/5

Spaghetti all'Amatriciana

PRESENTAZIONE

Spaghetti all'Amatriciana

I piatti regionali sono spesso motivo di disputa tra gli italiani, che si tratti di Chef professionisti o cuochi amatoriali, e gli spaghetti all’Amatriciana non fanno eccezione! Bucatini o spaghetti, pancetta o guanciale, aglio o cipolla… questi i principali interrogativi che chiunque si appresti a cucinare per la prima volta questa ricetta si trova a dover affrontare. Si dice che questo famoso piatto nato ad Amatrice fosse il pasto principale dei pastori, ma originariamente era senza pomodoro e prendeva il nome di “gricia”; questo ingrediente fu aggiunto in seguito quando i pomodori vennero importati dalle Americhe e il condimento prese il nome di Amatriciana. E’ quindi normale che una ricetta così antica e popolare si sia trasformata nel tempo assumendo le numerose varianti di cui ancora si discute al giorno d’oggi. Quella che vi proponiamo qui è la nostra versione, preparata con ingredienti locali e di qualità. Perché pensiamo che in realtà la ricetta degli spaghetti all’Amatriciana non divida l’Italia, bensì la unisca nel nome della bontà di una pietanza dall’animo semplice e dal carattere deciso… proprio come chi l’ha creata!

Preparazione

Come preparare gli Spaghetti all'Amatriciana

Per preparare gli spaghetti all’amatriciana, per prima cosa mettete a bollire l'acqua per la cottura della pasta da salare poi a bollore. Potete quindi dedicarvi al condimento: prendete il guanciale, eliminate la cotenna 1 e tagliatelo a fette di circa 1 cm di spessore 2; riducete le fette a listarelle di circa mezzo cm 3.

A questo punto scaldate un filo di olio in una padella, possibilmente d’acciaio, e aggiungete il peperoncino intero 4 e il guanciale tagliato a listarelle 5; fatelo rosolare a fiamma bassa per 7-8 minuti fino a che il grasso non sarà diventato trasparente e la carne croccante; mescolate spesso facendo attenzione a non bruciarlo. Quando il grasso si sarà sciolto, sfumate con il vino bianco 6, alzate la fiamma e lasciate evaporare.

Trasferite le listarelle di guanciale in un piatto 7 e tenetele da parte, versate nella stessa padella i pomodori pelati: sfilacciateli con le mani direttamente all’interno del fondo di cottura 8, proseguite la cottura del sugo per circa 10 minuti. A questo punto l’acqua nel tegame sarà arrivata a bollore, quindi versate gli spaghetti 9 e cuoceteli al dente.

Nel frattempo regolate di sale 10, eliminate il peperoncino dal sugo 11, unite le listarelle di guanciale in padella 12 e mescolate per amalgamare.

Una volta cotti gli spaghetti, scolateli e uniteli direttamente nella padella con il sugo 13. Saltate molto velocemente la pasta per amalgamarla bene al condimento, se gradite la pasta al dente potete spegnere il fuoco altrimenti versate poca acqua della pasta per proseguire la cottura. Per finire spolverizzate con il Pecorino grattugiato 14: i vostri spaghetti all’Amatriciana sono pronti per essere serviti 15!

Conservazione

Gli spaghetti all’Amatriciana si possono conservare in un contenitore ermetico in frigorifero per un giorno al massimo. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Se il dibattito sulla vera ricetta degli spaghetti all’Amatriciana vi appassiona, dopo aver assaggiato la nostra versione provate le altre varianti utilizzando l’aglio o la cipolla oppure sfumando con l'acqua invece che con il vino… poi scegliete la vostra preferita!
Per questa versione abbiamo utilizzato gli Spaghetti n.3 ma andranno benissimo anche i n.5 e gli Spaghettoni: provate!

Curiosità

Dopo il terribile terremoto che ha distrutto il paese di Amatrice (così come Frazioni e altri Comuni limitrofi) nell’agosto 2016, sono state tantissime le manifestazioni di solidarietà in tutto il mondo: molti ristoranti hanno deciso di contribuire alla raccolta fondi per la ricostruzione devolvendo una certa somma per ogni piatto di Amatriciana ordinato, facendo di questa ricetta un simbolo non solo di un paese ma di un’intera popolazione in difficoltà.

Per questa ricetta, ti consigliamo di provare gli Spaghetti n° 3 Rummo.

Pasta Rummo, eccezionale tenuta alla cottura.
Grazie alla qualità delle semole utilizzate, alla cura dei maestri pastai e al Metodo Lenta Lavorazione®, la pasta Rummo è l’unica certificata per la tenuta alla cottura. Gli oltre 170 anni di esperienza e la trafilatura al bronzo rendono Pasta Rummo eccezionale. Scopri di più

338 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • anto.verderosa
    sabato 23 novembre 2019
    buono
  • Fabo48
    venerdì 15 novembre 2019
    50 grammi di vino bianco corrispondono in volume a 50 ml o cc
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 15 novembre 2019
    @Fabo48: Ciao, si puoi considerare 50 ml!
66 FATTE DA VOI
Professore74
Bucatini all'amatriciana con guanciale alla piastra e pecorino toscano.
lagabry1985
spaghetti all'amatriciana
poetessa900
🤩
Mariolinochef
La prima Amatriciana
DarioC86
Amatriciana
mariacarolina.izzo
amatriciana con pasta corta rigata