Panzerotti (calzoni) fritti

/5

PRESENTAZIONE

Panzerotti (calzoni) fritti

I panzerotti fritti, anche detti calzoni, sono tipici della cucina pugliese. Mezzelune di pasta lievitata, molto simili all'impasto della pizza, ripiene con mozzarella, pomodoro e origano. I panzerotti fritti sono diffusi dal Lazio alla Sicilia, ma i panzerotti più buoni si preparano in Campania e in Puglia. Proprio in queste due regioni, i panzerotti fritti in Puglia e pizza fritta in Campania, è possibile acquistare questa bontà direttamente dalle numerose rosticcerie per strada. Il calzone fritto infatti è un appetitoso street food da gustare a qualsiasi ora!
I nostri panzerotti fritti si ispirano alla versione tradizionale pugliese, ma nulla vieta di fare qualche piccola variante sugli ingredienti tanto quanto sulla cottura in forno... andate a leggere il consiglio in fondo alla pagina!
Per strada, ma anche a casa, i panzerotti fritti sono perfetti per una cena in allegra compagnia, cosa aspettate ad organizzare una bella panzerottata a casa con amici e parenti? Con la ricetta di GialloZafferano, sarete sorpresi dell'ottimo risultato!

INGREDIENTI

Ingredienti per 10 panzerotti
Farina 00 250 g
Farina Manitoba 250 g
Acqua tiepida 285 g
Olio extravergine d'oliva 8 g
Lievito di birra fresco 8,5 g
Zucchero 5 g
Sale fino 10 g
per il ripieno
Fiordilatte 250 g
Passata di pomodoro 200 g
Sale fino q.b.
Origano q.b.
Olio extravergine d'oliva q.b.
per friggere
Olio di semi q.b.
Preparazione

Come preparare i Panzerotti (calzoni) fritti

Per preparare i panzerotti fritti cominciate dall'impasto lievitato. In una ciotola versate la farina 00 e la manitoba 1, sbriciolate il lievito di birra fresco 2 e aggiungete lo zucchero 3

 

Aggiungete metà dell'acqua 4 e iniziate a lavorare con un tarocco 5. Aggiungete quindi il sale 6

la restante acqua 7 e lavorate ancora con il tarocco 8. Unite poi l'olio 9 

e iniziate ad impastare con le mani 10. Non appena l'impasto avrà preso consistenza trasferitelo sul piano e impastate per alcuni minuti finché non sarà liscio e omogeneo 11. Formate quindi un salsicciotto 12 

e stagliatelo in 10 pezzi da 80 g ciascuno 13. Per formare le palline appiattite una porzione di impasto sul piano di lavoro e portate tutti i lati della pasta verso il centro. Poi pirlate ciascuna porzione, schiacciando delicatamente con il palmo della mano verso il piano e facendo un movimento rotatorio 14. Sistemate quindi le palline su un vassoio, distanziandole bene 15

coprite con un canovaccio 16 e lasciate lievitare per un'ora e mezza, fino a quando non avranno raddoppiato di volume. Intanto occupatevi del ripieno. Tagliate il fiordilatte a dadini 17 e mettetelo a scolare così perderà parte del siero 18

In un pentolino scaldate un filo d'olio 19 e versate la passata di pomodoro. Regolate di sale 20 e fate cuocere a fuoco dolce per circa 15 minuti. Quando sarà pronto trasferite il sugo in una ciotola, profumate con dell'origano secco 21

mescolate e lasciate raffreddare 22. Recuperate le palline, ormai lievitate 23. Prendetene una, schiacciatela leggermente su un piano leggermente infarinato 24

e tiratela  aiutandovi con il matterello 25. Dovrete ottenere un disco rotondo spesso circa 2 mm. Ponete al centro di ogni cerchietto prima la passata di pomodoro 26 e poi la mozzarella 27

Chiudete a mo' di mezzaluna 28, avendo cura di sigillare accuratamente le estremità 29. Rifilate il bordo con una rotella liscia o un coltellino ben affilato 30.  

A questo punto 31 scaldate abbondante olio di semi in una pentola portandolo a 170° e friggete i panzerotti, immergendone 1- 2 alla volta 32. Appena torneranno in superficie girateli 33

Per cuocerli in maniera uniforme basterà girarli spesso. Scolate su carta assorbente e proseguite la cottura degli altri. I panzerotti sono pronti, serviteli caldissimi!

Conservazione

Si consiglia di consumare i panzerotti fritti al momento, eventualmente, se preferite, potete conservarli in frigo per un paio di giorni.

Consiglio

Arricchite i panzerotti con prosciutto cotto, salame, melanzane o spinaci! 

Se in fase di stesura l'impasto dovesse un po' ritirarsi, lasciatelo da parte per pochi minuti e poi continuate a stenderlo. 

Il consiglio di lievitazione di Paneangeli

Prova Mastro Fornaio Paneangeli, il lievito di birra disidratato per impasti a lievitazione naturale. Si presenta in granelli, per questo è facilissimo mescolarlo alla farina del tuo impasto. Puoi sostituirlo al lievito di birra fresco in tutte le tue ricette perché una bustina equivale ad un cubetto. Scopri di più

COMMENTI341
  • acci.84
    giovedì 27 agosto 2020
    se al posto del lievito secco metto quello fresco quanto devo usarne?
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 27 agosto 2020
    @acci.84: ciao, tieni conto che 1g di lieviti di birra disidratato corrisponde a circa 3,6g di lievito di birra fresco
  • gabboc
    sabato 11 luglio 2020
    a me le palline non sono cresciute,ho fatto metà di tutte le dosi perché ne volevo fare solo 10. non son cresciute cosa posso fare?
    Redazione Giallozafferano
    sabato 11 luglio 2020
    @gabboc: Ciao, ci sembra strano... forse il lievito che hai utilizzato era un po' vecchio?