Pomodori ripieni

/5

PRESENTAZIONE

Pomodori ripieni

Le ricette di verdure ripiene sono favolose, perchè oltre al contenuto si mangia anche il contenitore. Peperoni, melanzane, zucchine, carciofi... e non potevano mancare all'appello i pomodori ripieni! Un piatto unico estivo, facile da preparare, saporito e aromatico. I pomodori ripieni vengono farciti con il riso e un cuore filante di scamorza affumicata che li rende ancora più appetitosi. Ci sono diversi modi per prepararli e siamo certi che anche voi avete un segreto per il perfetto pomodoro ripieno! Buoni sia caldi che freddi, succulenti, ideali da condividere anche con gli amici vegetariani, i pomodori ripieni sono una delle soluzioni migliori per i vostri pranzi e cene estivi! Una volta provata questa ricetta lasciatevi tentare anche dai pomodori ripieni di carne in cui si utilizzano i pomodori costoluti, per variare con gusto i vostri menù!

Leggi la ricetta in inglese

INGREDIENTI
Ingredienti per 12 pomodori ripieni
Pomodori ramati (da circa 200 g l'uno) 12
Riso vialone nano 250 g
Scamorza (provola) 100 g
Pecorino 40 g
Grana Padano DOP 40 g
Aglio 1 spicchio
Prezzemolo q.b.
Basilico q.b.
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Olio extravergine d'oliva 10 g
Preparazione

Come preparare i Pomodori ripieni

Per preparare i pomodori ripieni per prima cosa lavate i pomodori, tagliate la calotta e tenetela da parte 1. Con l’aiuto di un coltellino incidere il perimetro interno del pomodoro e scavarne la polpa con un cucchiaino, raccogliendola in una ciotola 2. Versate la polpa in un mixer 3.

Frullate la polpa per ottenere un succo 4. Adagiate su una gratella i pomodori, salateli 5 e poi rovesciateli in modo che perdano il loro liquido di vegetazione 6.

Ora occupatevi del sugo: in un tegame scaldate l’olio di oliva con l’aglio 7, poi, quando l’olio si sarà insaporito, eliminate l’aglio 8 e versate la polpa 9. Cuocete per 20 minuti a fuoco medio così da far restringere il liquido.

Intanto cuocete al dente il riso in acqua bollente 10. Quando la polpa sarà quasi giunta a cottura, aggiustate di sale e pepe 11. Tritate il prezzemolo e il basilico ben lavati e asciugati 12.

Spegnete il fuoco del tegame con la polpa oramai cotta e aromatizzate con il trito di erbe 13. Versate il sughetto ottenuto in una ciotola, aggiungete il riso 14 e insaporite con il Grana Padano e il Pecorino grattugiati 15.

Mescolate e tenete da parte il ripieno 16. Riducete a cubetti la scamorza 17 e farcite i pomodori iniziando con un paio di cucchiai di riso 18.

Aggiungete 2 o 3 cubetti di scamorza e riempite fino e un po' oltre il bordo con un altro cucchiaio di riso 19. I pomodori sono pronti per la cottura 20. Adagiate le calotte su un’altra teglia 21 e cuocetele insieme ai pomodori farciti, in forno statico preriscaldato a 180° per circa 50 minuti.

A cottura ultimata i pomodori ripieni risulteranno ben dorati in superficie 22, sfornateli insieme alle calotte 23 e serviteli ben caldi insieme guarnendo con foglioline di basilico 24!

Conservazione

Consigliamo di consumare subito i pomodori ripieni, se dovessero avanzare potete conservarli in frigo per un paio di giorni.

Consiglio

Date sfogo alla vostra creatività e variate la farcitura del riso con gli ingredienti più stuzzicanti: cubetti di pancetta, verdure saltate in padella oppure un aromatico pesto di basilico!

Con Curtiriso il risotto è sempre un successo.

Curtiriso, il grande classico italiano, è il tuo alleato in cucina dal 1875 ed è perfetto per ogni tua ricetta. Prova anche i nostri sfiziosi snack! Scopri di più!

COMMENTI150
  • 5SMAVV
    domenica 25 luglio 2021
    lì ho fatti una volta e li ho farciti col risotto al curry con molto parmigiano. Un successone!!!
  • silvia bussotti
    mercoledì 08 luglio 2020
    ciao, vorrei congelare i pomodori ripieni perché ne ho troppi, noi siamo in due e non riusciamo a consumarli! la domanda che mi faccio è, li congelo da crudo o da cotti?? grazie in anticipo !!👋🏻
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 08 luglio 2020
    @silvia bussotti: ciao! non possiamo garantirti un ottimo risultato, una volta scongelati. In ogni caso ti consigliamo di fare almeno una precottura!