Pasta del maresciallo

/5

PRESENTAZIONE

Pasta del maresciallo

Le paste veloci sono la nostra passione: un sugo espresso che si prepara nel tempo di cottura della pasta e il gioco è fatto, nessun ospite improvviso vi spaventerà più! Le saporite penne al baffo, gli intramontabili spaghetti al tonno, simbolo indiscusso degli studenti fuori sede e una ghiotta pasta alla cenere, ideale per gli amanti del formaggio. A queste prelibate pietanze aggiungiamo oggi la pasta del maresciallo, un primo piatto dalla cremosità irresistibile, ideale come soluzione salvacena dell’ultimo minuto. Salsa di pomodoro, panna fresca, una manciata di dadini di pancetta e il gusto è assicurato!

INGREDIENTI
Polpa di pomodoro 400 ml
Panna fresca liquida 150 ml
Penne Rigate 320 g
Cipolle rosse 1
Pancetta dolce a cubetti 80 g
Basilico q.b.
Olio extravergine d'oliva 2 cucchiai
Sale fino q.b.
Preparazione

Come preparare la Pasta del maresciallo

Per realizzare la pasta del maresciallo per prima cosa mondate la cipolla e affettatela finemente 1. In una padella versate la cipolla affettata 2, la pancetta 3

e due cucchiai di olio di oliva 4. Portate tutto sul fuoco e fate rosolare per circa 3 minuti a fuoco vivace. Unite la polpa di pomodoro 5, aggiustate di sale 6, mescolate e fate cuocere la salsa per 15 minuti a fiamma moderata.

Nel frattempo portate a bollore, in una pentola, l’acqua salata per cuocere la pasta. Fate cuocere la pasta 7 per il tempo indicato sulla confezione e scolatela al dente. Intanto unite alla salsa la panna fresca 8 e mescolate per amalgamare il sugo 9.

Aromatizzate con le foglioline di basilico 10 e, una volta che la pasta sarà cotta, scolatela direttamente in padella con il sugo 11. Fate saltare la pasta per qualche istante in modo che si ultimi la cottura e si amalgami al sugo. Servite la pasta ben calda, guarnita con foglioline di basilico 12.

Conservazione

La pasta del maresciallo è ottima se gustata appena pronta, sconsigliamo di conservarla dopo la cottura.

Consiglio

Sostituite la pancetta dolce con qualche oliva nera per una versione squisitamente vegetariana!