Stufato di rape rosse e lenticchie

PRESENTAZIONE

Stufato di rape rosse e lenticchie

Non c’è Capodanno senza il tradizionale cotechino e lenticchie! Entrambi simboli di ricchezza e prosperità, questi due ingredienti propiziatori sono stati interpretati nei modi più vari, dalle versioni più rustiche a quelle gourmet, come l’elegante millefoglie di cotechino e lenticchie. E se gli ospiti sono vegetariani? Per fare in modo che nessuno debba rinunciare a un momento tanto simbolico quanto conviviale, vi proponiamo una ricetta che unisce tradizione e innovazione: stufato di rape rosse e lenticchie! Una pietanza ricca e confortante che a prima vista potrà ingannare i meno attenti, ma all’assaggio rivelerà una vera esplosione di sapori e aromi: il profumo del vino, delle spezie e delle erbe aromatiche accompagna meravigliosamente il gusto delle barbabietole, dei legumi e delle cipolline e viene esaltato dalla lunga cottura. Un procedimento che ricorda molto da vicino la preparazione di un classico della cucina francese, il boeuf bourguignon, e che ad esso effettivamente si ispira. Che siate onnivori o vegetariani, italiani o francesi, dai gusti più caserecci o raffinati, lo stufato di rape rosse e lenticchie, servito insieme a una morbida polenta, riunirà tutti intorno alla stessa tavola per iniziare l’anno all’insegna della condivisione e del buon cibo!

Leggi anche: Lenticchie e salsiccia

INGREDIENTI
Barbabietole (rape rosse) 350 g
Lenticchie 180 g
Cipolline 170 g
Carote viola 100 g
Carote 85 g
Aglio 1 spicchio
Zenzero fresco (1 radice piccola) q.b.
Rosmarino 1 rametto
Alloro 5 foglie
Cannella in stecche 1
Vino rosso corposo 125 g
Acqua circa 700 g
Olio extravergine d'oliva 25 g
Burro 40 g
Timo fresco q.b.
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare lo Stufato di rape rosse e lenticchie

Per realizzare lo stufato di rape rosse e lenticchie, per prima cosa preparate tutti gli ingredienti: lavate e pelate le carote arancioni e viola 1, poi tagliate entrambe a rondelle di circa 1 cm di spessore (2-3).

Pelate anche le rape rosse 4 e dividetele a metà 5, poi pelate una radice piccola di zenzero fresco e tagliatela a fettine sottili 6.

Schiacciate lo spicchio d’aglio con il dorso di un coltello 7 ed eliminate la camicia. Legate con uno spago i ramoscelli con le foglie di alloro, il rametto di rosmarino e la stecca di cannella 8. Infine, sciacquate le lenticchie sotto l’acqua corrente 9 e fate la stessa cosa anche con le cipolline.

Ora prendete una pentola di ghisa munita di coperchio ermetico, particolarmente adatta alle lente cotture, scaldate l’olio e aggiungete lo spicchio d’aglio schiacciato e lo zenzero 10. Lasciate sfrigolare per un paio di minuti a fiamma vivace, poi unite il mazzetto di aromi 11 e, poco dopo, aggiungete anche le cipolline 12,

le carote a rondelle 13, le lenticchie 14 e le rape 15.

Fate tostare il tutto per qualche minuto mescolando spesso con un cucchiaio di legno, poi sfumate con il vino rosso 16 e lasciatelo evaporare. A questo punto abbassate la fiamma e coprite con acqua a filo (la quantità di acqua dipenderà dalla dimensione della pentola, noi ne abbiamo utilizzato 500 g per una pentola del diametro di 20 cm) 17. Coprite con il coperchio 18 e lasciate cuocere a fuoco dolce per 2 ore, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo ancora un po’ d’acqua se necessario: in questo caso, abbiamo aggiunto altri 200 g di acqua in un paio di volte. Durante gli ultimi 20 minuti potete regolare di sale e di pepe. Se a fine cottura lo stufato dovesse risultare troppo brodoso, fatelo restringere ancora per qualche minuto senza coperchio; se al contrario dovesse risultare troppo asciutto potete aggiungere un altro mestolo di acqua.

Trascorse le 2 ore, rimuovete il mazzetto odoroso e controllate la cottura delle rape con una forchetta: i rebbi dovranno penetrare facilmente, ma la consistenza dovrà risultare ancora soda e carnosa. A questo punto spegnete la fiamma e aggiungete il timo fresco 19, dopodiché unite il burro 20, coprite con il coperchio e lasciate che si sciolga dolcemente. In ultimo, mescolate bene e servite il vostro profumatissimo stufato di rape rosse e lenticchie con della polenta o del puré 21!

Conservazione

Lo stufato di barbabietole e lenticchie si può conservare in frigorifero per 2-3 giorni oppure si può congelare.

Consiglio

Potete aggiungere alla preparazione anche dei cubetti di patate o di zucca trasformando così lo stufato in un ricco piatto unico! Se l’aglio non vi intimorisce, potete spremere uno spicchio a crudo a fine cottura.

5 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • martinadl91
    lunedì 26 febbraio 2018
    ciao, è possibile utilizzare la pentola a pressione per ridurre i tempi? se si, a quanto lo riduco il tempo di cottura?Grazie!
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 26 febbraio 2018
    @martinadl91: Ciao, solitamente con la cottura in pentola a pressione i tempi si dimezzano. Non riusciamo a darti indicazioni più precise in merito perchè non abbiamo provato.
  • Novembre15
    sabato 20 gennaio 2018
    Posso utilizzare delle lenticchie rosse al posto di quelle classiche?
    Redazione Giallozafferano
    sabato 20 gennaio 2018
    @Novembre15: ciao! Certamente! 
1 FATTA DA VOI
franci2995
stufato di rape, affiancato da purè di patate 😋
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo