Triglie alla Vernaccia

PRESENTAZIONE

La cucina sarda, caratterizzata da sapori semplici e decisi, si basa sull’utilizzo di prodotti genuini e strettamente legati al territorio: l’area di Oristano, per esempio, è famosa per la bottarga di muggine, ingrediente principe per gli intramontabili spaghetti con la bottarga o le lorighittas, un particolare formato di pasta. Questa zona è rinomata anche per una speciale DOC: la Vernaccia di Oristano, un vino di alta qualità da gustare al calice o con cui preparare ad esempio delle profumatissime triglie alla Vernaccia. Questo tipico secondo di mare, che conosce alcune varianti come tutti i piatti legati al territorio, viene cotto in un gustoso sughetto di pomodorini freschi insaporito con scorza di limone e prezzemolo per un risultato dal profumo tutto mediterraneo! Le carni tenere e delicate delle triglie di scoglio, da preferire a quelle di fango in questo caso, vengono esaltate da una breve cottura e dall’aroma unico conferito dal vino. Non fatevi trarre in inganno dalla presentazione rustica: le triglie alla Vernaccia sono come gli isolani che le hanno inventate… buone nell’animo!

Leggi anche: Triglie alla livornese

INGREDIENTI
Triglie (4 da pulire) di scoglio 850 g
Vernaccia di Oristano DOC 100 g
Pomodorini datterini 300 g
Pangrattato 20 g
Scorza di limone non trattato 1
Prezzemolo q.b.
Aglio 1 spicchio
Olio extravergine d'oliva 30 g
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
Preparazione

Come preparare le Triglie alla Vernaccia

Per preparare le triglie alla Vernaccia, per prima cosa lavate i pomodorini e schiacciateli con le dita in una ciotola per far fuoriuscire il succo e i semini 1. Versate circa 20 g di olio in una padella antiaderente, aggiungete lo spicchio d’aglio 2 e lasciate insaporire per 1 minuto, poi unite i pomodorini con il loro succo 3, salate e pepate.

Coprite con un coperchio 4 e cuocete a fuoco medio per circa 15 minuti. Nel frattempo preparate il resto degli ingredienti: tritate il prezzemolo 5, grattugiate la scorza di limone 6 e tenete da parte.

Squamate le triglie 7, poi incidete il ventre con un coltello 8 e sciacquatele sotto l’acqua corrente per rimuovere le interiora 9: in tutto dovreste ottenere circa 650 g di triglie pulite.

Trascorso il tempo di cottura dei pomodorini, trasferiteli in una ciotola 10 e versate l’olio rimanente nella stessa padella. Adagiate le triglie nella padella 11, alzate la fiamma a livello medio-alto e spolverizzate con il pangrattato 12

e la scorza grattugiata di limone 13, poi salate e pepate. A questo punto sfumate con la Vernaccia di Oristano DOC 14 e, una volta che sarà evaporata, girate le triglie sull’altro lato aiutandovi con un cucchiaio o una forchetta 15.

Cuocete per un paio di minuti, poi aggiungete i pomodorini 16, abbassate la fiamma e lasciate cuocere a fuoco dolce per 4-5 minuti. A fine cottura profumate con il prezzemolo tritato 17 e servite le vostre triglie alla Vernaccia ben calde 18!

Conservazione

Si consiglia di consumare le triglie alla Vernaccia appena pronte, oppure potete conservarle in frigorifero, coperte con pellicola, per massimo un giorno. Si sconsiglia la congelazione.

Consiglio

Per velocizzare la preparazione potete chiedere al vostro pescivendolo di darvi delle triglie già pulite. La ricetta tradizionale prevede le triglie intere, ma se preferite si possono utilizzare anche i filetti già pronti.

2 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • Maria
    martedì 19 giugno 2018
    Buona ricetta!
  • Marinella
    sabato 09 giugno 2018
    Ottima ricetta,facile e sicuramente gustosa
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo