Seadas (sebadas)

/5
Seadas (sebadas)
2
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 25 min
  • Cottura: 30 min
  • Dosi per: 12 pezzi
  • Costo: medio
  • Nota: più il tempo di riposo dell'impasto

Presentazione

Formaggio e miele, un abbinamento raffinato e irresistibile che svela il segreto del successo di un’antica ricetta sarda: le seadas, i famosi dolcetti fritti realizzati con una sfoglia che racchiude un morbido e saporito cuore di formaggio. Un ripieno che fa onore ai tipici sapori dell'isola, con il suo pecorino fresco dal gusto acidulo che si sposa perfettamente con la scorza di limone, dando così quel tocco fresco che contraddistingue questo dolce. Questa ricetta attraversa tutta la Sardegna, prendendo di volta in volta denominazioni differenti: sevada, sabada, casgiulata, seada, sebada, seatta. Una varietà di nomi che si ritiene derivino dalla parola seu che in sardo indica il grasso animale, che viene usato ancora oggi nell’impasto di questi bocconcini sfiziosi. Come da tradizione, le seadas si gustano ben calde guarnite con il miele locale, quello di castagno, una tipologia di miele dal colore scuro e dal gusto deciso, un po’ amarognolo. Tra il dolce e il salato le seadas racchiudono un'esperienza di aromi, profumi e sapori unici.

Ingredienti per 12 seadas

Strutto 70 g
Farina di grano duro 500 g
Uova medio 1
Acqua tiepida 250 g

per il ripieno

Pecorino fresco 500 g
Acqua 70 g
Scorza di limone 1

per guarnire

Miele di castagno q.b.
Preparazione

Come preparare le Seadas (sebadas)

Seadas (sebadas)

Per realizzare le seadas iniziate dall’impasto: in una ciotola versate la farina setacciata, poi unite l’uovo intero (1), versate a filo l’acqua tiepida (2) e iniziate a impastare con le mani (in alternativa potete usare una planetaria). Aggiungete poco alla volta anche lo strutto continuando (3) ad impastare per amalgamarlo.

Seadas (sebadas)

Quando l’impasto risulterà abbastanza compatto, trasferitelo su una spianatoia leggermente infarinata (4) e continuate ad impastare fino ad ottenere un panetto liscio ed elastico (5). Avvolgete il panetto con la pellicola per alimenti (6) e fate riposare l’impasto per 30 minuti.

Seadas (sebadas)

Intanto occupatevi del ripieno al formaggio: grattugiate la scorza di un limone non trattato (7) e tenetela da parte. Grattugiate il pecorino con una grattugia dai fori larghi (8), tipo julienne e trasferitelo in un piccolo tegame aggiungete l’acqua (9) e scioglietelo a fuoco moderato mescolando di continuo, ci vorranno circa 8-10 minuti

Seadas (sebadas)

Quando il formaggio sarà sciolto aromatizzate con la scorza di limone (10) e rovesciatelo su un tagliere, stendetelo con una spatola (11) e lasciatelo rassodare, poi con un coppapasta rotondo del diametro di circa 9 cm (12)

Seadas (sebadas)

ricavate 12 dischi (13). Riprendete il panetto di impasto (14) e stendete la pasta a mano oppure con l’aiuto della macchina, tirate la pasta (15)

Seadas (sebadas)

fino ad ottenere una sfoglia spessa 3 mm (16). Adagiate sulla sfoglia i dischi di formaggio ben distanziati tra di loro (17) e ricoprite con un’altra sfoglia di pasta (18).

Seadas (sebadas)

Fate aderire la pasta intorno al ripieno premendo con le dita (19) per eliminare eventuali bolle d’aria, come si fa per i ravioli. Con un coppapasta dai bordi ondulati del diametro di 10,5 cm ritagliate le singole seadas (20) ed eliminate la pasta di scarto (21).

Seadas (sebadas)

Ora potete procedere con la cottura: in un tegame riscaldate l’olio di semi e quando avrà raggiunto 170° immergete le seadas una alla volta (22), cuocete per un paio di minuti, poi scolatele con una schiumarola e adagiatele su un vassoio rivestito con carta assorbente (23) in modo da asciugare l’olio in eccesso. In alternativa potete cuocere le seadas in forno statico preriscaldato a 180° per 15 minuti, ma il risultato sarà meno fragrante rispetto alla tradizionale frittura. Trasferite le seadas su un piatto di portata, guarnitele con il miele quando sono ancora calde e servite subito (24)!

Conservazione

Potete congelare le seadas prima di cuocerle. Una volta cotte è preferibile consumarle subito.

Consiglio

Non gradite il sapore deciso e intenso del miele di castagno? Insaporite le vostre seadas con del miele millefiori dal gusto più delicato.

Leggi tutti i commenti ( 2 ) Le vostre versioni ( 2 )

I commenti (2)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • tony mia ha scritto: domenica 23 settembre 2018

    Buongiorno, una piccola precisazione. la vera seada non ha all'interno il pecorino ma la provola. parlo da sarda! 😉

  • ariannareali ha scritto: mercoledì 22 agosto 2018

    è possibile sostituire lo strutto?

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: giovedì 23 agosto 2018

    @ariannareali: ciao! Puoi provare ad utilizzare la stessa dose di burro! 

Leggi tutti i commenti ( 2 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

  • Vale Leo
    Che deliziaaaaa 😋😋😋
  • insolitacucina
    Un cuore di formaggio morbido dentro uno scrigno di pasta croccante con miele di castagno 💛

Ultime ricette

Dolci

Il ciambellone della nonna è un dolce rustico e goloso, una morbida ciambella profumata perfetta per fare la colazione con i dolci di una volta!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 60 min

Antipasti

Gingerbread salati e spritz delle feste , una ricetta perfetta da condividere con amici e parenti nel periodo delle feste di Natale!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 15 min
  • Cottura: 45 min

Antipasti

Gli yakitori roll sono involtini di carta di riso farciti con cubetti di pollo grigliato, cipolle, peperoni e una gustosa salsa di accompagnamento!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 10 min

Dolci tipici sardi
Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Antipasti veloci
Pasta
Biscotti
Pizze e focacce
Pasticceria
Dolci veloci
Torte