Spaghetti alla chitarra con ragù di polpo

PRESENTAZIONE

Gli spaghetti alla chitarra con ragù di polpo sono un piatto profumato perfetto per chi ama questo mollusco e le sue tradizionali preparazioni: in umido o con le patate!
Questo originale ragù si ottiene tritando finemente il polpo, che viene poi cotto lentamente in padella assieme alla passata di pomodoro e sfumato con del vino bianco. Potrete anche velocizzare i tempi di cottura bollendo prima il polpo.
Al termine della preparazione otterrete un ragù di mare vellutato e avvolgente, ideale per condire una pasta lunga. Noi infatti vi proponiamo come abbinamento gli spaghetti alla chitarra, che hanno una consistenza porosa per trattenere il sugo,  ma potrete scegliere anche altri formati di pasta a vostro piacimento.
Con gli spaghetti alla chitarra con ragù di polpo porterete in tavola il gusto e il sapore del mare! Per gli amanti del binomio terra e mare invece, scoprite il rustico incontro tra polpo e porcini!

Leggi anche: Pasta con polpo e pomodoro

INGREDIENTI
586
CALORIE PER PORZIONE
Spaghetti alla Chitarra all'uovo 400 g
Polpo 800 g
Passata di pomodoro 150 g
Sedano 2 coste
Carote medie 2
Aglio 2 spicchi
Vino bianco secco 80 ml
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Prezzemolo q.b.
Olio extravergine d'oliva q.b.
Preparazione

Come preparare gli Spaghetti alla chitarra con ragù di polpo

Per preparare gli spaghetti al ragù di polpo, iniziate dal soffritto (potete anche consultare la Scuola di cucina: come fare il soffritto): mondate le carote, spuntatele e tritatele finemente con il coltello 1. Con un pelaverdure eliminate lo strato più esterno del sedano e tritate finemente anche quest'ultimo 2. Irrorate con l'olio una padella capiente, mettete i due spicchi d'aglio e versate il trito di carote3

e sedano 4; fate cuocere per 20 minuti circa a fuoco bassissimo, girando di tanto in tanto. Se preferite, potete usare un coperchio per favorire la cottura. Nel frattempo dedicatevi alla pulizia del polpo; per questo procedimento nel dettaglio, potete consultare la Scuola di cucina: come pulire il polpo. Lavate il polpo sotto acqua corrente per eliminare il più possibile la patina viscida che lo ricopre (5-6).

Con un coltello incidete poco sotto gli occhi per eliminarli, quindi tagliate la testa del polpo 7, dividetela a metà e ricavatene delle striscioline (8-9).

Quindi rimuovete il dente centrale scavando al centro dei tentacoli con un coltellino. Poi dividete il corpo del polpo a metà 10 per facilitare il taglio dei tentacoli.niziate a ridurre le punte a pezzi piccolissimi 11. Quindi dividete i tentacoli 12,

poi riducete anche questi a pezzetti 13. Ora che avete tritato finemente tutte le parti del polpo, potete aggiungerle nella padella dove avete in precedenza avviato il soffritto di carote e sedano 14. Aggiustate di sale 15 e pepe a vostro gusto.

Mescolate gli ingredienti in padella e fateli rosolare per alcuni minuti. Quindi sfumate con il vino bianco 16 e lasciatelo evaporare. Dopodichè versate la polpa di pomodoro 17 e il prezzemolo tritato. Lasciate cuocere il tutto per almeno 3 ore, fino a quando il polpo si sarà ammorbidito 18. Durante la cottura potete aggiungere dell'acqua o fumetto di pesce (per la ricetta del fumetto di pesce). Se volete velocizzare la cottura, potete cuocere il polpo nella pentola a pressione oppure farlo bollire regolandovi con il peso: per ogni 500 gr di polpo servono 30 minuti di cottura. Bollendolo in precedenza, per la cottura in padella basteranno 20-30 minuti.

Quando mancheranno pochi minuti perchè il ragù di polpo sia pronto, preparate la pasta: fate bollire l'acqua in una pentola capiente e versate gli spaghetti alla chitarra 19. Fateli cuocere al dente e poi quando saranno pronti, scolateli e versateli direttamente in padella per amalgamarli al ragu di polpo 20. Fate saltare per pochi istanti mescolando e aggiungete ancora prezzemolo tritato se lo gradite. I vostri spaghetti alla chitarra con ragù di polpo saranno pronti per essere serviti ben caldi 21!

Conservazione

Gli spaghetti alla chitarra con ragù di polpo vanno mangiati appena fatti. Si possono conservare in frigo al massimo per 24 ore, mentre si sconsiglia la congelazione. Il ragù di polpo si può conservare in frigorifero coperto con pellicola trasparente per 1-2 giorni al massimo. Si può congelare solo se si è utilizzato il polpo fresco non decongelato, in un contenitore chiuso ermeticamente.

Consiglio

Sul formato di pasta, massima libertà: la calamarata e i tortiglioni, per esempio, cattureranno il sugo al loro interno, diventando delle vere bombe di sapore! Se sentite la mancanza di un po’ di profumo, aggiungete del basilico fresco: non ve ne pentirete.

40 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Luigi
    sabato 14 ottobre 2017
    Vedo che è stata tralasciata la cipolla. Vl è un motivo particolare? Personalmente preferisco usare poca carota per non avere un gusto troppo dolciastro.
    Redazione Giallozafferano
    sabato 14 ottobre 2017
    @Luigi:Ciao Luigi, per questa ricetta abbiamo preferito insaporire con l'aglio che si abbina bene con il pesce smiley
  • alice
    mercoledì 12 aprile 2017
    ciao, se preparo il ragù a casa e poi lo riscaldo da un' amica dopo circa un' oretta c'è il rischio che il polpo diventi gommoso?
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 13 aprile 2017
    @alice: ciao Alice non dovrebbe essere un problema! 
2 FATTE DA VOI
Concetta Sarnataro
Buonissimo con i rigatoni
livimara
buonissimoooo
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo