Spaghetti alla Carbonara

/5

PRESENTAZIONE

Spaghetti alla Carbonara

Dove sono nati gli spaghetti alla Carbonara? Il Vicolo della Scrofa, per chi conosce Roma, è una delle stradine più caratteristiche e ricche di simboli. Proprio in una trattoria di questa strada, da cui il nome del vicolo, pare sia stata realizzata la prima carbonara, nel 1944. La storia più attendibile su questo primo piatto, infatti, racconta l'incontro tra gli ingredienti a disposizione dei soldati americani e la fantasia di un cuoco romano. Il risultato fu il prototipo degli spaghetti alla carbonara: uova, bacon (poi guanciale) e formaggio. Man a mano la ricetta è evoluta fino a quella che tutti conosciamo oggi e possiamo apprezzare a casa di amici romani veraci (e voraci!), nelle trattorie come nei ristoranti stellati della Capitale, in tutta Italia e all'estero, nelle innumerevoli versioni: con o senza pepe, con un tuorlo per persona o l'aggiunta di almeno un uovo intero, con guanciale o pancetta tesa.
Il condimento per la carbonara si prepara in una manciata di minuti. Pensate che occorrono soltanto guanciale speziato tagliato a striscioline, una crema dorata a base di tuorli (nella nostra versione) e tanto Pecorino romano grattugiato al momento.
Nella sua semplicità e nella ricchezza delle materie prime, la ricetta degli spaghetti alla carbonara è parente stretta di altri due capisaldi della cucina genuina italiana: l'amatriciana e la gricia! Strizza l'occhio anche alla pasta alla zozzona, un piatto robusto che unisce il meglio delle preparazioni di base della cucina laziale. Fate un tuffo nella Roma popolare insieme a noi e scoprite come realizzare dei cremosissimi spaghetti alla carbonara, fateci sapere se la nostra versione vi piace e, se vi incuriosisce l'idea di gustare altre varianti, provate anche:

Leggi la ricetta in inglese

INGREDIENTI
Spaghetti 320 g
Guanciale 150 g
Tuorli (di uova medie) 6
Pecorino romano 50 g
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare gli Spaghetti alla Carbonara

Per preparare gli spaghetti alla carbonara cominciate mettendo sul fuoco una pentola con l’acqua salata per cuocere la pasta. Nel frattempo eliminate la cotenna dal guanciale e tagliatelo prima a fette 1 e poi a striscioline spesse circa 1cm 2 3. La cotenna avanzata potrà essere riutilizzata per insaporire altre preparazioni. 

Versate i pezzetti di guanciale in una padella antiaderente 4 e rosolate per circa 10 minuti a fiamma medio alta, fate attenzione a non bruciarlo altrimenti rilascerà un aroma troppo forte. Nel frattempo tuffate gli spaghetti nell’acqua bollente 5 e cuoceteli al dente. Intanto versate i tuorli in una ciotola 6.

Aggiungete il Pecorino 7 e insaporite con il pepe nero 8. Amalgamate il tutto con una frusta a mano 9, sino ad ottenere una crema liscia. 

Intanto il guanciale sarà giunto a cottura 10; spegnete il fuoco e utilizzando un mestolo prelevatelo dalla padella, lasciando il fondo di cottura all'interno della padella stessa 11. Trasferite il guanciale in una ciotolina e tenetelo da parte. Versate una mestolata d’acqua della pasta in padella 12, insieme al grasso del guanciale.

Scolate la pasta al dente direttamente nel tegame con il fondo di cottura 13. Saltatela brevemente per insaporirla 14. Togliete dal fuoco e versate il composto di uova e Pecorino nel tegame. Mescolate velocemente per amalgamare 15.

Per renderla ben cremosa, al bisogno, potete aggiungere poca acqua di cottura della pasta. Aggiungete il guanciale 16, mescolate un'ultima volta 17 e servite subito gli spaghetti alla carbonara aggiungendo ancora del pecorino in superficie e un pizzico di pepe nero 18.

Conservazione

Consigliamo di consumare al momento gli spaghetti alla carbonara.

Consiglio

Il guanciale non dovrà essere rosolato troppo, altrimenti potrebbe rilasciare un gusto amarognolo. Inoltre è bene aggiungere il guanciale solo all'ultimo per mantenere la sua croccantezza.

Per evitare l'effetto frittata è importante aggiungere il composto di tuorli solo a fuoco spento. La mantecatura è un passaggio importante, bisogna mescolare sino a che la cremina non si è addensata. E potete regolare la consistenza aggiungendo acqua di cottura della pasta.

Potete utilizzare metà dose di Pecorino e metà dose di Parmigiano per una versione più delicata.

Per questa ricetta, ti consigliamo di provare gli Spaghetti n° 3 Rummo.

Pasta Rummo, eccezionale tenuta alla cottura.
Grazie alla qualità delle semole utilizzate, alla cura dei maestri pastai e al Metodo Lenta Lavorazione®, la pasta Rummo è la prima certificata per la tenuta alla cottura. Gli oltre 175 anni di esperienza e la trafilatura al bronzo rendono Pasta Rummo eccezionale. Scopri di più

COMMENTI998
  • LaMary81
    venerdì 15 gennaio 2021
    ciao, perché non si aggiunge l’olio al guanciale?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 15 gennaio 2021
    @LaMary81:Ciao, il guanciale ha già una componente grassa che garantisce una perfetta rosolatura. Non sono necessari quindi condimenti aggiuntivi!
  • JuliaKaufmann01
    martedì 29 ottobre 2019
    Buongiorno! Sono austriaca e ho mangiato questa pasta tante volte a Roma. Ecco la mia domanda: quando verso le uova sulla pasta, le uova diventano subito "fritte" e NON sono mai cremose come a Roma... Come faccio la pasta cremosa come a Roma?? Grazie.
    Redazione Giallozafferano
    martedì 29 ottobre 2019
    @JuliaKaufmann01:Ciao ti raccomandiamo di aggiungere le uova fuori dal fuoco per evitare di stracciarle.
  • cecy1210
    sabato 22 giugno 2019
    come posso pastorizzare le uova per fare la carbonara?
    Redazione Giallozafferano
    sabato 22 giugno 2019
    @cecy1210:Ciao, puoi trovare il procedimento per le preparazioni salate nel consiglio che trovi in fondo alla nostra scheda "come pastorizzare le uova".
  • Davide
    martedì 31 ottobre 2017
    Se utilizzo la pancetta a cubetti al posto del guanciale può andare bene lo stesso?
    Redazione Giallozafferano
    martedì 31 ottobre 2017
    @Davide: Ciao, se preferisci va bene ma non sarà come la ricetta tradizionale smiley
Chiudi
Prezzo bloccato per 24 mesi - Disdici quando vuoi
Aggiornamento Termini e Condizioni

Gentile Utente,
le nostre Condizioni e Termini d'Uso del sito sono state modificate. Le nuove Condizioni e Termini d'Uso sono entrate in vigore dal 6 Giugno 2022. Ti preghiamo di prenderne visione a questo link ed accettarle per potere proseguire con l'utilizzo del sito e ad usufruire dei servizi offerti.