Torta mimosa classica

/5
Torta mimosa classica
610
  • Difficoltà: elevata
  • Preparazione: 30 min
  • Cottura: 60 min
  • Dosi per: 10 persone
  • Costo: medio
  • Nota: + 3 h totali di riposo in frigorifero

Presentazione

Torta mimosa classica

L’8 marzo è un giorno speciale, si omaggiano le donne con un fiore che ha il colore del sole e che profuma di buono… oppure con un dolce che conserva le stesse caratteristiche: la torta mimosa! Il nome di questo dolce deriva proprio dal fatto che questa torta viene decorata con del Pan di Spagna sbriciolato: ricorda appunto i grappoli di questo splendido fiore primaverile. Per la torta mimosa è necessario preparare due Pan di Spagna, uno sarà farcito con una golosa crema pasticcera arricchita da panna montata: otterrete una soffice crema diplomatica. L’altro Pan di Spagna occorrerà per ricavare la copertura della base: piccoli cubetti che serviranno a ricoprire la torta per creare l’effetto “mimosa”. Preparate questa torta per una serata tra amiche, per le donne della famiglia o per gustare quando più preferirete questo dolce intramontabile!

Ingredienti per 2 Pan di Spagna del diametro di 20 cm

Zucchero 250 g
Farina 00 140 g
Fecola di patate 120 g
Uova a temperatura ambiente 8
Baccello di vaniglia 2
Sale fino 1 pizzico

Per 850 g di crema pasticcera

Tuorli 5
Zucchero 175 g
Latte intero 500 ml
Panna fresca liquida 125 ml
Amido di mais (maizena) 55 g
Baccello di vaniglia 1

Per la crema chantilly

Panna fresca liquida 100 ml
Zucchero a velo 10 g

Per la bagna al liquore

Acqua 130 g
Zucchero 75 g
Grand Marnier 70 g

per decorare

Zucchero a velo q.b.

Preparazione dei 2 pan di spagna da 20 cm

Torta mimosa classica

Per preparare la torta mimosa classica come prima cosa occorre preparare i due pan di spagna. Assicuratevi di avere due stampi del diametro di 20 cm ciascuno e che entrambi entrino nel forno, sullo stesso ripiano uno accanto all'altro. Se così non fosse dovrete realizzare un Pan di Spagna alla volta (basterà dimezzare le dosi indicate). Preriscaldate il forno a 160° in modalità statica. Rompete le uova e ponetele nella ciotola di una planetaria e iniziate a montarle con la frusta a velocità moderata (1). Incidete entrambe i baccelli di vaniglia, prelevatene i semi (2) e uniteli in planetaria insieme a un pizzico di sale. A questo punto aggiungete lentamente anche lo zucchero (3). 

Torta mimosa classica

Continuate a montare per circa 15 minuti fino a che le uova non saranno triplicate di volume e avrete ottenuto un composto fluido e cremoso, "che scrive" (4). Fermate la planetaria e ponete un colino direttamente sopra la ciotola. Setacciate sia la farina (5) che la fecola (6) 

Torta mimosa classica

e incorporatele delicatamente le polveri con movimenti dal basso verso l'alto utilizzando una spatola (7), per non rischiare di smontare il composto. Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo (8), imburrate e infarinate due stampi da 20 cm di diametro. Dividete equamente l'impasto fra le 2 tortiere (9).

Torta mimosa classica

A questo punto (10) cuocete i vostri pan di spagna in forno statico preriscaldato a 160°, nel ripiano più basso, per circa 50 minuti. Verificate che siano cotti facendo la prova dello stecchino, se risulterà completamente asciutto potrete sfornarli (11). Poi lasciateli raffreddare completamente prima di sformarli (12). Posizionateli quindi su una gratella così da completare il raffreddamento.

Per preparare la crema diplomatica

Torta mimosa classica

Occupatevi di preparare la crema per farcire la torta mimosa. Iniziate quindi dalla crema pasticcera:incidete il baccello di vaniglia, prelevate i semi (1) e teneteli da parte. In un tegame versate il latte, la panna e il baccello svuotato (2) e scaldate il tutto dolcemente fino a sfiorare il bollore. Nel frattempo in una ciotola sbattete i tuorli insieme allo zucchero e ai semi di vaniglia (3); non sarà necessario montarli ma basterà amalgamare il tutto. 

Torta mimosa classica

Setacciate all'interno direttamente l'amido di mais (4) e mescolate ancora (5). Non appena il latte sarà caldo eliminate il baccello con delle pinze da cucina (6) 

Torta mimosa classica

e versatene un mestolo all'interno del composto di tuorli (7), mescolando con una frusta per stemperarlo. Versate il tutto nel tegame con il latte caldo (8) e senza mai smettere di mescolare fate addensare la vostra a fuoco dolce (9). 

Torta mimosa classica

Una volta pronta, riponetela in una pirofila bassa e ampia e lasciatela raffreddare completamente, coprendo con pellicola trasparente a contatto quando la crema è ancora calda (10). Solo quando sarà fredda, versate la panna fresca in una ciotola, unite lo zucchero a velo e iniziate a montare con le fruste (12). 

Torta mimosa classica

Non appena avrete ottenuto una panna ben montata (13), riprendete la crema e trasferitela in un'altra ciotola. Frustate leggermente per ammorbidirla e iniziate ad aggiungere la panna. Unitene una cucchiaiata (14) e mescolate energicamente per diluire la crema, poi incorporate la restante panna molto delicatamente muovendo la spatola dal basso verso l'alto (15). Coprite nuovamente con la pellicola e riponete in frigorifero a rassodare per circa 30 minuti. 

Per la bagna

Torta mimosa classica

Nel frattempo preparate anche la bagna per la torta. Versate in un tegame l'acqua (1), il liquore (2) e lo zucchero (3). 

Torta mimosa classica

Accendete il fuoco e mescolando (4) scaldate lo sciroppo fino a che lo zucchero non si sarà sciolto (5), poi versatelo all'interno di un'altra ciotola (6) e lasciate raffreddare. 

Per comporre il dolce

Torta mimosa classica

Non appena tutto sarà ben freddo potrete comporre il dolce. Come prima cosa dovrete eliminare la crosticina esterna da entrambi i pan di spagna, prima dai bordi (1), poi dalla parte superiore (2) e in ultimo anche dalla parte inferiore (3). In questa fase cercate di eliminare solo la parte più scura, in modo da ridurre gli sprechi. Potete utilizzare gli scarti come indicato in fondo alla scheda ricetta.

Torta mimosa classica

Prendete uno dei due Pan di Spagna e utilizzando un coltello lungo e seghettato, a dentatura larga, fate in modo da ricavare 3 dischi; per tagliare più regolarmente possibile il Pan di Spagna potete incidere lateralmente: due tacche da fare con il coltello seghettato per prendere la misura, quindi affondare la lama trasversalmente pian piano per ricavare il primo strato, aiutandovi girando man a mano il Pan di Spagna per realizzare un taglio omogeneo e preciso (4-5-6). 

Torta mimosa classica

Posizionate su un piatto (noi abbiamo usato un piatto girevole, ma anche un piatto da portata normale andrà benissimo) il primo strato di Pan di Spagna, quindi un cerchio da pasticceria (potete anche farcire la torta senza): utilizzando un cucchiaio spargete su tutta la superficie del disco la bagna preparata precedentemente e lasciata intiepidire (7). Unite ora circa 1/4 della crema (8) e livellatela con una spatola (9). 

Torta mimosa classica

Inserite il secondo disco nel cerchio (10), bagnate nuovamente (11) e coprite con un altro strato di crema come fatto nello step precedente (12). 

Torta mimosa classica

A questo punto inserite anche l'ultimo disco e inzuppatelo nuovamente con la bagna rimasta (13). Aggiungete ancora uno strato di crema (14), tenendone da parte un po' che servirà per i bordi. Livellate in maniera omogenea (15). 

Torta mimosa classica

Prendete anche il secondo Pan di Spagna e tagliatelo a fette in senso verticale (16), poi da ciascuna ricavate dei cubetti piuttosto piccoli (17) e riponeteli in una ciotolina (18). 

Torta mimosa classica

Sfilate delicatamente il disco dalla torta mimosa (19) e utilizzate la crema rimasta per ricoprire i bordi della torta, aiutandovi con la spatola (20). Aiutandovi con un cucchiaio spargete su tutta la superficie i cubetti di pan di Spagna (21),

Torta mimosa classica

ricoprendo con cura anche i bordi: i cubetti si attaccheranno facilmente alla crema diplomatica (22). Una volta ricoperta accuratamente tutta la superficie (23), riponete la torta in frigorifero per un paio d'ore. Al momento di servire, spolverizzate con lo zucchero a velo la vostra torta mimosa classica (24)!

Conservazione

La torta mimosa si può conservare in frigorifero già composta per 3-4 giorni al massimo.
Il solo pan di spagna si può conservare per 2 giorni avvolto nella pellicola, oppure congelarlo per 1 mese al massimo.
Anche la crema pasticcera si può conservare per 2-3 giorni in frigorifero, oppure congelarla per 1 mese.  

Consiglio

Potete avvantaggiarvi preparando sia i Pan di Spagna che la crema pasticcera con un giorno d'anticipo. 


