Taralli

/5

PRESENTAZIONE

Taralli

Probabilmente è il più grande classico, insieme ai grissini, che sulle tavole di un buffet non può davvero mancare. Sono i taralli: complici per spezzare l’appetito durante il giorno, perfetti compagni di calici di vino e drink durante l’aperitivo e, non per ultimo, sanno sostituire il pane in una fresca insalata e persino chiudere il pasto! I taralli sono davvero fantastici e piacciono a tutti perché possono essere preparati in tutti i modi: tondi o a goccia, piccoli o grandi, salati, speziati e persino dolci. Insomma ce n’è per tutti e di tutti i gusti! Bisogna solo scegliere… come se fosse facile! Se vi state chiedendo se c’è una ricetta originale allora dobbiamo rispondervi di no. La nostra infatti è quella più comune che riassume in breve la bontà di questa preparazione e che mette d’accordo un po’ tutti. Infatti i taralli sono piuttosto diffusi in tutta l’Italia ma il primato di produzione spetta al sud e in particolare alla Puglia con i tarallini e alla Campania con quelli sugna e pepe. Adesso che vi abbiamo detto proprio tutto quello che c’è da sapere sui taralli, non vi resta altro da fare che mettere le mani in pasta e realizzarli insieme a noi!

Leggi la ricetta in inglese

INGREDIENTI
Per circa 60 taralli
Farina 00 550 g
Vino bianco secco 200 g
Olio extravergine d'oliva 120 g
Sale fino 10 g
Preparazione

Come preparare i Taralli

Per preparare i taralli cominciate impastando gli ingredienti in una ciotola o, se preferite, nella planetaria munita di gancio. Versate all’interno la farina, il sale 1 e l’olio 2 e date una breve mescolata fino ad ottenere un composto bricioloso 3.

Ora aggiungete il vino 4, amalgamate il tutto 5 e trasferite il composto sulla spianatoia lavorandolo a mano per una decina di minuti 6.

Trascorso questo tempo, staccate dei pezzettini di impasto e modellateli con i polpastrelli per formare un bigolo 7 spesso 1 cm e lungo circa 12 cm 8. Quindi congiungete le punte ripiegando un'estremità sull’altra in modo da ottenere una sorta di ciambellina. Tenete conto che con queste dosi e questo procedimento otterrete circa 60 pezzi 9. Nel frattempo mettete a bollire una pentola piena d'acqua.

Man mano che li modellate, sistemate i taralli su un vassoio con carta forno 10. Quando avrete formato tutti i taralli immergete pochi pezzi alla volta nell'acqua bollente aiutandovi con una schiumarola 11. Non appena saliranno a galla saranno pronti per essere scolati su un vassoio foderato con un canovaccio pulito; proseguite con la cottura di tutti gli altri 12.

Trasferite le ciambelline su una leccarda con carta forno 13 e cuocete in forno statico preriscaldato a 190° per circa 40 minuti 14. Ecco pronti i vostri taralli, buon appetito 15!

Conservazione

I taralli si conservano per qualche giorno se tenuti ben chiusi in un sacchetto.
Si sconsiglia la congelazione.
Una volta pronto l’impasto è bene utilizzarlo subito.

Consiglio

Aromatizzate i vostri taralli con le spezie che preferite: pepe nero, semi di finocchietto o al peperoncino. Anche origano e rosmarino se invece preferite le erbe aromatiche. Infine cimentatevi nella realizzazione di quelli più interessanti utilizzando paté di olive nere, cipolle disidratate o concentrato di pomodoro e origano. Vista l’umidità che le due paste conferiscono all’impasto, fate attenzione alla quantità di vino che aggiungerete.

È necessario sbollentare i taralli?

Se vi state domandando se è davvero necessario sbollentare i taralli la risposta è no. E allora perché lo facciamo? Semplicemente perché attraverso la gelificazione degli amidi della precottura in acqua, il tarallo diventa molto più friabile dopo la cottura in forno. Al contrario il tarallo senza essere stato sbollentato risulterà più biscottato e meno fragante. Provate a fare una prova, così potrete scegliere la versione che preferite dei vostri taralli!

RICETTE CORRELATE
COMMENTI346
  • ChiaraGabriAlice
    giovedì 09 giugno 2022
    posso usare la farina Manitoba al posto della 00?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 10 giugno 2022
    @ChiaraGabriAlice: ciao! ogni farina assorbe in maniera diversa, quindi se vuoi usare la manitoba dovrai regolarti sulla quantità di farina da utilizzare. Considera però che anche la resa sarà diversa!
  • Maffylallalalla
    giovedì 25 novembre 2021
    E nn lasci L impasto a lievitare per mezz’ora?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 26 novembre 2021
    @Maffylallalalla:Ciao, in questa ricetta non è prevista la lievitazione.

Chiudi
Prezzo bloccato per 24 mesi - Disdici quando vuoi
Aggiornamento Termini e Condizioni

Gentile Utente,
le nostre Condizioni e Termini d'Uso del sito sono state modificate. Le nuove Condizioni e Termini d'Uso sono entrate in vigore dal 6 Giugno 2022. Ti preghiamo di prenderne visione a questo link ed accettarle per potere proseguire con l'utilizzo del sito e ad usufruire dei servizi offerti.