Pasta fredda al gazpacho

PRESENTAZIONE

Un tuffo nella soleggiata Andalusia, ma senza dimenticare la tradizione italiana di un buon primo piatto di pasta! La pasta fredda al gazpacho è l'incontro tra queste due culture gastronomiche: la zuppa fredda tipica spagnola ricca di verdure di stagione frullate insieme alla mollica di pane incontra le pipe rigate, un formato particolare, ideale per raccogliere tutto il cremoso condimento. La particolarità di questa pietanza è proprio quella di gustare una minestra fredda, con il gusto intatto dei peperoni, pomodori, cetrioli e cipolle rosse utilizzati a crudo. Un piatto rigenerante nelle calde giornate estive, veloce da preparare e ideale da gustare in riva al mare o in città, quando il caldo non da tregua! La pasta fredda al gazpacho è un'idea originale anche come schiscetta per la pausa pranzo a lavoro!

Leggi anche: Gazpacho andaluso

INGREDIENTI

CALORIE PER PORZIONE
Kcal 439
Ingredienti per la pasta
Pipe Rigate 200 g
per il gazpacho
Aceto di vino bianco 110 ml
Cetrioli 200 g
Pane (mollica rafferma) 100 g
Pomodori ramati 600 g
Cipolle rosse 65 g
Peperoni rossi 225 g
Peperoni verdi 225 g
Aglio 1 spicchio
Olio extravergine d'oliva 50 g
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare la Pasta fredda al gazpacho

Per preparare la pasta fredda al gazpacho, iniziate da quest'ultimo: ricavate dal pane raffermo la mollica da porre in una ciotola e inumidire con acqua e aceto di vino bianco 1; lasciate che assorba i liquidi, quindi scolatela con un colino e ponetela da parte. Poi passate a pulire e tagliare le verdure: lavate e tagliate a metà i pomodori ramati, poneteli su una ciotolina per eliminare i semini interni 2; spuntate e pelate il cetriolo e tagliatelo a rondelle 3.

Proseguite con i peperoni verdi e rossi: lavateli e divideteli a metà, poi tagliate via il torsolo e il filamento interno con i semini, quindi riducete le falde a listarelle 4. Infine sbucciate la cipolla rossa e lo spicchio d’aglio e affettateli grossolanamente 5. Versate le verdure tagliate a tocchetti in un mixer 6, aggiungete l’olio extravergine di oliva a filo, aggiustando anche di sale e pepe a piacere

e fate andare il mixer per ottenere un composto liscio ed omogeneo 7. Filtrate il composto denso ottenuto aiutandovi con un colino a maglie strette e il dorso di un cucchiaio per eliminare eventuali residui di bucce e semi, raccogliendo il composto in una ciotola 8. Trasferite nuovamente il composto nel mixer e unite la mollica ben strizzata 9 e aggiustate eventualmente di sale, pepe o aceto.

Frullate ancora per qualche secondo fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo 10. Poi, ponete il gazpacho a riposare per qualche ora. Intanto, cuocete le pipe rigate in un tegame con acqua bollente salata a piacere 11. Quindi scolatele al dente e freddate la pasta sotto acqua corrente fredda. Dopodichè scolatela bene e trasferitela in una ciotola ampia, versate parte del gazpacho per condire la pasta 12.

Dividete il gazpacho rimanente nei piatti da portata 13 e versateci le pipe rigate condite 14; potete decorare ciascun piatto con delle fettine di cetriolo e del basilico se preferite. La vostra pasta fredda al gazpacho è pronta per essere servita.

Conservazione

La pasta fredda al gazpacho si può conservare in frigorifero per 1 giorno.

Il gazpacho da solo si conserva in un contenitore ermetico per 2-3 giorni. Si sconsiglia la congelazione.

 

 

 

Consiglio

Prima di servire potete arricchire la pasta fredda al gazpacho anche con dadini di pomodori e cipolle rosse!

Ti suggeriamo

RICETTE CORRELATE
COMMENTI (7)
Lascia un commento o chiedici un consiglio
  • AndreaPostiglione94
    venerdì 27 luglio 2018
    Ma se non si mettessero i peperoni andrebbe bene lo stesso? Lo dico per problemi di digeribilità del prodotto.. Grazie!
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 27 luglio 2018
    @AndreaPostiglione94: ciao! Il gusto sarà diverso ma non dovresti avere problemi! 
  • giampy
    sabato 09 luglio 2016
    @Alessio: sarebbe bello vivere in un mondo libero da ogni influenza subliminale ma non è possibile, molto meglio mantenere il proprio gusto e "completare" le ricette a piacere senza essere scandalizzati dai consigli sugli acquisti che non sono solo qua