Timballo di polenta e cotechino

PRESENTAZIONE

Puntuale come ogni fine anno, il cotechino con le lenticchie è il protagonista indiscusso del cenone di Capodanno, consumato in segno di buon auspicio per i giorni a venire, come tradizione vuole. Prima dello scoccare della mezzanotte un assaggio di questa pietanza è quindi d’obbligo. Negli anni passati vi abbiamo suggerito come riproporla in modo creativo e appetitoso con ricette insolite come i nidi, le millefoglie e i ravioli. Tutte preparazioni in cui lenticchie e cotechino sono stati deliziosamente rivisitati. Quest’anno non saremo da meno e vi proponiamo un maestoso timballo di polenta e cotechino! Un piatto unico ricco e saporito, un modo raffinato per proporre con gusto una preparazione tipica dell’ultimo dell’anno. La polenta avvolge una farcitura filante e dai sapori stuzzicanti da scoprire al taglio della prima fetta!

Leggi anche: Cotechino con lenticchie

INGREDIENTI
524
CALORIE PER PORZIONE
Ingredienti per uno stampo di 20 cm di diametro
Farina istantanea per polenta 400 g
Cotechino precotto 500 g
Toma 200 g
Acqua 800 g
Olio extravergine d'oliva 20 g
Sale fino 20 g
Rosmarino 2 rametti
Senape scarso 1 cucchiaio
Pepe nero q.b.
Glassa di aceto balsamico q.b.
Preparazione

Come preparare il Timballo di polenta e cotechino

Per realizzare il timballo di polenta e cotechino servirà un cotechino già cotto; se non disponete di uno avanzato potete realizzarlo seguendo le nostre indicazioni che trovate nella ricetta del cotechino con le lenticchie. Occupatevi quindi della preparazione della polenta: in un tegame dal bordo alto versate l’acqua, insieme all’olio e al sale 1, e fatela scaldare per bene. Aggiungete la farina nella pentola a pioggia 2 e mescolatela per bene con un cucchiaio di legno per evitare la formazione di grumi 3.

Dovrete ottenere una polenta piuttosto densa 4. Mettete in una ciotola il cotechino già cotto e schiacciatelo con una forchetta 5 per ottenere una sorta di ragù, poi conditelo con la senape, il rosmarino tritato 6

e il pepe nero 7. Mescolate per insaporire e tenete da parte 8. Tagliate la toma a cubetti irregolari 9.

Imburrate uno stampo da ciambella del diametro di 20 cm e alto 8 cm, aiutandovi con un pennello per ungere bene tutto il bordo ondulato 10. Ora versate parte della polenta sul fondo e sui bordi 11, pressandola con le dita leggermente inumidite 12.

Dopo aver rivestito tutto lo stampo 13, farcite l'interno con il cotechino e il formaggio 14 e ricoprite con la polenta rimanente 15.

Pressate bene la superficie in modo che sia il più possibile uniforme 16, quindi cuocete in forno statico preriscaldato a 200° per 30 minuti. A cottura ultimata, sfornate il timballo 17 e lasciatelo raffreddare completamente, dopodiché sformatelo rovesciandolo su un piatto da portata 18. Il vostro timballo di polenta e cotechino è pronto, potete servirlo tagliato a fettine e guarnito con aceto balsamico a piacere.

Conservazione

Conservate il timballo di polenta e cotechino in frigorifero coperto con pellicola e consumate entro 2 giorni al massimo.

Consiglio

Questo ricco timballo di polenta si può farcire con qualunque tipo di avanzo delle feste: stinco, arrosto, verdure gratinate di ogni sorta. Stessa cosa vale per il formaggio che, in base all’avanzo che vi ritroverete, potrete sostituire come preferite, tenendo presente che l’importante è che si tratti di un formaggio a pasta molle o comunque non troppo stagionato.

3 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • gnammegnam
    sabato 15 dicembre 2018
    Vorrei provare questa ricetta con delle varianti, ovvero senza cotechino ma con formaggio e funghi all'interno... avendo cotto polenta e anche i funghi sono necessari comunque 30 minuti in forno per la cottura del timballo? grazie
    Redazione Giallozafferano
    domenica 16 dicembre 2018
    @gnammegnam: Ciao, si la cottura serve ad asciugare la polenta che altrimenti rischierebbe di restare troppo morbida e poco compatta smiley
  • Enrica
    venerdì 05 gennaio 2018
    Buongiorno, si mangia freddo questo timballo? oppure una volta sformato si può riscaldare?
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 05 gennaio 2018
    @Enrica: Ciao Enrica! Puoi gustarlo a temperatura ambiente oppure una volta sformato potrai riscaldarlo senza problemi! 
4 FATTE DA VOI
hellhamm
sublime!!
federica_ceruti
versione a forma di pacco regalo 🎁
piera11
buonissimo 😋
Rita7676
buon fine anno a tutti ! grazie GZ !
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo