Spanakopita

PRESENTAZIONE

Se diciamo Grecia che cosa vi viene in mente? Mare, sole, spiagge… e ottimo cibo! La cucina greca infatti è una delle più amate dagli italiani perché condivide con noi ingredienti mediterranei, ricette semplici e sapori strepitosi. Moussaka, souvlaki, Greek salad, Baklava, sono solo alcuni dei piatti più famosi che la maggior parte di voi avrà assaggiato: oggi vogliamo aggiungere un nuovo elemento che arricchirà i vostri menù ellenici, la spanakopita! Si tratta di una sorta di torta salata ripiena di spinaci e formaggio feta, realizzata tradizionalmente con un impasto particolare dalla consistenza piuttosto rustica che può però essere tranquillamente sostituito con della semplice pasta fillo. La ricetta casalinga della spanakopita viene fatta tipicamente in teglia, ma sono molto diffuse anche le spanakopitakia, una versione più piccola a forma di fagottino, che può essere consumata per strada come spuntino o sostituto del pranzo, oppure servita come antipasto sostanzioso. Quella che vi proponiamo noi è proprio la ricetta di questi fragranti triangolini, che conquisteranno voi e i vostri amici con il loro sapore autentico… e improvvisamente vi sentirete già in vacanza!

Leggi anche: Feta al forno

INGREDIENTI

Pasta fillo 250 g
Spinaci 500 g
Feta 200 g
Cipollotto fresco 80 g
Uova 1
Olio extravergine d'oliva 20 g
Aneto 2 rametti
Pepe nero q.b.
per spennellare
Uova 1
Burro q.b.
Preparazione

Come preparare la Spanakopita

Per preparare le spanakopita, per prima cosa pulite le verdure: sciacquate i cipollotti, spuntate la base, eliminate lo strato più esterno 1 e tagliateli a rondelle 2. Poi tritate finemente l’aneto 3 e sciacquate gli spinaci sotto l’acqua corrente.

Scaldate l’olio in una padella, aggiungete i cipollotti 4 e gli spinaci 5, coprite con un coperchio 6 e cuocete a fuoco medio per 10 minuti.

Quando gli spinaci saranno cotti, trasferiteli in un colino posizionato sopra una ciotola 7 e premete con una spatola in modo che rilascino l’acqua in eccesso 8. A questo punto, trasferite gli spinaci su un tagliere e tritateli finemente con un coltello 9.

Versate gli spinaci tritati in una ciotola, unite la feta sbriciolata a mano 10, un uovo 11 e l’aneto tritato 12.

Pepate 13 e mescolate per amalgamare bene il composto 14. Preriscaldate il forno in modalità statica a 180°. Prendete la pasta fillo e separatela in modo da ricavare due fogli composti da 3 strati di pasta l’uno 15

Dividete ciascuno di questi fogli in 4 strisce di circa 10 cm di larghezza che avranno quindi la forma di un rettangolo 16. Fate sciogliere il burro in un pentolino e spennellate la superficie di ciascun rettangolo con il burro fuso 17. Prendete una cucchiaiata del composto di spinaci e adagiatela alla base di uno dei rettangoli 18,

poi ripiegate la pasta ricoprendo il ripieno e facendo combaciare la base con uno dei lati così da formare un triangolo 19; continuate a ripiegare la pasta in questo modo fino a raggiungere la fine del rettangolo 20. Premete delicatamente per sigillare il fagottino 21 e sistemateli mano a mano su una teglia foderata con carta forno, con l’apertura rivolta verso il basso.

Spennellate i fagottini con l’uovo sbattuto 22 e cuocete in forno statico a 180° per circa 20 minuti, fino a che non risulteranno ben dorati 23. Le vostre spanakopita sono pronte per essere gustate 24!

Conservazione

Consigliamo di consumare immediatamente le spanakopita per evitare che perdano la loro fragranza, altrimenti potete conservarle in frigorifero, in un contenitore ermetico, per un giorno al massimo e scaldarle in forno prima di servirle. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Se preferite aggiungere una nota croccante al ripieno, potete aggiungere dei pinoli tostati. Per una nota dolce, invece, provate ad aggiungere dell’uvetta. Servite le vostre spanakopita accompagnandole con la salsa tzatziki, una tipica ricetta greca a base di yogurt, aglio e cetrioli!

Curiosità

Si dice che la zona in cui si possono gustare le migliori spanakopita di tutta la Grecia sia l’Epiro, insieme alle regioni della Tessaglia e a parte della Macedonia: in queste aree si praticava, e si pratica ancora, la pastorizia e le torte salate di questo tipo erano il pasto perfetto per chi conduceva questo stile di vita, in quanto potevano essere realizzate con ingredienti poveri e facilmente reperibili, potevano essere trasportate comodamente e si conservavano per vari giorni.

17 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Nadia 1977
    giovedì 18 ottobre 2018
    Ciao, al posto dei triangoli posso realizzare una torta salata intera (Pasta sotto e copertura sopra)?
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 18 ottobre 2018
    @Nadia 1977: ciao! puoi farlo sovrapponendo più strati e regolandoti sui tempi di cottura! 
  • Anna2401
    giovedì 27 settembre 2018
    Salve, è possibile farlo con la pasta bricks?
    Redazione Giallozafferano
    giovedì 27 settembre 2018
    @Anna2401:Ciao, per questa preparazione puoi utilizzare anche la pasta brick.
3 FATTE DA VOI
Irene80.
Ottimi, proprio come quelli mangiati in vacanza in Grecia!
giorgiadelsanto
anche pasta fillo fatta da me 😊
oninoni
è una ricceta molto deliziosa 😋
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo