PRESENTAZIONE

Zuppa autunnale

L’autunno è arrivato e porta con sé tanti sapori che scaldano il cuore come la nostra zuppa autunnale, un primo piatto ricco e genuino che vi accompagnerà nelle prime giornate fredde, quando avrete il desiderio di rifocillarvi con gusto. In questa deliziosa e cremosa zuppa abbiamo chiamato a raccolta gli ingredienti più gustosi della stagione: la zucca con il suo sapore agrodolce, il cavolo nero che darà una nota decisa al piatto, i fagioli borlotti, teneri e polposi e per finire un tocco croccante che solo le noci sanno dare. Accompagnate la zuppa autunnale con dei fragranti crostini di pane tostato per completare nel modo più sfizioso questo piatto e approfittate di questa meravigliosa stagione per provare anche altre appetitose varianti, come la zuppa di ceci e zucca o una deliziosa vellutata al cavolo nero!

Leggi anche: Vellutata al cavolo nero

INGREDIENTI

490
CALORIE PER PORZIONE
Zucca pulita 840 g
Fagioli borlotti 500 g
Porri 80 g
Cavolo nero 100 g
Brodo vegetale 2 l
Rosmarino 2 rametti
Alloro qualche foglia
Olio extravergine d'oliva 40 g
Sale fino q.b.
Pepe nero q.b.
per accompagnare
Pane 8 fette
Olio extravergine d'oliva q.b.
Rosmarino q.b.
Gherigli di noci 50 g
Sale fino q.b.
Preparazione

Come preparare la Zuppa autunnale

Per realizzare la zuppa autunnale iniziate tagliando la zucca prima a fettine 1, eliminate la buccia quindi riducete la polpa a cubetti di circa 2 cm 2. Legate con lo spago le foglie di alloro e i rametti di rosmarino 3, in questo modo sarà più facili eliminarli a fine cottura.

Sgranate i fagioli 4 e raccoglieteli in una ciotola. Spuntate la base del porro, eliminate la parte verde più coriacea e togliete le prime due foglie, quindi affettatelo a rondelle 5. Lavate le foglie del cavolo 6

E tagliatele a pezzi grossolani 7. Gli ingredienti sono pronti per la cottura: scaldate l’olio di oliva in un tegame ampio, aggiungete il porro affettato 8, lasciatelo rosolare per 1 minuto, quindi coprite con un mestolo di brodo 9 e lasciate stufare per 5-6 minuti.

Quando il porro sarà stufato, aggiungete la zucca a dadini 10 i fagioli sgranati 11 , il cavolo nero 12

e per finire il mazzetto di erbe aromatiche 13, coprite le verdure con il brodo 14 in modo che risultino completamente immerse nel liquido, quindi coprite con il coperchio 15 e lasciate cuocere per circa 2 ore; mescolate di tanto in tanto.

Trascorso il tempo di cottura, le verdure risulteranno tenere; eliminate il rametto di erbe aromatiche, salate 16 e pepate a piacere, quindi tenete in caldo. Affettale il filone di pane 17, adagiate le fettine su una leccarda rivestita con carta da forno 18,

insaporite con olio di oliva 19, un pizzico di sale e aghetti di rosmarino 20, quindi fate tostare il pane fino a dorarlo 21 in forno statico preriscaldato a 240° in modalità grill per 3-4 minuti.

Ora ponete i gherigli di noci in una padella ben calda 22 (potete lasciarle intere oppure sbriciolarle grossolanamente), tostatele per 3 minuti per dorarle agitando la padella per non farle bruciare 23, quindi unitele alla zuppa. Servite la zuppa autunnale calda 24 accompagnandola con i crostini di pane tostato.

Conservazione

Conservate la zuppa autunnale in frigorifero per un apio di giorni al massimo. E’ possibile congelarla se avete utilizzato ingredienti freschi. In alternativa ai fagioli freschi potete usare i fagioli secchi avendo cura di metterli in ammollo prima della cottura per almeno 12 ore e di cuocerli a parte perché richiederanno dei tempi più lunghi per renderli morbidi.

Consiglio

In alternativa ai fagioli freschi potete usare i fagioli secchi avendo cura di metterli in ammollo prima della cottura per almeno 12 ore e di cuocerli a parte perché richiederanno dei tempi più lunghi per renderli morbidi.

40 COMMENTI
Commenta o chiedici un consiglio
  • PassioneCucina65
    venerdì 17 gennaio 2020
    Ciao GialloZafferano ieri sera ho provato questa zuppa , è buonissima e soprattutto sana Grazie grazie GialloZafferano siete bravissimi un caro saluto a tutti voi
  • imago25
    martedì 07 gennaio 2020
    dovreste ricordarvi, più spesso, di dire come deve essere la fiamma sotto la pentola, alta, bassa o media.
    Redazione Giallozafferano
    mercoledì 08 gennaio 2020
    @imago25:Ciao, grazie del tuo suggerimento! smiley
RICETTE CORRELATE

Ti suggeriamo