Treccia di pasta lievitata

/5

PRESENTAZIONE

Treccia di pasta lievitata

La treccia di pasta lievitata è un dolce con il lievito di birra fresco, perfetto per la prima colazione ma anche ottimo come merenda. Una treccia di pan brioche che farà felice tutta la famiglia! Realizzarla a casa non sarà così difficile... noi abbiamo utilizzato la planetaria per facilitarci ad ottenere un impasto liscio e morbido, ma anche lavorando l'impasto a mano otterrete un ottimo risultato! Divertitevi a prepararla in compagnia dei più piccoli, impazziranno per la granella di zucchero in superficie...impreziositela con uvetta o gocce di cioccolato. Gustatela al naturale, accompagnandola con una tazza di cioccolata, caffè o cappuccino! Provate anche a tostarla e servitela con la vostra confettura preferita. E per i più golosi vi consigliamo di provare anche la nostra versione alla Nutella!  

INGREDIENTI

Ingredienti per l'impasto
Burro 40 g
Farina 00 320 g
Lievito di birra fresco 12 g
Zucchero 80 g
Baccello di vaniglia 1
Scorza di limone ½
Sale fino 1 pizzico
Uova (circa 2) 100 g
Latte intero 80 g
Ingredienti per la ricopertura
Uova 1
Granella di zucchero 40 g
Preparazione

Come preparare la Treccia di pasta lievitata

Per preparare la treccia di pasta lievitata come prima cosa fondete il burro e lasciatelo intiepidire. Poi fate intiepidire il latte quindi versatelo in una ciotolina dove avrete già sbriciolato il lievito di birra 1, unite lo zucchero 2 e mescolate il tutto fino a che non sarà sciolto 3.

Versate la farina setacciata nella ciotola della planetaria, unite il composto di latte e lievito 4 ed aggiungete il burro fuso 5. Sbattete le due uova e unitele agli ingredienti nella planetaria 6

assieme alla scorza grattugiata di mezzo limone 7, ai semi di una bacca di vaniglia 8 e al sale 9

Cominciate a lavorare gli ingredienti con il gancio fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Dovrà risultare morbido ma ben incordato 10. Trasferite il composto sul piano di lavoro leggermente infarinato 11 e pirlatelo velocemente con le mani 12

Trasferite l’impasto in una ciotola 13 e coprite il tutto con la pellicola 14. Lasciate lievitare a circa 25° per 90 min 15

Trascorso il tempo trasferite l’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e dividete l’impasto in tre parti uguali da circa 200 g l’uno 16 17. Formate dei filoni da 35 cm 18

e realizzate una treccia. Per farlo sigillate insieme una dell'estremità dei 3 filoni 19 e iniziate ad intrecciarli 20. Una volta che la treccia sarà pronta fermate bene le estremità 21

Trasferite su una placca da forno rivestita di carta 22 e lasciate lievitare ancora per 30 min coperta con pellicola 23. Quando sarà ben lievitata eliminate delicatamente la pellicola 24.

Spennellate la superficie con un uovo sbattuto 25 e decorate con la granella di zucchero 26. Cuocete in forno statico a 170° per 35 min circa, ripiano medio. Dovrà risultare morbida ma ben cotta e dorata in superficie 27.

Conservazione

Si conserva per 2 giorni a temperatura ambiente ben coperta. È possibile congelarla dopo la cottura.

Consiglio

È possibile aggiungere delle gocce di cioccolato o uvetta passa all’impasto.

RICETTE CORRELATE
COMMENTI580
  • Cortito
    sabato 31 ottobre 2020
    Usando farina tipo 2 devo apportare qualche variazione?
    Redazione Giallozafferano
    sabato 31 ottobre 2020
    @Cortito: Ciao, ogni farina ha un diverso grado di assorbimento dei liquidi. Per darti un'indicazione precisa dovremmo provare. Quindi possiamo solo dirti di testare e di controllare la consistenza dell'impasto.
  • claudiac66
    giovedì 29 ottobre 2020
    Pensavo che fosse più difficile da fare, anche perché l'ho impastata a mano, invece è stato semplice, però anche io ho dovuto aggiungere farina perché era troppo molle, forse bisogna rivedere un po' le dosi? Comunque ottima, per la colazione è perfetta.
    Redazione Giallozafferano
    sabato 31 ottobre 2020
    @claudiac66: ciao, impastando a mano probabilmente si è scaldato troppo l'impasto, inoltre ricordiamo sempre di aggiungere i liquidi un po' alla volta perché ogni farina ha una capacità di assorbimento differente smiley