Rame di Napoli

PRESENTAZIONE

Le rame di Napoli sono un'irresistibile prelibatezza della nostra tradizione culinaria, ma non lasciatevi trarre in inganno dal nome, questi bocconcini golosi non arrivano dalla Campania, come si potrebbe pensare, bensì dalla Sicilia. L’origine del loro nome pare si riferisca infatti all’unificazione del Regno delle due Sicilie, avvenuta nel lontano 1816. Per celebrare questo avvenimento, i sovrani borbonici fecero coniare una speciale moneta contenente una lega di rame e, per l’occasione, i siciliani crearono la versione dolciaria di questa moneta. Morbide, speziate e con una golosa ricopertura di cioccolato, le rame di Napoli rappresentano il dolce tipico della festa di Ognissanti e dei Morti, immancabili sui banconi delle pasticcerie siciliane durante queste festività. Inserite questa ricetta fra le vostre specialità di Halloween, con la loro glassa scura le rame di Napoli si trasformeranno in un goloso dolcetto a tema!

Leggi anche: Soffritto napoletano

Preparazione

Come preparare le Rame di Napoli

Per realizzare il rame di Napoli sciogliete la margarina a bagnomaria o nel microonde e tenetela da parte. Versate in una ciotola capiente lo zucchero, i chiodi di garofano 1 e la cannella in polvere 2. Aggiungete il lievito in polvere per dolci 3

Quindi unite il cacao amaro e  aromatizzate l’impasto grattugiando la scorza d’arancia 4 avendo cura di evitare la parte bianca della scorza che risulterebbe amara. Versate il miele 5 e la margarina sciolta 6.

Mescolate con una spatola il composto per amalgamarlo 7, a parte setacciate la farina 8 e un cucchiaio alla volta, incorporatela all’impasto 9.

Versate anche il latte, alternandolo alla farina 10 mescolate per ottenere un composto ben amalgamato 11. Ora componete i dolcetti: rivestite con carta da forno una leccarda, quindi prendete un cucchiaio di impasto e formate una pallina facendo scivolare l’impasto sulla teglia aiutandovi con un altro cucchiaio 12 abbiate cura di distanziare i dolcetti l’uno dall’altro perché in cottura cresceranno.

Una volta terminati i dolcetti 13, cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per 15 minuti. A cottura ultimata sfornate i biscotti, e lasciateli raffreddare 14. Preparate intanto la ricopertura: tritate il cioccolato fondente con un coltello 15

Ponetelo in un pentolino per la cottura a bagnomaria 16, aggiungete la margarina 17 e scaldate a fuoco moderato finché il composto non si sarà sciolto completamente 18.

Prendete i biscotti che si saranno raffreddati, spennellate la superficie con la marmellata di arancia 19, intingeteli nel cioccolato 20 e adagiateli su una gratella 21

Ricopriteli con la granella di pistacchi 22, lasciate asciugare la glassa per circa 2 ore 23 quindi gustate le vostre rame di Napoli 24.

Conservazione

Le rame di Napoli si possono conservare per 2-3 giorni coperti sotto una campana di vetro. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

In alternativa alla margarina potete usare il burro nelle stesse dosi. Per realizzare la ricopertura potete sciogliere il cioccolato da solo senza aggiungere altra margarina.

17 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Chiara
    martedì 31 ottobre 2017
    Ciao , Posso sostituire il latte intero con quello scremato ?
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 01 novembre 2017
    @Chiara: ciao Chiara! Nessuno problema smiley 
  • Manuela
    lunedì 30 ottobre 2017
    Ma come faccio a pesare 1gr di chiodi di garofano? A quanto consiste all'incirca in cucchiaini? Grazie
    Redazione Giallozafferano
    martedì 31 ottobre 2017
    @Manuela : Ciao Manuela, 1 g di chiodi di garofano macinati corrisponde a un cucchiaino circa come si vede nella prima foto.
5 FATTE DA VOI
Caposole71
Buonissime.
AriChan
Rame con crema di pistacchio all'interno.
elisa marletta
Rame di Napoli
Anna3065
👍🏻😋
danikiru
rame con ripieno alla Nutella e marmellata di arance 😋
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo