Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Secondi piatti Contenuto sponsorizzato
/5
Stracotto al Porto con mele al rosmarino
0
  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 20 min
  • Cottura: 160 min
  • Dosi per: 4 persone

Presentazione

Arrosti, bolliti e stracotti, le carni a lunga cottura richiedono un po’ di pazienza ma restituiscono sempre piatti teneri e succulenti. Immancabile accompagnamento di questi secondi di carne sono le patate cotte al forno o bollite per realizzare cremosi purè. Ispirati da questi piatti casalinghi abbiamo pensato a una variante decisamente fuori dagli schemi: stracotto al Porto con mele al rosmarino. La guancia di vitello cotta nel famoso vino liquoroso Porto rende la carne saporita e invitante, con un cremoso fondo di cottura "da scarpetta finale". Anche il contorno vi sorprenderà: una dadolata di mele Fuji arrosto speziate al rosmarino, un’ottima alternativa al consueto contorno, un'occasione per sperimentare nuovi orizzonti culinari!

Ingredienti

Vitello guancia 1 kg
Porto 400 g
Carote 2
Cipolle bianche 1
Bacche di ginepro 4
Alloro 4 foglie
Sedano 1 costa
Acqua 1 l
Burro 40 g
Farina 00 q.b.
Amido di mais (maizena) 1,5 cucchiaini
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.

per le mele

Mele Fuji 2
Curcuma in polvere ¼ cucchiaino
Aceto di mele 20 g
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Olio extravergine d'oliva q.b.
Rosmarino q.b.
Preparazione

Come preparare lo Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Per realizzare lo stracotto al Porto con mele e rosmarino per prima lavate e sbucciate le verdure quindi tagliatele grossolanamente (1-2-3).

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Ora tagliate la carne a pezzi da circa 200 g (4) e passatela nella farina (5). In una casseruola capiente versate il burro e scioglietelo a fuoco moderato (6).

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Una volta sciolto il burro, versate la carna infarinata (7) e rosolatela da tutti i lati per pochi minuti. Quando la carne sarà ben dorata aggiungete le verdure (8), l’alloro, le bacche di ginepro e il vino Porto (9).

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Allungate con l’acqua (10), salate, pepate e coprite con il coperchio (11) e cuocete in questo modo a fuoco dolce per almeno due ore. Intanto occupatevi delle mele: lavatele e tagliatele a metà (12);

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

eliminate il torsolo e tagliate a spicchi grossolani (13). Trasferite tutto in una ciotola, condite con olio (14), aceto di mele (15)

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

e rosmarino. Salate, pepate e aromatizzate con la curcuma (16), mescolate per insaporirle. Ungete con olio una pirofila, versate le mele condite (17) e cuocetele in forno statico preriscaldato a 180° per circa 20 minuti. Una volta pronte (18), tenete le mele in caldo.

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

Nel frattempo sarà giunto a cottura anche lo stracotto (19), togliete la carne e tenetela da parte (20). Eliminate l’alloro (21)

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

e prelevate solo le verdure, ponete nel bicchiere alto del mixer (22) e frullatele con il mixer a immersione (23) per ottenere una purea (24).

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

In un pentolino versate il fondo di cottura rimasto, aggiungete la maizena (25) e fate ridurre il sughetto a fuoco dolce (26). Servite lo stracotto con le mele, la purea di verdure e irrorate la carne con la salsa realizzata con il fondo di cottura (27).

Conservazione

Lo stracotto al Porto con mele e rosmarino si conserva in frigorifero per 2-3 giorni al massimo in un contenitore ermetico. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Con il sughetto avanzato dello stracotto condite un risotto alla parmigiana e con la purea di verdure ottenuta realizzate la farcitura per dei ravioli di ricotta.

Il consiglio offerto da MelaPiù

Stracotto al Porto con mele al rosmarino

FUJI MelaPiù - DECISAMENTE UNICA
La Fuji è una mela dalla polpa molto croccante e succosa, con buccia sottile color rosso. Il suo gusto è deciso, dolce, con una nota acidula. Le Fuji MelaPiù maturano sugli alberi senza fretta, baciate dal sole più dolce dell’anno e coccolate ogni giorno del Consorzio che ne garantisce la loro bontà superiore. Scopri di più

I commenti (0)

Commenta, chiedi consigli o proponi varianti alla ricetta

Scrivi un commento

Fatte da voi

Aggiungi le foto delle tue ricette e mostra il tuo risultato