Spaghetti Cacio e Pepe

/5

PRESENTAZIONE

Spaghetti Cacio e Pepe

"Si la vita è un mozzico, qui mozzichi bene". Questa è una delle frasi tipiche che introducono i menù nelle trattorie o fraschette romane. Ma la Carbonara e l'Amatriciana, come gli spaghetti cacio e pepe, sono diventati oramai piatti simbolo dell'italianità, realizzati con ingredienti DOP legati alle tradizioni dei territori in cui sono nate. Un'eccellenza che dalle "tovaglie a quadretti" arriva nelle cucine dei grandi Chef, come nel caso degli spaghetti cacio, pepe e ricci di mare. Anche noi vogliamo rendere omaggio ad uno dei simboli del mangiar bene e genuino, mostrandovi come eseguire una perfetta cacio e pepe! La combinazione chimica di acqua e proteine del Pecorino, fondamentale per ottenere una crema senza grumi, i grani di pepe interi schiacciati al momento e tostati in padella per sprigionare tutto il loro profumo pungente, la pasta mantecata lentamente per assorbire tutto il sapore del Pecorino romano… e soprattutto, preparare e gustare: un'altra regola per assaporare al meglio gli spaghetti cacio e pepe! 

Scoprite quanti primi piatti si possono realizzare ispirandosi a questo grande classico:

 

Leggi la ricetta in inglese

INGREDIENTI
Spaghetti 320 g
Pecorino romano stagionatura media, da grattugiare 200 g
Pepe nero in grani 5 g
Preparazione

Come preparare gli Spaghetti Cacio e Pepe

Per preparare gli spaghetti cacio e pepe per prima cosa mettete sul fuoco una pentola con l’acqua per cuocere la pasta: riempitela con circa metà dell’acqua che usate di solito, in questo modo sarà più ricca di amido. Nel frattempo grattugiate il Pecorino romano 1 e trasferitelo quasi tutto in una ciotola, tenendone un po’ da parte per l’impiattamento. Quando l’acqua sarà arrivata a bollore, salate moderatamente e tuffate gli spaghetti 2. Intanto pestate i grani di pepe con un batticarne (oppure usate un macinino lasciandolo piuttosto lento in modo da avere anche pezzetti più grandi di pepe) 3.

Versate il pepe in un’ampia padella antiaderente 4 e tostatelo a fuoco dolce, mescolando con un mestolo di legno. Sfumate con un paio di mestoli dell’acqua di cottura della pasta 5. Continuate a mescolare a fuoco dolce 6.

Scolate gli spaghetti 2-3 minuti prima rispetto al tempo indicato sulla confezione e trasferiteli nella padella, avendo cura di conservare l’acqua di cottura 7. Terminate la cottura degli spaghetti in padella, risottandoli, aggiungendo quindi acqua calda al bisogno 8 e rimestando continuamente con le pinze 9. Aspettate che il fondo della padella sia quasi asciutto prima di aggiungere altra acqua.

Potete preparare la crema di Pecorino (non iniziate prima perché tenderebbe a rapprendersi o a risultare troppo fredda rispetto alla temperatura della pasta): versate un mestolo di acqua di cottura calda nella ciotola con il Pecorino grattugiato 10, poi mescolate energicamente con una frusta a mano 11. La consistenza che dovrete ottenere è più pastosa che cremosa, non preoccupatevi se sarà molto asciutta. Qualora una volta pronta la crema la pasta non dovesse essere pronta per la mantecatura, ponete brevemente la ciotola sulla pentola con l’acqua calda continuando a mescolare con la frusta, così da avere la crema a una temperatura simile a quella della pasta 12.

Quando gli spaghetti saranno giunti a cottura, spegnete il fuoco e unite la crema di Pecorino 13, rimestando di continuo con le pinze 14 Per la cremosità ideale regolatevi aggiungendo più Pecorino oppure poca acqua di cottura al bisogno. Servite i vostri spaghetti cacio e pepe spolverizzando con il restante Pecorino grattugiato e altro pepe macinato al momento a piacere 15!

Conservazione

Si consiglia di consumare immediatamente gli spaghetti cacio e pepe.

Si sconsiglia qualsiasi forma di conservazione.

Consiglio

E’ importante che l’acqua di cottura della pasta sia ricca di amido perché vi aiuterà ad ottenere un condimento cremoso e senza grumi.

Se preferite testare la vostra abilità nel realizzare la cacio e pepe, il consiglio è realizzare metà dose in modo che sia più semplice gestire gli ingredienti della crema al formaggio.

Gli amanti della pasta corta possono utilizzare mezze maniche o rigatoni al posto degli spaghetti! Esiste anche una gustosa versione con i pici, tipica della Toscana.

Una chicca? Se desiderate "sgrassare" leggermente il piatto potete grattugiare nella crema al Pecorino un po' di scorza di limone: i puristi non ve ne vorranno.

COMMENTI270
  • Franceskaaa
    martedì 10 novembre 2020
    qual’è il trucco per far sì che la cremina venga senza grumi? grazie
    Redazione Giallozafferano
    martedì 10 novembre 2020
    @Franceskaaa: Ciao, grattugia il formaggio molto fine, aggiungi l'acqua al bisogno poco alla volta mentre mescoli per verificare man a mano la consistenza, anche se non sarà perfettamente liscia va bene ugualmente. Quando la versi in padella con la pasta, mescola con una pinza da cucina possibilmente o con un forchettone di legno, molto velocemente, in senso orario, con movimenti piuttosto rapidi.
  • martaasal
    martedì 26 novembre 2019
    salve, per creare la crema con il pecorino, bisogna mettere oltre all’acqua di cottura, anche la pasta? questo passaggio non mi è molto chiaro... grazie mille!
    Redazione Giallozafferano
    martedì 26 novembre 2019
    @martaasal: Ciao, il pecorino va mescolato solo con l'acqua di cottura mentre la crema risultante andrà aggiunta direttamente alla pasta!
  • Steveworld7
    mercoledì 06 novembre 2019
    Ciao! Siccome non vivo in Italia, è possibile sostituire il Pecorino con il Parmigiano? Oppure che altri tipi di formaggio consigliate? Grazie!
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 07 novembre 2019
    @Steveworld7: Ciao, puoi utilizzare il Parmigiano anche se il risultato non sarà lo stesso smiley
  • Jessicacsv.
    mercoledì 16 ottobre 2019
    si può usare il pepe macinato ?
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 17 ottobre 2019
    @Jessicacsv.:Ciao, il pepe è uno degli ingredienti principali di questa ricetta, assicurati che sia di buona qualità per ottenere una buona resa in termini di gusto smiley
Chiudi
Prezzo bloccato per 24 mesi - Disdici quando vuoi
Aggiornamento Termini e Condizioni

Gentile Utente,
le nostre Condizioni e Termini d'Uso del sito sono state modificate. Le nuove Condizioni e Termini d'Uso sono entrate in vigore dal 6 Giugno 2022. Ti preghiamo di prenderne visione a questo link ed accettarle per potere proseguire con l'utilizzo del sito e ad usufruire dei servizi offerti.