Se preferite potete aromatizzare la crema con scorza di limone oppure ingolosire il dolce aggiungendo le gocce di cioccolato! Per una versione analcolica, invece, sostituite il Grand Marnier con il succo d'arancia. E per non buttare gli scarti di pan di spagna, ecco un paio di ricette golose per riutilizzarli: cake pops e tartufini al cioccolato!

Curiosità

In Italia si è iniziato a festeggiare il giorno della Donna l'8 marzo del 1946, una volta finita la guerra, per celebrare alcune conquiste sociali, economiche e politiche delle donne. Da subito la torta mimosa è diventato il simbolo di questa giornata, perché fiorisce proprio durante i primi giorni di marzo.

Leggi tutti i commenti ( 610 ) Le vostre versioni ( 53 )

I commenti (610)

Lascia un commento o chiedici un consiglio

  • Manuele83 ha scritto: domenica 07 ottobre 2018

    Salve vorrei sapere perché in questa ricetta per la crema ci sono determinate dosi e ingredienti, poi invece sotto c'è un collegamento che ti manda alla pagina della ricetta della crema pasticcera dove le dosi sono completamente differenti e la quantita che ne viene fuori anche ovviamente,quale prendere per buona? Fino a qualche tempo fa avevate la ricetta di una crema pasticcera che era una favola e poi l'avete cambiata e non l'ho più trovata era un vero e proprio punto di riferimento. Ho girato anche in altri siti e hanno tutti dosaggi differenti l'uno dall'altro. La ricetta della crema pasticcera non è solo una apparte le varianti come quella al limone,vaniglia,cioccolato,con farina o maizena? Perché dosaggi diversi? Una volta ho seguito una ricetta su un libro di cucina di una nota casa editrice dove per fare la crema non c'era scritto ne farina ne tanto meno maizena,mi son detto proviamo ne sapranno piu di me.....risultato una bella frittata. Dico tutto ciò perché per me siete sempre stati un sito estremamente affidabile e cosi invece non ci si capisce più nulla quindi dispiace.

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: martedì 09 ottobre 2018

    @Manuele83: Ciao Manuele, le dosi sono indicate nella scheda mentre i rimandi sono solo relativi ai procedimenti. La crema pasticcera può variare in base a gusto e consistenza che si vuole conferire. La ricetta è stata modificata per renderla più aggiornata rispetto alle tecniche di cucina, ad esempio l'uso della maizena al posto della farina 00. Senza farina non è una crema pasticcera, forse avevi trovato la ricetta di una crema inglese...

  • LORIS1976 ha scritto: domenica 16 settembre 2018

    Ciao, il problema che ho riscontrato più volte è la consistenza della diplomatica in quanto all'atto dell'inserimento della chantilly alla pasticcera il composto perde di densità e resta troppo liquido, anche dopo il riposo di mezz'ora, rendendo difficile se non impossibile la composizione della torta. Nel tentativo di evitare il problema ho anche tenuto la pasticcera più a lungo sul fuoco facendola addensare maggiormente. La crema anziché fare da legante tra i vari strati scivola all'esterno, la torta è molto instabile e i cubetti hanno difficoltà ad attaccarsi. Grazie

  • Redazione Giallozafferano ha scritto: lunedì 17 settembre 2018

    @LORIS1976: ciao! Probabilmente la panna non è montata abbastanza! Ti ricordiamo anche di aggiungerla sempre poco per volta! 

Leggi tutti i commenti ( 610 ) Scrivi un commento

Fatte da voi

  • ivirosa
    Buonissima!
  • francypix
    Io ho aggiunto fragole e ananas all'interno.. freschissima e golosa!
  • LORIS1976
    Seguita la ricetta passo passo, uscita al primo colpo bella e buona!

Ultime ricette

Dolci

Gli struffoli sono un dolce tipico della tradizione napoletana e rappresentano una delle ricette più caratteristiche del periodo natalizio.

  • Difficoltà: media
  • Preparazione: 25 min
  • Cottura: 15 min

Primi piatti

Il risotto con capesante e agrumi è un semplice primo piatto, elegante e profumato, facile da realizzare e perfetto per le occasioni speciali!

  • Difficoltà: bassa
  • Preparazione: 40 min
  • Cottura: 25 min

Lievitati

Il panettone con fichi e mandorle è un lievitato da fare in casa durante le feste: l'uso della frutta secca rende speciale il famoso dolce del Natale!

  • Difficoltà: molto elevata
  • Preparazione: 60 min
  • Cottura: 75 min

Mimosa
Ricetta torta mimosa classica
Torta mimosa all ananas
Torta mimosa al cioccolato
Antipasti
Primi
Secondi
Dolci
Ricette di Natale
Primi di Natale
Dolci di Natale
Antipasti di Natale