Paste di mandorla

PRESENTAZIONE

Chi è andato in vacanza almeno una volta in Sicilia conserverà sicuramente fra i suoi ricordi alcune delle specialità più golose di questa bellissima isola… dai cannoli alla cassata, sono tanti e irresistibili i peccati di gola da concedersi per avere un assaggio della tradizione dolciaria sicula. Fra gli ingredienti più utilizzati troviamo le mandorle, che sono proprio l’ingrediente principale della ricetta che vi proponiamo oggi: le paste di mandorla. Questi dolcetti vengono realizzati anche in altre regioni del sud Italia e in tante forme diverse: noi abbiamo optato per questi pasticcini con una deliziosa ciliegina candita (o una mandorla) e per i pizzicotti di pasta di mandorle. Dopo il caffè o per accompagnare il momento del tè, le paste di mandorle sono perfette con la loro estrema dolcezza e la consistenza che rimane più croccante all’esterno e morbida all’interno. Una ricetta semplice che richiede pochi ingredienti e pochi passaggi, ma anche tanta pazienza e cura dei dettagli… solo così infatti riuscirete a riprodurre fedelmente l’indimenticabile bontà delle paste di mandorla! Se volete creare un gabaret di pasticcini, potete anche realizzare delle morbide e profumate cartucce napoletane da servire insieme!

Leggi anche: Burro di mandorle

INGREDIENTI

126
CALORIE PER PORZIONE
Ingredienti per 20 paste di mandorla
Mandorle pelate intere 250 g
Zucchero 250 g
Albumi (circa 2 piccoli) 60 g
Aroma alla mandorla ½ cucchiaino
per guarnire
Ciliegie candite q.b.
Mandorle intere q.b.
Preparazione

Come preparare le Paste di mandorla

Per preparare le paste di mandorla, inserite in un mixer dotato di lame di acciaio le mandorle pelate 1 e lo zucchero 2 e frullate fino a ridurle in polvere 3. Ricordate che questo passaggio dovrà durare pochi minuti per evitare che le mandorle si surriscaldino e rilascino il loro olio.

Unite gli albumi 4 e l’aroma di mandorle 5 e frullate nuovamente per amalgamare il tutto. L’impasto sarà pronto quando risulterà compatto ma morbido al tatto 6, quindi trasferitelo in un sac-à-poche ben resistente con bocchetta rigata da 10 mm.

Foderate una leccarda con la carta da forno che potete fissare meglio spremendo un po’ di impasto ai 4 angoli della teglia 7. Formate dei mucchietti del diametro di 3 cm e alti circa 2 cm 8 e guarnite parte di essi con le ciliegie candite tagliate a metà 9

e parte con le mandorle intere 10. A questo punto mettete la leccarda in frigorifero e lasciate raffreddare le paste di mandorla per almeno 7 ore (o ancora meglio tutta la nott), coperti con pellicola. Trascorso questo tempo riprendete la teglia 11, cuocete in forno ventilato preriscaldato a 180° per circa 15 minuti, posizionando la teglia sul ripiano medio. Fate attenzione a non cuocerli troppo, altrimenti non saranno abbastanza morbidi all’interno: dovranno risultare ancora un po’ pallidi 12. Una volta sfornate, lasciate raffreddare e servite le vostre paste di mandorla!

Conservazione

Le paste di mandorla si possono conservare a temperatura ambiente per circa una settimana, chiusi in sacchettini di plastica alimentare. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Il tempo di raffreddamento è fondamentale per permettere alle paste di mandorla di mantenere la forma durante la cottura, quindi se possibile lasciateli riposare in frigorifero anche tutta la notte! Potete sostituire l’aroma di mandorle con quello di vaniglia, oppure aggiungere scorza di limone o acqua di fiori d’arancio per un gusto leggermente diverso. Per quanto riguarda la decorazione, utilizzate pure la vostra frutta secca preferita!

29 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Moniquesor
    martedì 07 gennaio 2020
    Perché la stessa quantità di zucchero e mandorle ? La mia ricetta : su un g di mandorle 450/500 di zucchero e 3 bucce del limone grattugiata, Anche un po’ di liquore al limoncello , mezzo bicchiere d’acqua e cinque albumi battiti a neve ! Fatemi sapere 🤗
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 08 gennaio 2020
    @Moniquesor:Ciao, la nostra ricetta è ben riuscita sia in termini di consistenza che di gusto, ma è possibile anche ricalibrare i dosaggi in base al risultato che si vuole ottenere.
  • Alanina85
    venerdì 27 settembre 2019
    Salve,invece di usare le mandorle e tritarle, si può usare direttamente la farina di mandorle?... Grazie
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 27 settembre 2019
    @Alanina85: Ciao, non avendo provato non sappiamo darti la dose precisa che potrebbe variare leggermente da quella da noi indicata. Tieni conto, però, che utilizzando le mandorle intere otterrai un prodotto di migliore qualità!
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo