Pasta verde agli spinaci

/5

PRESENTAZIONE

La pasta verde agli spinaci è una pasta fresca all’uovo dal gusto delicato preparata semplicemente con l’aggiunta degli spinaci che conferiscono un tocco di colore a tutti i classici formati di pasta che si preparano con la sfoglia: le tagliatelle, i ravioli o i semplici maltagliati. La preparazione dell’impasto non differisce dall’esecuzione classica della pasta fresca pertanto la pasta verde agli spinaci è una ricetta ideale per coloro che amano i sapori della tradizione e si dilettano a sperimentare le possibili varianti. Se amate i primi piatti dalle tinte colorate provate i nostri spatzle di spinaci, deliziosi gnocchetti verdi conditi con panna e speck!

INGREDIENTI
Spinaci 60 g
Farina 00 300 g
Uova medie 3
Preparazione

Come preparare la Pasta verde agli spinaci

Per preparare la pasta verde agli spinaci mettete 60 gr di spinaci lavati e scolati 1 a lessare in un tegamino assieme a 2 cucchiai di acqua e un pizzico di sale. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere ed asciugare gli spinaci 2 dopodiché passateli al setaccio 3

per ottenere una crema liscia 4. In una ciotola versate la farina setacciata, le uova (che avrete tenuto a temperatura ambiente) e la crema di spinaci 5, quindi amalgamate per bene gli ingredienti 6,

poi trasferitevi su di una spianatoia 7 ed impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo; nel caso l’impasto non dovesse raccogliere completamente la farina o risultasse leggermente duro, aggiungete uno o due cucchiai di acqua tiepida e continuate a impastare fino a quando non risulterà liscio e compatto 8 e poi lasciatelo riposare coperto per almeno mezz’ora in luogo fresco. Dopo il riposo la pasta fresca risulterà più morbida ed elastica: preparatevi quindi a stenderla 9 per ottenere il formato che desiderate procedendo a mano (seguendo le indicazioni che trovate qui) oppure con la macchina apposita.

Conservazione

Consigliamo di utilizzare la pasta fresca all'uovo al momento, ma se lo desiderate potete conservarla sottovuoto, per un paio di giorni al massimo. In alternativa è possibile congelarla da cruda, una volta realizzati i formati desiderati.