Trippa alla Fiorentina

PRESENTAZIONE

Trippa alla Fiorentina

La trippa alla Fiorentina è sicuramente una delle ricette di frattaglie più conosciute non solo per la facilità con cui si prepara, ma anche per il suo sapore semplice ma allo stesso tempo deciso.
La trippa è sempre stata, fin dall'antichità, un alimento molto consumato in Toscana, e in particolar modo a Firenze dove ancora oggi è molto apprezzata.
Quello che sappiamo della trippa alla fiorentina è che, anche se preparata con ingredienti "modesti", il Maestro Martino, grande cuoco del XV secolo, autore de "Arte coquinaria", la consegnò a Bartolomeo Sacchi che ne favorì la diffusione.
La trippa è una pietanza che fa parte della tradizione gastronomica italiana, esistono diverse varianti da nord a sud come la trippa alla milanese e la trippa alla romana.

Leggi anche: Trippa alla romana

INGREDIENTI
Olio extravergine d'oliva ½ bicchiere
Burro 30 g
Sedano 1 costa
Carote 1
Cipolle 1
Vino bianco ½ bicchiere
Parmigiano reggiano 100 g
Aglio 1 spicchio
Pepe nero q.b.
Trippa precotta 1 kg
Pomodori pelati 300 g
Alloro 3 foglie
Preparazione

Come preparare la Trippa alla Fiorentina

Per preparare la trippa alla fiorentina per prima cosa procuratevi dal vostro macellaio di fiducia della trippa già pulita ed anche parzialmente lessata. Affettate la trippa sottile 1, lavatela per bene sotto l’acqua corrente 2 e lasciatela scolare bene in un colino. Occupatevi ora del soffritto (per realizzarlo al meglio seguite la nostra scheda come fare il soffritto): sbucciate la carota e tagliatela a fette molto sottili per il senso della lunghezza, quindi ricavate dei cubetti 3.

Lavate la costa di sedano, eliminate la membrana filamentosa esterna con il pelapatate 4. Dividete la costa a metà e tagliatela a cubetti piccoli 5. Sbucciate la cipolla, dividetela a metà, e riducetela a piccoli dadini 6.

In un tegame, fate soffriggere l’olio e il burro insieme 7 poi unite le verdure per il soffritto: il sedano, la carota  8 e la cipolla 9

poi aromatizzate con le foglie di alloro e uno spicchio di aglio 10; fate rosolare le verdure a fuoco basso solo per 5 minuti perché poi si cuoceranno con la trippa, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Prima di aggiungere la trippa, togliete l’aglio con una pinza da cucina 11 e questo punto aggiungete la trippa 12, fatela rosolare per insaporirla

e  poi versate nel tegame il vino bianco 13 che farete evaporare completamente. Aggiungete ora i pomodori pelati 14 , salate e pepate  a piacere, coprite con il coperchio la pentola e portate a cottura la trippa bagnandola di tanto in tanto con del brodo caldo e girandola spesso, ci vorranno circa 2 ore (in alternativa per dimezzare i tempi potete usare la pentola a pressione). A fine cottura 15 spolverate con il Parmigiano Reggiano e lasciate riposare per 5 minuti. Servite la trippa alla fiorentina ben calda accompagnandola con dei crostini di pane.

Conservazione

Conservate la trippa alla fiorentina in frigorifero, chiusa ermeticamente, per 2 giorni. Se volete potete anche congelare la trippa.

Consiglio

Quando ci vuole, ci vuole: vi consiglio di comprare la trippa già pulita e precotta. Questione di tempo: i tempi di cottura (che rimangono lunghi), sarebbero infiniti, per non parlare del tempo da dedicare alla pulizia… Vi posso giurare che il risultato sarà comunque fenomenale. Soprattutto se servirete la vostra trippa come piatto unico, accompagnata con patate, purè o verdurine, come i fagiolini o gli spinaci passati in aglio e olio.

Curiosità

Se volete gustare la trippa allo stesso modo dei Fiorentini non potete non assaggiare il lampredotto, un particolare panino "toscanissimo" ( il semelle) riempito di trippa. Lo potete trovare, in alcune zone di Firenze, come Via Cimatori o Piazza Frascobaldi, o ancora all' Arco di San Pietro, ai caratteristici carretti dei venditori ambulanti...da provare!

105 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • tifoso55
    giovedì 31 gennaio 2019
    Nella preparazione della ricetta c'è scritto di aggiungere i pelati però nella lista degli ingredienti i pelati non ci sono perciò non so la quantità di pelati da mettere
    Redazione Giallozafferano
    venerdì 01 febbraio 2019
    @tifoso55: Ciao, la dose dei pelati è 300 g ed è indicata nel box degli ingredienti.
  • Marghe67
    venerdì 30 marzo 2018
    Una precisazione: il "lampredotto" non è il panino con la trippa. La trippa è uno degli stomaci della mucca e lo è anche il lampredotto. A differenza della trippa però, il lampredotto deriva dall’ abomaso, l’ ultimo degli stomaci della mucca. Il panino è ottimo sia con l'uno che con l'altra. Fiorentina, cucino spesso sia trippa che lampredotto: nella mia famiglia ne vanno matti, come dicevate anche voi... Da perfetti fiorentini 😂
5 FATTE DA VOI
Momela
la mia trippa alla Fiorentina. una vera bontà😋😋😋😋
Jennifer99F
La mia trippa!
papolacchio
x
Clack1972
come prima volta mi sembra che manchi un po’ di sapore: forse la scelta del pomodoro deve essere più accurata
pepesal
trippa alla Fiorentina
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo