Risotto cacio e pepe

/5

PRESENTAZIONE

Ormai ci conoscete e sapete che amiamo prender spunto dalle ricette più classiche per crearne sempre di nuove, appetitose allo stesso modo ma che ancora non fanno parte dei libri di cucina. Oggi siamo volati nel Lazio, per trarre il meglio da una delle ricette romane più apprezzate al mondo... questa volta non stiamo parlando della carbonara, ma della mitica cacio e pepe! Al posto dei classici spaghetti abbiamo utilizzato un ottimo riso carnaroli. Cotto in un brodo, che ricorda il profumo di una minestrina al formaggio, il riso manterrà la stessa cremosità e lo stesso gusto ricco e deciso del piatto originale! Otterrete un piatto semplice, perfetto da preparare ogni giorno!

INGREDIENTI

Ingredienti per il brodo
Acqua 1,5 l
Sale grosso q.b.
Pepe nero q.b.
Scalogno 1
Pecorino romano solo la crosta q.b.
per il riso
Riso Carnaroli 320 g
Pepe nero in grani 1 cucchiaio
Pecorino romano 100 g
Burro 45 g
Preparazione

Come preparare il Risotto cacio e pepe

Per preparare il risotto cacio e pepe come prima cosa realizzate il brodo: eliminate la crosta dal pecorino 1 e tenetela da parte. Sbucciate lo scalogno 2, dividetelo a metà 3 

e tostatelo sul fondo di un tegame dovente 4. Aggiungete poi l'acqua, il pepe 5, il sale grosso 6

e la crosta di Pecorino 7. Lasciate sobbollire per 30-40 minuti 8, poi utilizzando una schiumarola a maglie strette estraete scalogno, pepe e la crosta di pecorino 9

Nel frattempo sistemate i grani di pepe su un tagliere e pestate i grani con un batticarne in modo da macinarlo grossolanamente (10-11). Poi grattugiate anche il pecorino e tenete da parte 12

Versate il riso in un tegame caldo 13 e tostatelo a secco, senza aggiungere olio o altri grassi 13, fino a che toccandolo non lo sentirete scottare. A questo punto iniziate a bagnarlo con il brodo caldo 14 e proseguite la cottura in questo modo, aggiungendo altro brodo al bisogno. Una volta che il riso sarà cotto 15 spegnete il fuoco. 

Mantecate con il burro 16, il Pecorino 17 e quasi tutto il pepe 18, tenendone da parte un po' per la decorazione finale. 

Mantecate il risotto mescolando il tutto 19 e se necessario unite ancora un mestolino di brodo. Decorate con il pepe tenuto da parte 20 e qualche scaglietta di pecorino prima di servire 21

Conservazione

Si consiglia di consumare il risotto al momento. 

Consiglio

Provate ad aggiungere delle fave durante la cottura del risotto e un pò di scorza di limone solo all'ultimo! 

Curiosità

Tra i più grandi interpreti di questa ricetta, ormai diventata un "classico", c'è lo chef tristellato Massimo Bottura, dell'Osteria Francescana di Modena, che l'ha preparato nel 2012. Questo risotto iconico viene cotto con acqua di Parmigiano e poimantecato con il grasso del Parmigiano stesso. Il tocco finale è dato da un'aromatizzazione di sei tipi di pepe diversi. Una vera delizia dall'estro di uno degli chef italiani più importanti nel mondo

RICETTE CORRELATE
COMMENTI13
  • AleGioMi
    martedì 26 maggio 2020
    si può sostituire il burro?
    Redazione Giallozafferano
    martedì 26 maggio 2020
    @AleGioMi:Ciao, puoi mantecare con della robiola.
  • bluette1956
    sabato 25 aprile 2020
    non ho capito che fine fa la crosta e tutto ciò che era stato messo a sobbolire
    Redazione Giallozafferano
    sabato 25 aprile 2020
    @bluette1956: Ciao, quelle cose non si usano. Si usa solo il brodo.