Strangolapreti alla trentina

/5

PRESENTAZIONE

Strangolapreti alla trentina

Gli strangolapreti alla trentina sono una ricetta davvero antica, si tratta di gnocchi davvero speciali a base di pane raffermo e spinaci. Lo chef Alessandro Gilmozzi ci mostrerà come dare forma a questi morbidi coni, perfetti da servire come primo piatto. La ricetta storica prevedeva molto più pane e meno spinaci. Poi si è evoluta tanto da prevedere varianti e piccoli segreti che ogni famiglia e ogni ristoratore conserva per la realizzazione degli strangolapreti, come scoprirete dalla ricetta dello chef. Grazie alla ricchezza delle piante ed erbe del Trentino, una volta (ma spesso ancora oggi) gli spinaci venivano sostituiti con ortiche, portulaca o solo con erbette e bietole. Una base minore di spinaci poteva essere aromatizzata con erbe come dragoncello, maggiorana e origano. Gli strangolapreti vengono conditi con burro e salvia, proprio come propone Alessandro Gilmozzi, ma potrete aggiungere anche speck o pancetta. 

Per immergervi totalmente nella magica atmosfera trentina, scoprite anche canederlispatzle, altri due tipici primi piatti! 

INGREDIENTI

Ingredienti per circa 20 strangolapreti
Spinaci 650 g
Pane (raffermo o secco) 80 g
Latte intero 400 g
Olio extravergine d'oliva 40 g
Uova (medie) 2
Farina 00 160 g
Pangrattato 40 g
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Noce moscata q.b.
per condire
Burro 80 g
Salvia q.b.
Trentingrana 100 g
Preparazione

Come preparare gli Strangolapreti alla trentina

Per preparare gli strangolapreti alla trentina come prima cosa cuocete gli spinaci. Ve ne serviranno 650 freschi per ottenerne 300 g cotti e molto ben strizzati. Se usate spinaci freschi potete sbollentarli in acqua leggermente salata per qualche minuto. Se utilizzate quelli in busta potete cuocerli al vapore. Ripulite i panini dalla crosta esterna (potrete usarla come indicato nel consiglio in fondo alla ricetta!) e tagliate la mollica che servirà per gli strangolapreti: dovrete ottenere dei cubetti di 1 cm. Trasferiteli all'interno di una ciotola 1, unite circa metà dose di latte 2 e l'olio 3.

Mescolate leggermente 4 e tenete da parte. Versate gli spinaci strizzati all'interno di un contenitore stretto e alto 5, aggiungete il latte rimasto 6.

Unite anche le uova 7 e regolate di sale 8 e pepe. Aggiungete anche la noce moscata 9 

e frullate il tutto con un minipimer 10 fino ad ottenere una crema liscia 11. Versate quindi la crema di spinaci all'interno della ciotola con il pane 12

e mescolate con un mestolo di legno 13. Aggiungete la farina 14 e il pangrattato 15.

Mescolate ancora con il mestolo 16, poi terminate l'impasto lavorandolo brevemente con le mani anche per sentirne la consistenza 17. Lasciatelo riposare qualche minuto. Inumidite due cucchiai 18

e prelevate una porzione d'impasto, circa mezzo cucchiaio 19. Trasferite il primo mucchietto su un canovaccio ben infarinato 20 e proseguite in questo modo per tutti gli altri 21. Si andranno a formare delle quenelle.

Spolverizzate con poca farina i mucchietti e lavoratene uno ad uno con le mani 22, in modo da arrotondarli leggermente come fossero canederli, ma schiacciando leggermente per creare una forma conica 23. Ogni tanto infarinatevi bene le mani, in questo modo sarà più facile lavorare il composto e terranno meglio la cottura. Se preferite potete realizzare la classica forma a quenelle lavorando il composto solo con i due cucchiai inumiditi 24. Poi dovrete comunque leggermente spolverizzare con la farina.

Mettete sul fuoco due tegami con dell'acqua, che servirà per la cottura degli gnocchi. Salate l'acqua e non appena inizierà a sobbollire tuffate pochi gnocchi alla volta 25. Dato che la cottura è delicata, per cuocerli tutti insieme serviranno almeno due tegami. Se riducete le dosi o avete modo di cuocerli un po' alla volta potete anche utilizzarne uno solo. Nel frattempo preparate anche il condimento. In un tegame aggiungete burro e salvia 26, lasciate fondere il burro e insaporire le foglioline 27.

Non appena gli gnocchi saliranno a galla aspettate 2-3 minuti e scolateli 28. In tutto ci vorranno circa 8 minuti. Scolateli e conservateli in una ciotola. Intanto cuocete gli altri. Poi trasferite gli gnocchi su un piatto 29, guarnite con abbondante Trentingrana grattugiato 30

aggiungete abbondante burro fuso 31 e decorate con le foglioline di salvia 32. Servite gli gnocchi alla trentina ancora caldi 33!

Conservazione

L'impasto degli gnocchi si può conservare in frigorifero per un giorno. 
Una volta cotti consigliamo di servirli subito; in alternativa potete conservarli in frigo per un giorno e scaldarli prima di servirli.

Consiglio

Si consiglia di servire 5-6 pezzi a testa. 

Per il pane: scegliete un pane non all'olio, andranno benissimo delle rosette bianche o delle michette.

La crosta del pane che andrete ad eliminare non gettatela: tostatela leggermente per realizzare del pangrattato fatto in casa!

Ricordate di strizzare molto bene gli spinaci, perchè altrimenti la consistenza dello gnocco risentirebbe dell'eccesso di acqua presente, non risultando ben sodo in cottura.

Un piccolo consiglio quando rompete le uova: fatelo sempre sul piano di lavoro e mai direttamente ai bordi della ciotola, padella o contenitore che state utilizzando.

Al posto del Trentingrana potete utilizzare del Grana Padano DOP o un formaggio a pasta dura stagionato, stravecchio. 

RICETTE CORRELATE
COMMENTI12
  • Gigio214
    lunedì 30 novembre 2020
    usando spinaci surgelati le dosi cambiano?
    Redazione Giallozafferano
    martedì 01 dicembre 2020
    @Gigio214: Ciao, non avendo provato possiamo consigliarti di usare preferibilmente quelli freschi o precotti in quanto quelli congelati potrebbero tirar fuori più liquido del necessario. Puoi provare, se vuoi fare un tentativo, sempre con la dose di 300 g (come il peso che abbiamo fornito da cotti).
  • albertodalbello1954
    domenica 22 novembre 2020
    Provati ottimo gusto, però un problema: l'impasto mooolto mollo: gli spinaci erano strizzatissimi, dove intervenire? (ho dovuto aggiungere moltissima farina per formarli). Grazie
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 23 novembre 2020
    @albertodalbello1954: Ciao, il peso era giusto di tutti gli ingredienti? Ad ogni modo aiutati anche con il video dello chef per vedere la consistenza ideale: anche i suoi risultano molto morbidi, aggiunta la farina vanno poi maneggiati molto velocemente per evitare che si appiccichino alle mani smiley