Torta angelica

/5

PRESENTAZIONE

Torta angelica

La torta angelica è una soffice e gustosa treccia dall'aspetto davvero scenografico.

Si tratta della famosa ricetta delle Sorelle Simili leggermente rivisitata: il dolce originale infatti prevede l'utilizzo di uvetta e arancia candita al suo interno, mentre noi abbiamo optato per le gocce di cioccolato, rendendo la torta più gradita anche dai bambini.

La torta angelica prevede una preparazione piuttosto complessa e almeno un pomeriggio di lavoro, ma il risultato lascerà tutti letteralmente a bocca aperta!

Non perdetevi anche le nostre stuzzicanti varianti salate alla birra e alle zucchine!

INGREDIENTI

Ingredienti per il lievitino
Farina Manitoba 135 g
Lievito di birra fresco 13 g
Acqua 75 g
Malto 1 cucchiaino
per l'impasto
Farina Manitoba 400 g
Zucchero 75 g
Latte intero tiepido 120 g
Sale fino 5 g
Burro 120 g
Gocce di cioccolato fondente 100 g
Tuorli medi 3
per la glassa
Albumi 1
Zucchero a velo 150 g
per spennellare
Burro fuso 50 g
Preparazione

Come preparare la Torta angelica

Per realizzare la torta angelica iniziate col preparare il lievitino: mettete in una ciotola l’acqua tiepida, scioglieteci dentro un cucchiaino di malto o zucchero (facoltativo) e aggiungete il lievito di birra sbriciolato 1. Mescolate per sciogliere bene gli ingredienti e poi uniteli alla farina 2 e impastate fino ad ottenere un composto liscio che ridurrete in una palla 3. Mettete l’impasto in una ciotola, coprite con della pellicola e poi lasciate lievitare per mezz’ora in un luogo tiepido e privo di correnti d’aria ( dovrà raddoppiare il suo volume).

Nel frattempo preparate l’impasto: tagliate il burro a cubetti e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente, versate nel latte lo zucchero 4 e poi i tuorli, sbattendolo con una frusta per romperli 5, il sale e unite il tutto alla farina quindi impastate. Aggiungete il burro 6 e lavorate l’impasto almeno 10 minuti fino a che risulterà ben elastico e si staccherà dalle pareti della ciotola.

Quando il lievitino sarà pronto, unitelo all’impasto ottenuto 7 e quindi amalgamateli assieme in modo omogeneo 8; date al composto la forma di palla e adagiatelo in una ciotola imburrata, quindi lasciatelo lievitare per almeno due ore fino a che il suo volume sarà duplicato 9.

Trascorso il tempo necessario, versate l’impasto su di una spianatoia infarinata e, senza lavorarlo, stendetelo con un mattarello fino a formare un rettangolo dello spessore di 2-3 mm; spennellate la sfoglia ottenuta con il burro fuso 10, cospargetela con le gocce di cioccolato fondente 11 (la versione originale prevede 75 gr di uva sultanina mista a 75 gr di scorza di arancia candita) quindi arrotolatela su lato più lungo lasciando la chiusura sul fondo 12.

Tagliate il rotolo a metà con un coltello dalla lama sottile e infarinata 13 quindi separate le due parti e intrecciatele avendo cura di tenere la parte tagliata verso l’alto in modo che si intravedano le sezioni e il suo ripieno 14. Formate con la treccia una ciambella 16 che porrete in una teglia foderata con carta forno,

spennellatela con il burro fuso 16 e lasciatela lievitare 30-40 minuti in un luogo tiepido in modo che raddoppi il suo volume. Cuocete in forno statico a 180° per circa 40 minuti e a metà cottura controllate che la ciambella non sia troppo scura in superficie, altrimenti copritela con della stagnola e continuate la cottura.
Nel frattempo preparate la glassa, sbattendo con una forchetta un albume con 150 gr di zucchero a velo 17. Non appena avrete ottenuto una glassa densa, versatela sulla torta angelica appena sfornata 18.

Consiglio

Potete sostituire le gocce di cioccolato con 75 g di uva sultanina + 75 g di arancia candita, come prevede la ricetta originale delle Sorelle Simili.

RICETTE CORRELATE
COMMENTI365
  • cosacucinostasera
    mercoledì 26 agosto 2020
    Ho sempre pensato che questa ricetta fosse difficle, e invece devo dire che è piuttosto semplice da fare e il risultato è straordinario. Ho solo aggiunto una bustina di vanillina e lasciata lievitare per 3 ore dopo aver fatto la treccia.
  • fedemenchi
    lunedì 25 maggio 2020
    ma l’interno deve mostrare le diverse bollicine d’aria oppure è normale presenti parte più “dense”? ho rifatto la ricetta questa volta lievitazione fantastica ma la cottura mi lascia sempre un po’ a desiderare, ho la sensazione dentro non si cuoce abbastanza. può essere perché la cuocio in un fornetto?
    Redazione Giallozafferano
    lunedì 25 maggio 2020
    @fedemenchi: Ciao, le modalità di cottura possono variare a seconda del tipo di forno... prova ad allungare il tempo se ti sembra che rimanga crudo all'interno smiley