini alla pugliese

INGREDIENTI

220
CALORIE PER PORZIONE
Ingredienti per la biga (per una pagnotta da 500 gr)
Acqua a temperatura ambiente 150 g
Farina 00 250 g
Lievito di birra fresco 2,5 g
per l'impasto
Semola 50 g
Lievito di birra fresco 1 g
Acqua a temperatura ambiente 38 g
Miele 5 g
Sale fino 5 g
Preparazione

Come preparare il Pane pugliese

Per preparare il pane pugliese, iniziate dalla biga. In una ciotola versate la farina 00 setacciata, il lievito fresco a pezzettini 1 e iniziate a impastare sbriciolando con la punta delle dita farina e lievito in modo amalgamarli al meglio, poi versate l’acqua a temperatura ambiente a filo mentre raccogliete gli ingredienti con le mani 2, una volta ottenuto un panetto uniforme, formate una palla, adagiatela all’interno di una ampia ciotola 3,

Coprite con la pellicola per alimenti 4 e lasciate maturare la biga a temperatura ambiente per 12-14 ore. Trascorso il tempo di riposo, riprendete la biga 5, rimpastatela all’interno della ciotola 6

A questo punto unite la farina di semola 7, il miele 8, 1 g di lievito di birra fresco 9

impastate tutti gli ingredienti versando a filo l’acqua poco alla volta 10. Quando il composto sarà amalgamato aggiungete il sale 11, proseguite impastando finché non sarà assorbito, poi trasferite il panetto su una spianatoia infarinata leggermente con farina di semola 12

Lavoratelo per formare una palla 13, adagiate l’impasto in una ciotola ampia, coprite con pellicola trasparente 14 e fate lievitare ad una temperatura di circa 26-27 °: andrà bene conservarlo in forno spento con la luce accesa, per circa 3 ore o fino a quando il panetto avrà triplicato il suo volume 15.

Trascorso il tempo di lievitazione ponete il panetto su una spianatoia leggermente infarinata con la farina di semola 16, stendete l’impasto per creare un rettangolo pressando con le dita la pasta 17, fate ora le pieghe: prendete i lembi laterali della pasta e ripiegateli su se stessi 18

Ripiegate poi la parte superiore 19 e avvolgete il panetto su se stesso (20-21)

per conferirgli di nuovo una forma sferica 22, adagiate la sfera ottenuta su un tagliere spolverizzato con farina di semola 23, coprite il panetto con una ciotola o una campana per torte 24 e lasciate lievitare ancora per 1 ora. In questo modo sarà più pratico trasferite la pagnotta sulla teglia una volta lievitata.

Accendete il forno a 220° in modalità statica, avendo cura di mantenere all’interno la teglia che servirà per la cottura del pane, dovrà essere rovente. Trascorsa l’ultima lievitazione riprendete il pane, incidete con un coltellino la superficie per creare una croce, con due tagli trasversali: i tagli devono essere molto profondi 25 perché aiuteranno la fuoriuscita dell’aria in cottura ed eviteranno la formazione di crepe sulla crosta. Con l’aiuto di un tarocco trasferite delicatamente il pane sulla teglia calda facendo in modo di conservare la sua forma (fate attenzione a non scottarvi con la teglia rovente) 26. Cuocete la pagnotta a 220° per 50 minuti nella parte centrale del forno. Una volta terminata la cottura il vostro pane pugliese sarà dorato e croccante 27, lasciatelo intiepidire prima di tagliarlo a fette.

Conservazione

Il pane pugliese si può conservare per 2-3 giorni su una sacchetto di carta. Potete anche congelare il pane per circa 1 mese, magari a fette per scongelare solo all'occorrenza quello che vi servirà!

Consiglio

Se volete usare il lievito secco (disidratato) usatene 1,5 g per la biga, e sempre 1 g per l'impasto lasciando invariati i tempi di lievitazione. Se preferite, potete preparare la biga la sera prima e lasciatela "maturare" ovvero lievitare a temperatura ambiente per 12 ore coperta come indicato nel procedimento; il giorno dopo potrete terminare il lavoro, per avere per pranzo il pane pugliese ben caldo da gustare con saporiti salumi e formaggi!

26 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • lucabo
    giovedì 25 aprile 2019
    L'ho fatto per la prima volta seguendo le dosi indicate, ammetto che pensavo venisse più morbido... Può essere perché ho fatto 12 ore la prima lievitazione? La ricetta diceva 12/14 ore..
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 29 aprile 2019
    @lucabo: ciao! L'interno era abbastanza alveolato? in caso la prossima volta prova ad aumentare un po' i tempi di lievitazione! 
  • vaniluvi
    sabato 06 aprile 2019
    A questo contenuto di biga si può raddoppiare il contenuto con semola?
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 08 aprile 2019
    @vaniluvi : ciao! ci dispiace ma non abbiamo capito a cosa ti riferisci! puoi spiegarci meglio cosa intendi? 
9 FATTE DA VOI
rofox87
pane pugliese
lucabo
Fatto per la prima volta
vaniluvi
Pane appena sfornato tenuto 35 min a 200 gradi e con dose di semola raddoppiata, è venuto morbido e buono...
ILMarione
cottura 20 min. a 240...poi altri 20 a 220...buono da svenire !!!😍😍😍
5dan62
Buonissimissssssssssimo
Deanera77
pane appena sfornato! E' stato apprezzato da tutti 😊
RICETTE CORRELATE