/5

Pici alle briciole

PRESENTAZIONE

Pici alle briciole

La Toscana è una regione dalle mille risorse: culla della letteratura e delle scienze, ha dato i natali a molti personaggi che hanno fatto la storia e ha adottato poeti e studiosi che qui hanno voluto prestare la loro opera e trascorrere la loro vita. Oltre all'intelletto, anche il palato trova stimoli in questa terra, icona di tradizioni gastronomiche legate ai suoi prodotti tipici, come il vino e l'olio. Proprio quest'ultimo è il protagonista di questa ricetta: i pici alle briciole. Questo formato di pasta, simile ad uno spaghetto più spesso, è realizzato con acqua, olio rigorosamente extravergine e farina. Un piatto povero, la cui qualità degli ingredienti fa la differenza: noi abbiamo scelto la crosta di una fragrante pagnotta sciapa, ispirata all'antica e tradizionale forma di pane toscana, che infine va ridotta in briciole e fatta tostare con l'olio più pregiato e peperoncino fresco; la base perfetta per questo saporito primo piatto. I pici conquisteranno tutti con la loro semplicità e il gusto intenso... non ne rimarrà nemmeno una briciola!

Leggi anche: Pici all'aglione

INGREDIENTI

Ingredienti per la pasta fresca
Farina di grano duro 170 g
Farina 00 350 g
Olio extravergine d'oliva 20 g
Acqua tiepida 300 g
Sale fino 1 pizzico
Per le briciole
Pane casereccio sciapo, la crosta 200 g
Olio extravergine d'oliva 80 g
Peperoncino fresco 2
Aglio 3 spicchi
Sale fino 1 pizzico
Preparazione

Come preparare i Pici alle briciole

Per preparare i pici alle briciole, per prima cosa preparate la pasta fresca: su un piano di lavoro versate la farina 00 e la farina di grano duro (tenendone da parte 20 gr che serviranno per spolverizzare il piano di lavoro) 1, poi il sale 2. Realizzate la classica forma a fontana e al centro versate l'olio extravergine 3;

poco alla volta aggiungete anche l'acqua tiepida, a filo, mentre iniziate ad impastare a mano 4. Lavorate gli ingredienti fino ad ottenere un panetto piuttosto elastico e omogeneo 5. Avvolgetelo in pellicola trasparente 6 e lasciate riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti.

Dopodiché, riprendete il panetto e tenete a portata di mano circa 20 g di farina di grano duro che vi serviranno per spolverizzare man a mano il piano di lavoro per stendere la pasta. Prelevate un pezzo di impasto (conservate il restante nella pellicola trasparente) 7 e lavoratelo stendendolo per creare dei cordoncini lunghi poco più spessi di uno spaghetto 8. Dividete ciascun cordoncino per raggiungere una lunghezza pari a quella di uno spaghetto 9

Quindi stendete i bigoli e lasciateli seccare su una rete o una spianatoia con farina di grano duro 10. Intanto preparate il condimento: prendete il pane paesano sciapo e raffermo da non più di un giorno (se riuscite a trovare la tradizionale pagnotta toscana è meglio) e tagliatelo in pezzi 11, così da ricavare più facilmente la crosta 12 che vi servirà nella ricetta.

Tritate il peperoncino fresco (per una piccantezza più tenue potete privarlo dei semini interni) 13; poi mettete a bollire l'acqua in una pentola capiente e salate a piacere, mentre in un tegame  versate l'olio extravergine di oliva, gli spicchi di aglio mondati e interi 15

e il peperoncino fresco tritato 16. Fate soffriggere a fuoco basso, poi togliete l'aglio 17 e unite le briciole di pane 18.

Salate 19 e lasciate insaporire e tostare le briciole per alcuni minuti. Quando saranno pronte, mettete da parte alcune briciole per la decorazione finale 20. Intanto lessate la pasta 21 per circa 6-8 minuti.

Scolate quindi i pici (tenete da parte l'acqua di cottura) direttamente nel tegame con le briciole 22 e mantecate alcuni istanti, aggiungendo se necessario circa 100 g di acqua di cottura 23. Infine impiattate i vostri pici alle briciole, aggiungendo ancora un pò di dadini di pane tenuti da parte su ciascun piatto da portata 24 e serviteli fumanti!

Conservazione

Potete conservare i pici alle briciole per 1 giorno a temperatura ambiente, conservandoli tra due canovacci infarinati con farina di grano duro.

Potete anche congelarli da crudi, una volta pronti potete stenderli su un vassoio cosparso di farina di grano duro e farli indurire in freezer, dopo di che potete trasferirli in dei sacchetti gelo facendo attenzione a non spezzarli.

 

Consiglio

Se preferite potete aggiungere una grattugiata di Pecorino toscano prima di servire i vostri pici alle briciole! Se il vostro pezzo di pane è raffermo da più di un giorno, potreste trovare difficoltà a tagliarlo, nessun problema: passate la crosta nel mixer per pochi istanti!

 

 

2 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • cucinadi
    venerdì 01 febbraio 2019
    Io sono originaria di Montepulciano la patria del picio, e non si usa la crosta bensi la mollica del pane schiocco del giorno prima che in cottura Nell olio diventa croccante. Non aggiungo mai acqua fi cottura ma altro olio se serve nn deve far la cremona ma rimanere asciutto come gli spaghetti all olio, a chi piace aggiungo pecorino stagionato o come variante ma della zona dove vivo ora (Massa) bottarga
  • angela
    domenica 19 giugno 2016
    ottima ricetta.ma i pici che ho congelato per cuocerli li devo scongelare o li butto in acqua cosi?
    Redazione Giallozafferano
    martedì 21 giugno 2016
    @angela:Ciao Angela, puoi cuocere i pici direttamente da congelati
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo